Il Large Binocular Telescope stabilisce nuovi standard per l’astronomia ottica

Astronomia Scienza

Un telescopio in Arizona ha catturato alcune delle più chiare immagini di lontani oggetti celesti, tra cui le prime immagini del pianeta più interno in un sistema planetario distante 127 anni luce dalla Terra. Ha raggiunto questo astronomico tour de force usando una tecnica chiamata ottica adattiva, che elimina la sfocatura causata dall’atmosfera terrestre. Scrutare attraverso l’atmosfera è uno svantaggio per i telescopi a terra rispetto ai telescopi orbitanti, come il telescopio spaziale Hubble. Ma gli osservatori terrestri hanno un grande vantaggio: possono usare degli specchi molto più grandi per catturare la luce. Ad esempio, Hubble ha un solo punto di raccolta per la luce di con uno specchio grande meno di 8 metri. Il Large Binocular Telescope in Arizona ha due specchi primari di raccolta della luce, ognuno grande 27,5 metri. Più grandi sono gli specchi, più il telescopio è in grado di vedere gli oggetti più deboli e più piccoli. Fino ad ora, tale vantaggio di dimensioni è stato negato dalla turbolenza atmosferica, che causa il diffondersi della luce, creando un’immagine di stelle sfocata. Ma l’ottica adattiva sta cambiando tutto questo. Il sistema LBT analizza la distorsione causata dalla luce delll’aria sopra il telescopio, e quindi corregge tale distorsione utilizzando un sistema a secondo specchio che può cambiare la sua forma 1000 volte al secondo per compensare la turbolenza atmosferica. “Con questa nuova tecnologia senza eguali, siamo in grado di sondare le close-in in ambienti di stelle vicine con una chiarezza che non era possibile in precedenza”, afferma Richard Green, direttore del LBT. Ad esempio, LBT è stato in grado di vedere un quarto pianeta del sistema noto come HR8799, un oggetto la quale esistenza era solo sospetta, ma non era stato visto prima. E ‘stato anche in grado di dedurre che il pianeta ha probabilmente un’atmosfera composta da metano. Ecco un video che mostra in azione il telescopio:

“E ‘incredibile che ora possiamo imparare molto su questi mondi lontani, quando poco tempo fa le immagini di pianeti extrasolari erano ancora un sogno”, ha detto l’astronomo dell’Università di Arizona Andy Skemer. Il LBT è una collaborazione internazionale. I suoi partners sono: l’University of Arizona, l’Istituto Nazionale di Astrofisica, Italiano, la Max Planck Society, l’Istituto Astrofisico di Potsdam, l’Università di Heidelberg, The Ohio State University, l’Università di Notre Dame, l’University of Minnesota e l’University of Virginia.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Notizia su:
http://www.npr.org/blogs/thetwo-way/2012/03/15/148699573/arizona-telescope-sets-new-standard-for-optical-astronomy

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il sito del Large Binocular Telescope: www.lbto.org

- Prosegue dopo la pubblicità -