Dimmi come puzza il tuo cerume e ti dirò chi sei

orecchioIl nostro cerume potrebbe contribuire a dimostrare la nostra identità e anche rivelare ciò che abbiamo mangiato e dove siamo stati. Ma non solo: gli scienziati del Monell Center di Philadelphia dicono che la sostanza potrebbe anche rivelare informazioni sul nostro orientamento sessuale e sulla nostra salute.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Dicono che nuovi test potrebbero essere sviluppati per dimostrare l’ID delle persone e la loro etnia potrebbero essere determinate semplicemente cercando nel loro orecchio.

- Prosegue dopo la pubblicità -

‘La nostra ricerca precedente ha dimostrato che gli odori ascellari possono trasmettere una grande quantità di informazioni su un individuo, compresa l’identità personale, il sesso, l’orientamento sessuale, e lo stato di salute’, afferma George Preti, PhD, un chimico organico a Monell e autore dello studio.

- Prosegue dopo la pubblicità -

‘Crediamo che sia possibile che il cerume possa contenere informazioni simili.’

Il team ha utilizzato la chimica organica analitica per identificare la presenza di composti chimici che producono odore di cerume umano.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Inoltre, hanno scoperto che le quantità di questi composti differiscono tra gli individui di origine orientale asiatica e caucasici.

I risultati suggeriscono che il cerume umano, una secrezione corporea facilmente ottenuta, potrebbe essere una fonte trascurata dei dati personali, dicono.

Il cerume è una miscela di secrezioni delle ghiandole sudoripare specializzate con materiali grassi secreti dalle ghiandole sebacee.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Può avere uno dei due tipi fisici: uno cera giallo-marrone bagnato o una cera bianco secco.
L’interesse di Preti nel cerume è stato suscitato dalla constatazione che un piccolo cambiamento in un gene noto come ABCC11 è legata anche alla produzione dell’odore ascellare e anche se una persona ha cerume bagnato o asciutto.

Gli individui di etnia orientale (ad esempio, cinese, coreano e giapponese) e i discendenti di nativi americani hanno una forma del gene che codifica l’ABCC11 sia per il cerume di tipo secco e anche per ridurre l’odore ascellare del corpo rispetto ad individui di altre etnie, che in genere producono una cerume di tipo bagnato e maggiore odore del corpo.

Per scoprire se il cerume avesse un odore caratteristico, i ricercatori hanno raccolto il cerume da 16 uomini sani: otto caucasici e otto di origine orientale.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Ogni campione è stato posto in una fiala, che è stato riscaldata delicatamente per 30 minuti a promuovere il rilascio di molecole presenti nell’aria note come composti organici volatili (VOC), molte delle quali sono odorose.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Un dispositivo assorbente è stato quindi inserito attraverso un tappo del flacone per raccogliere COV dai contenitori chiusi e utilizzato tecniche con gas monocromatico di spettrometria di massa utilizzate per analizzare i composti chimici.

L’analisi ha rivelato che 12 COV sono stati costantemente presenti nel cerume di tutti gli uomini. Tuttavia, la quantità di COV varia in funzione della provenienza etnica del soggetto, con i caucasici che hanno una maggiore quantità di 11 dei 12 COV rispetto asiatici orientali.

‘In sostanza, potremmo ottenere informazioni su origine etnica di una persona semplicemente cercando nelle sue orecchie.

‘Mentre i tipi di odori erano simili, gli importi erano molto diversi’, ha detto Katharine Prokop-Prigge, un chimico di Monell.

I ricercatori sospettano che la natura grassa del cerume renda probabile odoranti liposolubili prodotti da alcune malattie e l’ambiente.

Prokop-Prigge sottolinea che almeno due malattie metaboliche producono odore (la Malattia delle urine a sciroppo d’acero e l’alcaptonuria) possono essere identificate attraverso l’analisi del cerume prima che possano essere diagnosticate con tecniche tradizionali quali il sangue e l’analisi delle urine.

‘Gli odori di cerume possono essere in grado di dirci ciò che una persona ha mangiato e dove sono stati’ ha detto Preti. ‘Il erume è una secrezione del corpo trascurata il cui potenziale come fonte di informazioni deve ancora essere esplorato.’

Studi futuri dovranno esaminare queste possibilità.

Fonte: www.dailymail.co.uk