Scoperti tre pianeti simili alla Terra nella costellazione dell’Acquario

Trappist-1
Una ricostruzione artistica della nuova scoperta

Tre pianeti ‘fratelli’ della Terra”  potenzialmente in grado di ospitare vita ruotano attorno ad una stella nana più fredda del Sole, chiamata “Trappist-1″. Il sistema si trova a soli 40 anni luce da noi, nella costellazione dell’Acquario. La scoperta, annunciata su Nature da un gruppo internazionale di astronomi guidato dall’Istituto di astrofisica e geofisica dell’Università belga di Liegi, è stata effettuata grazie al telescopio belga ‘Trappist‘, installato in Cile presso lo European Southern Observatory (Eso). Un VIDEO diffuso sul web dall’ESO fa il punto della situazione:

- Prosegue dopo la pubblicità -

I tre pianeti, probabilmente rocciosi, appartengono ad un sistema paragonabile a quello di Giove con le sue lune e testimonia i primi mai scoperti in orbita intorno a questo genere di stelle nane e ultra fredde, molto diffuse nella Via Lattea. ”Se venisse dimostrato che pianeti simili alla Terra sono comuni intorno a questo genere di stelle – spiegano gli astronomi – allora i pianeti potenzialmente abitabili potrebbero essere molto più numerosi di quanto ipotizzato finora”. Una ricostruzione artistica:

- Prosegue dopo la pubblicità -

”Grazie ai telescopi giganti che sono attualmente in costruzione – spiegano i ricercatori – saremo presto in grado di studiare la composizione dell’atmosfera di questi pianeti, in modo da cercare la presenza di acqua e tracce di attività biologica. Si tratta di un enorme passo avanti nella ricerca di vita nell’universo”. Un’altra ricostruzione artistica:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.