La vita su Marte prima dei dinosauri sulla Terra. Lo dice Curiosity.


La scoperta che l’antico Marte avrebbe potuto sostenere i microbi solleva la possibilità allettante che la vita possa essersi evoluta sul Pianeta Rosso prima che questa abbia messo radici sulla Terra. Nuove osservazioni dalla Curiosity rover della NASA suggeriscono che la vita microbica avrebbe potuto sopravvivere su Marte in un lontano passato, quando il Pianeta Rosso era un posto più caldo e umido, gli scienziati hanno annunciato la scoperta Martedì 12 marzo 2013.

Non è chiaro esattamente quanto tempo fa Marte fosse concretamente abitabile, ma i tempi possono essere paragonabili a quelli della Terra, dove la vita prima apparizione è avvenuta circa 3,8 miliardi di anni fa. “Stiamo parlando di più di 3 miliardi di anni fa, e stiamo probabilmente guardando una situazione in cui, più o meno un paio di centinaia di milioni di anni, si trattava del momento in cui cominciamo a vedere il primo record di vita conservata sulla Terra”, afferma John Grotzinger, capo del progetto Curiosity del Caltech di Pasadena. Le conclusioni del team di Curiosity si basano sullo studio del rover di materiale raccolto dall’interno di una roccia marziana. Il mese scorso, Curiosity ha usato il martello del suo trapano per creare un foro di 2,5 pollici (6,4 centimetri) nella parte di uno sperone del Pianeta Rosso soprannominato “John Klein” – più profondo di qualsiasi robot su Marte sia mai andato prima. Analisi di curiosity mostrano come la zona John Klein una volta fosse un ambiente benigno acquoso con un lago d’acqua con un pH neutro. Inoltre gli strumenti del rover hanno rilevato molti degli ingredienti chimici necessari per la vita come noi la conosciamo, tra cui zolfo, azoto, idrogeno, ossigeno, fosforo e carbonio. Gli scienziati della missione non affermano che la vita sia mai esistita sul Pianeta Rosso. Hanno trovato segni di microbi marziani, che non è una sorpresa dato che Curiosity non trasporta strumenti di rilevamento di vita tra i suoi attrezzi scientifici. Ma l’età avanzata dei depositi dell’area di John Klein non apre la porta a una certa speculazione interessante. Se la vita non è mai fiorita su Marte come ha fatto a precedere la vita sulla Terra? E se è così, la vita potrebbe dalla Terra risalire il suo lignaggio che torna su Marte? Alcuni microbi sono incredibilmente resistenti, dopo tutto, e possono essere in grado di sopravvivere a un viaggio interplanetario dopo essere stati fatti saltare dall loro mondo d’origine da un asteroide. due differenti tracce di acqua su MarteLe dinamiche orbitali mostrano che è molto più facile per le rocce viaggiare da Marte alla Terra di quanto il contrario. Per ora, Curiosity continuerà a ruotare attraverso il suo sito di atterraggio del Gale Crater, aiutando gli scienziati a saperne di più sul pianeta rosso e la sua storia. “Marte ha scritto la sua autobiografia nelle rocce di Gale Crater e abbiamo appena iniziato a decifrare quella storia”, ha detto Michael Meyer, scienziato di punta per il programma di esplorazione su Marte della NASA presso la sede dell’agenzia a Washington. Se vogliamo un attimo fantasticare: dovesse rivelarsi fondata la teoria della vita sulla Terra su Marte, pianeta oggi freddo e inabitato, quasi morente, ma all’epoca in cui la Terra era agli arbori della sua esistenza, forse, un pianeta brulicante di vita, quali organismi avrebberoero potuto abitare le terre del pianeta rosso? Forse organismi complessi simili a quelli vissuti nelle epoche calde ed umide della Terra come i dinosauri del mesozoico? E ancora, la vita ad un certo punto da Marte avrebbe tramandato il suo codice genetico attraverso asteroidi o altre modalità arrivando sulla Terra, pianeta all’epoca più giovane e quindi più disponibile a ricominciare il ciclo vitale? Dovessimo appoggiare questa probabilità, a questo punto, se Curiosity dovesse creare un foro più profondo e scoprire resti di “dinosauri marziani” non dovremmo poi tanto stupirci.

Notizia su:
http://www.space.com/20192-mars-life-before-earth.html?cmpid=514630

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.