Latiano: rapina la Banca Carime e spende metà bottino in vestiti per sfuggire la cattura. Arrestato

Cronaca



Telebrindisi webtv. La prima televisione web di Brindisi e Provincia

- Prosegue dopo la pubblicità -

Music:
Trancer – Youtube audio library

- Prosegue dopo la pubblicità -

Rapina la banca Carime di Latiano, ma poi spende metà del bottino in vestiti per sfuggire alla cattura, ma i Carabinieri lo rintracciano e arrestano comunque. E’ finita male l’avventura da rapinatore di Pasquale Amato, pregiudicato 38enne di origine torinese ma detenuto agli arresti domiciliari a Latiano presso una comunità.
L’uomo, Intorno alle 12 della tarda mattinata di oggi, venerdì 3 febbraio 2016 era entrato disarmato e a volto scoperto all’interno della Banca UBI-Carime in via D’Ippolito a Latiano. Facendo credere al cassiere di essere armato, si era fatto consegnare il denaro contenuto nel cassetto dello sportello, circa 400 euro. Dopo essersene impossessato si era allontanato a piedi per le vie del centro cittadino. Per non farsi riconoscere il malvivente era poi entrato in un negozio di abbigliamento dove aveva acquistato nuovi indumenti abbandonando nel camerino di prova del negozio quelli indossati durante la rapina. Dopo aver regolarmente pagato , era uscito dal negozio. Subito fuori dall’esercizio commerciale, è però stato fermato da una pattuglia che ha riconosciuto il volto dell’uomo, , dalla descrizione arrivata via radio dalla Centrale Operativa a tutte le pattuglie in zona. nonostante i vestiti fossero diversi. Il fermo ha poi confermato la responsabilità del 38enne, i cui abiti sono stati recuperati dal camerino del negozio. L’arrestato dopo le formalità di rito è stato portato nella casa circondariale di Brindisi.

- Prosegue dopo la pubblicità -