Troppo sale fa male, ma poco sale anche: è un antidepressivo naturale

Mangiare troppo sale si sà, fa male, ma mangiarne troppo poco potrebbe nuocere di molto la nostra salute, soprattutto psicologica. Il tutto sarebbe collegato al fatto che gli esseri umani hanno conservato nel loro organismo la dipendenza dal sale degli antichi esseri viventi, nostri progenitori, che vivevano a stretto contatto con gli oceani, e quindi con il sale. Già nel 2009 lo psicologo Alan Kim Johnson e i suoi colleghi hanno trovato nella loro ricerca che i topi carenti di cloruro di sodio, il comune sale da tavola, evitavano attività che normalmente godono, come bere una sostanza zuccherina. “Le cose che normalmente sarebbero piacevoli per i ratti non ha provocato lo stesso grado di gusto, il che ci porta a credere che un deficit di sale e il desiderio associato ad esso può indurre uno dei sintomi chiave associati alla depressione”, affermò Johnson. Anche se i ricercatori ci tengono a precisare che l’effetto collaterale di una mancanza eccessiva di sale comporterebbe una perdita di piacere in attività normalmente piacevoli, che risulta una delle caratteristiche più importanti di depressione psicologica. E l’idea che il sale sia una sostanza naturale in grado di elevare lo stato d’animo, potrebbe contribuire a spiegare perché siamo così tentati a mangiarlo, anche se è noto che questo contribuisce alla pressione alta, alle malattie cardiache e ad altri problemi di salute. Precedenti ricerche hanno dimostrato che la media in tutto il mondo per il consumo di sale per individuo è di circa 10 grammi al giorno, che è maggiore della dose consigliata dalla US Food and Drug Administration, che raccomanda l’assunzione di circa 4 grammi, e può superare la dose reale del fabbisogno dell’organismo, che in realtà si aggira a non più di 8 grammi. Il consumo di sale risale già dal 2000 aC, quando il prezzo del prodotto era già piuttosto rilevante, si scoprì infatti che risultava un ottimo conservante alimentare. I soldati romani sono stati pagati in sale, (da qui il termine salario). Nel 19 ° secolo, l’utilizzo del sale come conservante permetteva di lasciare i cibi con una refrigerazione minima. Oggi, il 77 per cento del nostro consumo di sale proviene da prodotti alimentari trasformati e dai ristoranti, come i piatti pronti surgelati e fast food. L’evoluzione dell’essere umano potrebbe aver giocato un ruolo importante per quando riguarda il sale. Gli esseri umani si sono infatti evoluti da creature che vivevano in acqua salata dell’oceano. Una volta a terra, il corpo continua ad avere bisogno di sodio e cloruro perché i minerali giocano un ruolo chiave nel permettere ai liquidi di passare dentro e fuori le cellule, e per aiutare le cellule nervose a trasferire le informazioni in tutto il cervello e il corpo. Ma, come l’uomo si è evoluto nel clima caldo d’Africa, il sudore ha “rubato” il sodio dal corpo. Il sale era scarso perché i nostri primi antenati mangiavano prevalentemente vegetali e vivevano lontani dal mare. “La maggior parte dei nostri sistemi biologici richiedono sodio per funzionare correttamente, ma come una specie che non va bene con se stessa, i nostri reni si sono evoluti fino a diventare avari di sale,” afferma Johnson. Il Comportamento è venuto a svolgere un ruolo fondamentale nel rendere la sicurezza di avere abbastanza sale a bordo. Animali come noi sono dotati di un sistema progettato per rilevare il gusto di sale e un cervello che ricorda l’ubicazione delle fonti di sale – come le pecore che leccano una fonte di sale in un pascolo. Un meccanismo che dona piacere nel cervello e che viene attivato quando il sale viene consumato. Così il corpo ha bisogno di sale e sa come trovarlo e come conservarlo. Ma oggi gli scienziati stanno scoprendo che questo crea dipendenza. Un segno di dipendenza è indice di una sostanza dannosa. Molte persone sono costrette a ridurre la quantità di sodio a causa di problemi di salute, ma hanno difficoltà a farlo perché a loro piace il sapore e trovare alimenti poveri in sodio è difficile. Un altro aspetto forte della dipendenza è lo sviluppo del desiderio intenso quando i farmaci sono trattenuti. Gli esperimenti di Johnson e colleghi indicano i cambiamenti nell’attività cerebrale simili quando i ratti sono esposti a farmaci o a carenza di sale. “Questo suggerisce che il bisogno e la voglia di sale possono essere collegate alle vie cerebrali stesse relative alla tossicodipendenza e di abuso”, ha detto Johnson.

Notizia su:
http://www.sciencedaily.com/releases/2009/03/090310152329.htm

- Prosegue dopo la pubblicità -

Informazioni sul dott. Johnson su:
http://www.psychology.uiowa.edu/people/alan_kim_johnson

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.