Mammiferi fiorenti prima della scomparsa dei dinosauri – lo dicono i paleontologi

La “storia standard” dell’origine dei mammiferi sostiene che i nostri antichissimi antenati si nascondevano tra le ombre dei massi all’epoca dei dinosauri. I ricercatori dell’Università di Washington hanno invece scoperto che una classe di creature roditori sono vissute già tempo prima dell’estinzione dei dinosauri. “Se si tira fuori un libro di testo, ci sarà scritto che essenzialmente è con l’estinzione dei dinosauri che c’è stata l’occasione in cui i mammiferi hanno cominciato ad evolversi in forme diverse”, affera Greg Wilson, paleontologo e autore di uno studio pubblicato sulla rivista Nature. Almeno questo gruppo di mammiferi non sarebbe stato influenzato dall’estinzione dei dinosauri. Il periodo fiorente di questi primi mammiferi è seguito dalla nascita delle prime piante e dei primi fiori moderni. Attraverso l’analisi dei denti fossili, i ricercatori hanno concluso che i primi mammiferi si siano rapidamente adattati e diversificati per sfruttare le nuove fonti di cibo. Wilson ei suoi colleghi hanno battezzato gli animali con il nome di “multituberculates” ma gli esperti li chiamano semplicemente “multis”.  Sono anche considerati come anche come “la tribù di mammiferi perduta”, perché essi si estinsero 35 milioni di anni fa e non hanno parenti ancora in vita. Ma nel corso di un periodo del loro massimo splendore che durò quasi 100 milioni di anni, i multis erano i mammiferi più abbondanti sulla Terra. “Molto prima che ci fossero roditori e conigli, c’erano questi grandi multituberculates”, ha detto il paleontologo dell’Università di Chicago Zhe-Xi Luo, che non era coinvolto nello studio. “Ecco perché sono molto importanti per comprendere la storia della vita”. Gli scienziati sanno molto su multis perché fiorirono su quasi tutti i continenti e ha lasciato una ricca documentazione fossile, che è per lo più i denti, ma include alcuni esemplari così ben conservato che “assomigliano road uccidere”, ha detto Wilson. I primi multis erano circa delle dimensioni di topi, e probabilmente si nutrivano di insetti e frutta almeno 20 milioni di anni prima della scomparsa dei dinosauri, dove multis esplose in biodiversità, raggiungendo le dimensioni delle odierne marmotte. Per capire il perché, Wilson e i suoi colleghi provenienti da Finlandia e Australia hanno osservato le bocche dei resti fossili di questi animali. Multis prendono il loro nome dai loro denti posteriori, che sono increspati con tubercoli multipli, o cuspidi. I ricercatori hanno sviluppato un nuovo modo di quantificare tale caratteristica con l’ausilio dilaser e TC per ricostruire l’equivalente dentale ad alta risoluzione in mappe topografiche. Hanno analizzato le sezioni della mascella da 41 esemplari di multis, scoprendo che i loro denti si sono diversificati di molto in base all’epoca geologica. “Se guardo alla complessità dei denti, vi dirò la loro dieta,” ha spiegato Wilson. Dove i carnivori hanno denti semplici adatti a strappare la carne, i denti dei mangiatori di vegetali sono più grandi e diversi perché adatti a a masticare cose più difficili da estrarre ricche di sostanze nutrienti provenienti dalla vegetazione. L’evoluzione delle superfici dentali avrebbe permesso ai multis di consumare una grande varietà di moderni vegetali.

- Prosegue dopo la pubblicità -

E questo potrebbe spiegare perché i primi mammiferi erano in grado di prosperare nonostante vivessero in un mondo dominato dai dinosauri. Luo trova l’argomento convincente. “E ‘davvero la proiezione di un fascio di luce su questo misterioso gruppo”, ha detto. Anne Weil, paleontologo presso l’Oklahoma State University è più cauta, sottolineando che il legame tra l’aumento dei primi mammiferi con i vegetali moderni è ancora circostanziale. Ma lei è felice di vedere i multis presenti in una delle riviste scientifiche più autorevoli. “Sono molto sottovalutati”, afferma Weil. La ricerca sulle origini di mammiferi è un argomento caldo che ora e sta fornendo un quadro più sfumato. I primi mammiferi vissero fianco a fianco con i dinosauri per milioni di anni, ha sottolineato Wilson. “L’età dei dinosauri non era fatta di secoli bui per i mammiferi.” Multis è sopravvissuta anche al caos ecologico avvenuto durante l’estinzione dei dinosauri, 65 milioni di anni fa. Questo potrebbe essere dovuto al fatto che molti multis vivevano nelle tane, che avrebbero potuto dare una certa protezione, ha detto Luo (appoggiando quindi la teoria del disatro ambientale causato dall’impatto di un grosso asteroide sulla Terra, che avrebbe portato all’estinzione dei dinosauri). Subito dopo l’estinzione di massa però, vi erano i progenitori dei moderni roditori che ebbero la meglio sugli antichi multis. “Si potrebbe dire che i multituberculates fossero degli ottimi avversari contro i dinosauri”, afferma Luo, “ma non furono all’altezza dei roditori”.

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.