Tassa su Facebook e Google proposta dall’Europa, Vinton Cerf: “internet mai a rischio come ora”

Secondo alcune fonti, L’ETNO, (associazione degli operatori europei di cui fa parte anche Telecom Italia), avrebbe proposto all’ITU una tassa per Facebook, Google, Netflix, Apple e altri sull’utilizzo della banda di cui queste imprese usufruirebbero per il funzionamento dei loro servizi. Secondo Cnet, la proposta è stata presentata dall’European Telecommunications Network Operators’ Association al Telecommunication Union Internet, un’ala delle Nazioni Unite. Fino ad oggi, gli operatori dorsali di Internet hanno predisposto accordi reciproci tra di loro per consentire il traffico di fluire liberamente. Cnet afferma che questa legislatura avrebbe proposto cambiare tutto questo, obbligando le aziende a negoziare individualmente. Questi negoziati potrebbero costare ad una società come Google miliardi di dollari l’anno. Il governo americano, non sarebbe contento di questi negoziati considerando che molte delle più grandi aziende del mondo di Internet sono americane, ma Cnet dice che altri membri della comunità Internet sono anche preoccupate che una simile decisione potrebbe significare che verranno persi molti accessi ad internet. In Europa, l’ETNO, la principale associazione di telecomunicazioni dell’Unione, afferma che non vi è alcuna richiesta delle Nazioni Unite di imporre tasse sui fornitori di contenuti Internet. L’ETNO ha detto che non prevede tasse sui fornitori di contenuti, ma intende piuttosto che gli operatori di reti di telecomunicazioni prendano in considerazione offerte commerciali con questi giganti dei contenuti online. La proposta dell’ETNO è stata presentata come argomento di dibattito delle Unione Internazionale delle Telecomunicazioni delle Nazioni Unite delle telecomunicazioni (ITU) nel mese di dicembre. Tuttavia, tra le revisioni dell’ITR che ETNO propone ce ne sarebbe una in particolare che potrebbe irritare i sostenitori della neutralità della rete. La sua formulazione proposta per un articolo si legge: “Nulla osta di accordi commerciali con qualità differenziata di fornitura di servizi per lo sviluppo”. Le preoccupazioni per il futuro dibattito sono state trasmesse in onda in una audizione del Congresso americano la settimana scorsa. L’informatico di Google Vinton Cerf ha avvertito poi che “Internet non è mai stata aperta al rischio più elevato di quanto non lo sia ora”. L’ITU ha dovuto discutere delle modifiche ai regolamenti dell’International Telecommunications (ITR) che regola il traffico internazionale di comunicazione. Con le regole originariamente redatte nel 1988, le nuove sarebbero considerate come un aggiornamento atteso da tempo da alcuni. “I nuovi servizi resi possibili da Internet stanno cambiando il panorama economico, e in effetti la natura stessa del settore delle telecomunicazioni”, dice la proposta ETNO. “Le revisioni del ITRs dovrebbero riconoscere il principio che l’equo compenso viene ricevuto per il traffico effettuato e le entrate degli operatori non deve essere scollegata dalla necessità di investimento causato da una rapida crescita del traffico Internet. Ciò dovrebbe essere realizzata meglio mediante accordi commerciali tra gli operatori.” Tuttavia i critici hanno detto che questo principio di “network mittente paga” poteva vedere enormi costi per i siti web più popolari del mondo. L’ETNO rappresenta 41 operatori in 35 paesi europei, tra cui Belgacom, Telecom Italia, Orange France e Deutsche Telecom – aziende che si sono lamentate della “banda” che secondo loro sarebbe monopolizzata da tempo dai siti web.

Fonte su:
http://www.pcworld.com/businesscenter/article/257223/eu_carriers_were_not_asking_the_un_for_internet_taxes.html

- Prosegue dopo la pubblicità -

e su:
http://gizmodo.com/5916875/europe-wants-to-tax-internet-giants-for-bandwidth-use

- Prosegue dopo la pubblicità -

e su:
http://www.zeusnews.it/index.php3?ar=stampa&cod=17764

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.