Ricercatrice scopre piramidi perdute con Google Earth: video e foto

Un ricercatore archeologico sostiene di aver trovato due serie di quelle che potrebbero essere piramidi non ancora scoperte nel deserto egiziano utilizzando Google Earth, ma gli esperti dicono che è troppo presto per confermare la scoperta. Angela Micol, un ricercatore che scruta le immagini aeree per i segni di rovine e di altri manufatti, ha notato le caratteristiche tracce mentre indagava in aree circostanti gli insediamenti esistenti. Il primo sito (in alto a sinistra), si trova a soli 1,5 km dalle rovine di un’antica città chiamata Dimai, ed è costituita da una grande formazione quadrata e tre (o forse più) piccole “strutture”. I più piccoli sono meno allineati con il nord, come le piramidi di Giza, anche se quella di grandi dimensioni è evidentemente fuori asse. In un comunicato stampa, Micol ha detto che l’egittologo Nabil Selim ha confermato che entrambi i siti sono sconosciuti. Ha detto che i risultati sono stati inviati ad altri esperti per l’analisi. Presi da soli, le pretese piramidi non sono particolarmente significative per il momento. I Processi geologici possono, dopo tutto, incredibilmente formare strutture regolari. Anche se le strutture fossero artificiali, hanno potuto avere una provenienza più prosaica. Sarah Parcak, un archeologo presso la University of Alabama a Birmingham il cui lavora con immagini satellitari a infrarossi, ha portato alla scoperta di diverse piramidi perdute nel 2011, affermando via e-mail che i risultati non erano autorevoli. In una mail separata, l’egittologo Bob Brier, ricercatore senior presso la CW Post Campus di Long Island University, afferma che le dichiarazioni sono premature. Un video del Canale YouTube “NewsyScience“:

“C’è una piccola possibilità che una o due possano essere piramidi, ma a me non sembra,” ha scritto Brier. Robert Littman, un archeologo della University of Hawaii che è un direttore del progetto di scavo di Tell Timai in Egitto, ha convenuto che è prematuro dire quali erano le strutture – ma ha detto che le immagini di Google Earth risultano comunque “molto interessanti”. “Può anche rivelarsi una piramide, ma può rivelarsi un’altra struttura”, ha detto in un’intervista telefonica. Un video dal Canale YouTube di “RaiNews24“:

Il processo di registrazione e di protezione di tali siti potrebbe significare che la natura di queste scoperte, se sono scoperte in fatto, non sarà reso pubblico per qualche tempo. Nel frattempo, egittologi amatoriali possono continuare perlustrando la zona per più funzioni utilizzando lo stesso metodo utilizzato da Micol: Google Earth. L’altra potenziale scoperta (in basso) si trova a circa 12 miglia da Abu Sidhum, una città sul Nilo. La sua caratteristica più importante è un grande altopiano triangolare con i lati regolari che sono stati gravemente erosi. Il centro di questo triangolo ha un paio di funzioni circolari che possono essere state pozzi o tumuli.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Notizia su:
http://www.technolog.msnbc.msn.com/technology/technolog/google-earth-pyramid-claims-stir-controversy-939721

- Prosegue dopo la pubblicità -

e su:
http://www.albawaba.com/editorchoice/egypt-google-pyramids-438349

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.