Fukushima, l’intero Pacifico contaminato: ecco il video che lo spiega

Scrive Il Sole 24 Ore: Uno studio pubblicato a metà 2012 dal Helmholtz Centre for Ocean Research di Kiel in Germania ha cercato di misurare le conseguenze e ha costruito un modello in base al quale è possibile, in un video, seguire lo spostamento della massa d’acqua contaminata. La conclusione è che entro il 2013 l’inquinamento radioattivo sia esteso all’intera metà del Pacifico nord-occidentale e che nell’arco di 5-6 anni tocchi le coste americane.

Il modello dell’istituto tedesco prevedeva una rapida diluizione della contaminazione nel Pacifico, nell’arco di due anni, da 10 a 1-2 becquerel per metro cubo fino a stabilizzarsi su valori doppi alla situazione pre-Fukushima. Comunque livelli sempre inferiori a quelli consentiti nell’acqua potabile, secondo Claus Böning, coautore dello studio (che comunque non è entrato nel dettaglio delle conseguenze sui processi biologici).

Unico particolare, lo studio tedesco si riferisce alla radioattività sversata in corrispondenza dell’incidente, dall’11 marzo 2011 e nelle prime settimane. Dieci petabecquerel (un petabecquerel equivale a 10 becquerel alla quindicesima) in tutto. Oggi potremmo essere arrivati, siamo sempre nel campo delle stime, a oltre 900. Chernobyl ne disperse 110.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Fonte: www.tzetze.it

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.