Alghe: potrebbero diventare l’oro verde anche dell’Italia. A Nantes il “Breizh Alghe Tour”

Breizh Algae Tour

- Prosegue dopo la pubblicità -

Dopo aver inquinato le spiagge della Bretagna, le alghe stanno diventando una fonte di occupazione in Gran Bretagna nel settore medico e alimentare. Perché sono potenziali fonti di crescita e di occupazione nelle industrie mediche e alimentari. Così, quasi 500 persone, ricercatori, scienziati, imprenditori provenienti da 25 nazioni si sono incontrate a Nantes in un simposio sulle alghe, le loro applicazioni nel campo della salute e della nutrizione. La seconda edizione di questo “Breizh Algae Tour” si concentrerà sui “progressi scientifici nel campo della nutrizione e salute a beneficio di tutta la catena alimentare”.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Con una specifica domanda, secondo i suoi organizzatori: come gli estratti di alghe possono influenzare il funzionamento del corpo? Le alghe, che contengono nutrienti – proteine, zuccheri, grassi e minerali – e molti composti biologicamente attivi che si trovano solo nelle piante marine, sono ora una fonte che deve svelare le proprie potenzialità.  “Facendo appello agli investitori locali”.Il convegno è anche l’occasione per promuovere un fondo di investimento, il Breizh Algae Invest, per accompagnare lo sviluppo e la competitività del settore. “L’idea è di fare appello a investitori locali”, ha detto Hervé Balusson, che presiede il fondo. E’ anche il capo di Olmix, una società britannica che ha lavorato per quindici anni nello sviluppo di alghe, e di Breizh Algae Invest.”

- Prosegue dopo la pubblicità -

Se siamo in grado di recuperare 20-50.000.000 di euro, riusciremo a finanziare le barche, le fabbriche, la ricerca, i ricercatori”, sostiene.  Ci sono molti mercati da conquistare: le alghe possono trovare applicazioni nell’industria alimentare, mangimi, ma anche nella salute, medicina, cosmesi, farmacia o usi industriali.E la Bretagna ha una carta da giocare in questa “economia blu” con “circa 700 specie di alghe,” la qualità delle sue acque, la sua sicurezza, ma anche i suoi 1.500 ricercatori, ha detto Herve Balusson.  “Le alghe muoiono, e ora sono un centinaio di aziende e 4.000-5 000 posti di lavoro” in Gran Bretagna.  “Ma può rappresentare il futuro di migliaia di posti di lavoro”. Inoltre, afferma Hervé Balusson che questi nuovi mercati rappresentano miliardi di euro.Questo è il caso del mercato dei farmaci. “E’ ora stimato a € 700.000.000.000 e si prevede di superare i 1.000 miliardi in 10-20 anni”, ha detto Maryvonne Hiance, direttore di Effimune, una società che è Nantes specializzata nello sviluppo di nuove molecole per regolare il sistema immunitario nel campo dei trapianti, malattie autoimmuni e alcuni tipi di cancro.

- Prosegue dopo la pubblicità -

La signora Hiance, rivela che il mercato dei farmaci derivati dalla biotecnologia rappresenta già il 23% del mercato totale, e “si stima che potrebbe salire al 50%.”  Questo mercato dei biofarmaceutici è in forte crescita, perché vi sono più farmaci mirati per evitare effetti collaterali, ha detto il dirigente.  In Effimune, “finora non abbiamo farmaci derivati dalle alghe”, ha detto Maryvonne Hiance.  “Ma il nostro incontro con Olmix ci ha permesso di chiederci perché non provare questo nuovo materiale per sviluppare un nuovo farmaco per regolare il sistema immunitario in alcuni tipi di cancro.” “Alcune alghe, soprattutto le alghe verdi, contengono molecole in grado di agire sul sistema immunitario e aumentano la sua resistenza”, aggiunge Maryvonne Hiance.  “Metteremo la nostra esperienza nello sviluppo di farmaci per questa materia prima”, dice la signora Hiance.Possibili applicazioni vi sono nel campo del sistema nervoso centrale, o negli antinfiammatori.

Tutti i nuovi corsi relativi alle alghe “sono i canali di domani”, dicono gli organizzatori del Breizh Algae Tour.Un settore che in Italia appare ancora indietro alla luce dei numeri che è possibile verificare negli altri Paesi, rileva Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, anche se l’appuntamento di Nantes potrebbe fornire nuove idee per il lancio anche in Italia di progetti per un mercato che appare in decisiva espansione.