San Basilio, l’ira degli sfrattati dalle case Ater: “Immigrati hanno la casa, noi viviamo nel camper



“Prima noi poi loro, ma mi sembra anche giusto siamo in Italia, mica in Finlandia”. E’ arrabbiato e deluso dalle istituzioni Adriano Morea, l’uomo che insieme al figlio e al fratello ieri è stato sfrattato da un appartamento occupato a San Basilio, per lasciare il posto ad una famiglia marocchina regolarmente assegnataria dall’Ater. “Ho vissuto tre anni nella cantina di questo palazzo – ci racconta – poi sono riuscito a comprarmi un camper e da quattro anni vivo lì”. Da agosto i tre avevano occupato lo stabile pietra dello scandalo. “Era libero e noi avevamo bisogno di una casa, non siamo razzisti ma ci siamo prima noi” spiega il figlio Enzo. Ieri i residenti hanno protestato per lo sgombero, costringendo la famiglia marocchina ad andarsene. “Non si tratta di razzismo, ma loro vivono in una roulotte da anni, lo Stato deve pensare prima a loro” dicono gli inquilini.

http://youmedia.fanpage.it/video/aa/WEgloeSwwTrfqp8R

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.