Il segreto della costruzione delle piramidi: come gli egizi spostavano gli enormi blocchi di pietra

Piramidi a GizaLa Grande Piramide di Giza, l’unica delle sette meraviglie del mondo ancora in piedi, è forse la costruzione più studiata della storia. Ma molto si è speculato su come gli egiziani siano stati in grado di costruire questa ed altre piramidi. E ciò rimane uno dei più grandi misteri dell’archeologia.

Dato che al momento non c’erano ruspe o gru, spostare due milioni di blocchi di pietra di più di due tonnellate ciascuna risultava un’impresa titanica impossibile.

- Prosegue dopo la pubblicità -

E ‘noto che gli Egizi conoscevano le slitte, appaiono infatti in numerosi dipinti murali, ma è ancora un mistero come gli operai fossero in grado di spostare i blocchi così tanto peso, che sicuramente li avrebbe fatti sprofondare nella sabbia. Un team di fisici olandesi, guidati dal professor Daniel Bonn dell’Università di Amsterdam, ha scoperto che gli Egizi usavano un trucco semplice ed efficace per facilitare il passaggio di slitte di legno pesanti carichi di pietre con la sabbia bagnata che avrebbe consentito lo scivolamento.

- Prosegue dopo la pubblicità -

La più curiosa scoperta è che il trucco è stato notato anni prima degli investigatori senza che nessuno se ne accorgesse. Chiunque può vedere nella pittura delle pareti della tomba di Djehutihotep, capo di una delle regioni dell’Alto Egitto durante il regno di Amenemhat II, Sesostri II e Sesostris III (1914-1852 aC), come una figura nella parte anteriore della slitta che getta acqua sulla sabbia.

pittura delle pareti della tomba di Djehutihotep

- Prosegue dopo la pubblicità -

Gli egittologi credevano fosse un atto puramente cerimoniale“, ha detto Bonn a Live Science. “La domanda è: perché l’ha fatto?

- Prosegue dopo la pubblicità -

Per verificare se aggiungere acqua alla sabbia servisse per spostare più facilmente i blocchi di pietra nel deserto, i fisici hanno ricostruito in laboratorio una slitta in miniatura e sperimentato con essa. Alla presenza della corretta quantità di acqua. Risultato: la sabbia bagnata del deserto è circa due volte più forte della sabbia asciutta. E questo riduce della metà lo sforzo fisico per lo spostamento, semplicemente perché la sabbia non si accumula davanti al veicolo e l’attrito è inferiore.

La sabbia del deserto ha permesso l’attrito sino a ridurre la metà delle persone per spostare la slitta.

- Prosegue dopo la pubblicità -

La ragione è che quando si aggiunge acqua per i ponti capillari la sabbia risorge con piccole gocce d’acqua che uniscono i granelli insieme. La tecnica, in ogni caso, è più sofisticata di quanto sembra: se la sabbia diventa troppo bagnata per spostare la slitta è ancora più difficile. “Se si utilizza sabbia la asciutta, non funzionerà, ma se la sabbia è troppo bagnato, vale lo stesso”, dice Bonn. “C’è una rigidità ottimale che bisogna rispettare.”

La quantità di acqua dipende dal tipo di superficie, ma, secondo il fisico olandese, il rapporto ottimale è compreso tra il 2 e il 5% del volume di sabbia. “Sembra che la sabbia bagnata del deserto egiziano abbia permesso l’attrito riducendo il numero di persone coinvolte per spostare la slitta rispetto al terreno asciutto”, ha detto Bonn.
esperimento di una slitta su sabbia bagnata del deserto condotto dal team guidato da Daniel Bonn
Lo studio , pubblicato la scorsa settimana sulla rivista Physical Review Letters, risolve uno dei grandi misteri dell’antichità, ma potrebbe avere applicazioni pratiche anche per l’ingegneria moderna.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Secondo i ricercatori, la scoperta potrebbe aiutare a capire meglio il comportamento fisico dei materiali granulari come la sabbia, ma anche l’asfalto, il cemento e il carbone, che permetterebbe lo sviluppo di metodi più efficaci di trasporto di questi materiali. E questo non è banale: lo spostamento di questi quattro elementi rappresenta circa il 10% del consumo energetico mondiale.

Fonte: www.elconfidencial.com

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.