Diete antiche scoperte nella placca dentale

I ricercatori Richard G. Scott e Simon R. Poulson, della University of Nevada, hanno scoperto che le particelle molto piccole di placca rimosse dai denti delle popolazioni antiche possono fornire buoni indizi circa la loro dieta. Scott ha ottenuto i campioni di tartaro da 58 scheletri sepolti nella Cattedrale di Santa Maria nel nord della Spagna, risalente al 11 ° al 19 ° secolo per condurre una ricerca sulla dieta di questa popolazione antica. Dopo il suo primo incontro con risultati alterni, ha deciso di inviare cinque campioni di tartaro a Poulson presso il laboratorio di isotopi stabili dell’Università, nella remota possibilità che questi potessero contenere carbonio e azoto per permettere loro di stimare rapporti di isotopi stabili. “La chimica è piuttosto complessa”, ha spiegato Scott. “Ma in fondo, dal momento che le proteine ​​sono l’azoto, l’azoto è più che presente, i prodotti di origine animale sono stati consumati come parte della dieta. Il carbonio fornisce informazioni sui tipi di piante consumate. “Scott ha detto che una volta al laboratorio, il materiale è stato schiacciato, e quindi uno strumento chiamato spettrometro di massa è stato utilizzato per ottenere carbonio stabile e rapporti isotopici di azoto. “Era un campo lungo”, ha detto. “Nessuno davvero ha pensato che ci sarebbe stato abbastanza carbonio e azoto in questi piccoli campioni, che partono dai 5 – ai 10 milligrammi , ma il lavoro del Dr. Poulson ha rivelato la presenza di carbonio stabile e i rapporti di isotopi di azoto molto simili agli studi. Il collagene osseo utilizzato è il materiale utilizzato per questo tipo di analisi”. Scott ha poi spiegato che la pratica comune di utilizzare il materiale osseo per condurre una ricerca tale è ingombrante e costosa e richiede diversi bagni acidi per estrarre il collagene per l’analisi. Il processo distrugge anche l’osso, così in molti casi, questa tecnica non è consentita dai curatori di musei. Come per l’utilizzo dei capelli, muscoli e chiodi per tale ricerca, Scott afferma che: “Sono grandi, quando si riesce a trovarli. Il problema è, solo che non reggono molto bene. Si decompongono troppo in fretta del tartaro, nel bene e nel male, rimane intorno a un tempo molto lungo.” Scott ha detto che sebbene il lavoro aggiuntivo è necessario per stabilire con fermezza questo nuovo metodo di calcolo utilizzando il materiale dentale per la ricerca, i risultati di questo studio indicano che hanno un grande potenziale. “Questo è un lavoro pionieristico,” ha detto Scott. “Si potrebbe risparmiare un sacco di tempo e fatica, e consentono anche l’analisi quando le cose come i capelli, i muscoli e le unghie non sono più disponibili.” Scott è professore associato di antropologia del College of Liberal Arts. Poulson è professore di ricerca delle scienze geologiche nella Scuola Mackay di Scienze della Terra e Ingegneria.

Notizia su:
http://english.farsnews.com/newstext.php?nn=9102110713

- Prosegue dopo la pubblicità -

http://newsroom.unr.edu/2012/05/01/university-of-nevada-reno-researchers-discover-new-research-use-for-plaque

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.