Rapporti tra Impero Cinese ed Impero Romano: dalla vendita di merce alla paura per la concorrenza

Le relazioni cino-romane comprendevano il contatto più indiretto, il flusso di beni commerciali, le informazioni e i viaggiatori occasionali tra l’Impero Romano e l’Impero Han di Cina, nonché tra il dopoguerra dell’Impero Romano e varie dinastie cinesi . Questi imperi entrarono progressivamente più vicini nel corso dell’espansione romana nell’antico Vicino Oriente e simultanea incursioni militari cinesi in Asia centrale. La consapevolezza reciproca è rimasta bassa e la conoscenza stabile tra di loro è stata limitata. Solo alcuni tentativi di contatto diretto sono riportate dalle cronache dell’epoca. Imperi intermedi come i Parthi e Kushani, Cercato di mantenere un controllo lucrativo sul commercio di seta, inibidendo il contatto diretto tra queste due potenze eurasiatiche. Nel 97 dC, il generale cinese Ban Chao ha cercato di mandare il suo inviato Gan Ying a Roma, ma Gan fu dissuasi dai Parthi dall’avventura oltre il Golfo Persico. Molti presunti emissari romani in Cina sono stati registrati da antichi storici cinesi. Il primo, registrato, presumibilmente dall’imperatore romano Antonius Pius o dal figlio adottativo Marcus Aurelius , è arrivato nel 166 dC. Altri sono registrati come arrivando nel 226 e nel 284 dC, con una lunga assenza fino alla prima registrazione all’Ambasciata bizantina nel 643 dC.

Emisfero orientale nel 50 dC , alla metà del primo secolo

Lo scambio indiretto di merci in terra lungo la via della seta e le rotte marittime includeva la seta cinese, vetro di vetro romano e panni di alta qualità. Sono state trovate in Cina le monete romane tirate dal primo secolo dC e una medaglia di massimiliano e medaglioni dei regni di Antonino Pio e Marcus Aurelius a Jiaozhi nel Vietnam moderno, la stessa regione in cui le fonti cinesi affermano i Romani atterrato. Vetreria e argenteria romana sono stati scoperti nei siti archeologici cinesi datati al periodo Han. Sono state trovate anche monete romane e perle di vetro in Giappone.

Nelle fonti classiche , il problema dell’identificazione dei riferimenti all’antica Cina è esacerbato dall’interpretazione del termine latino Seres , il cui significato oscilla e può riferirsi a diverse popolazioni asiatiche in un ampio arco dall’India sull’Asia Centrale in Cina. Nei dischi cinesi, l’Impero romano era conosciuto come Daqin o Grande Qin. Daqin era direttamente associato con i successivi Fulin ( 拂 菻 ) in fonti cinesi, identificato da studiosi come Friedrich Hirth come l’ impero bizantino . Le fonti cinesi descrivono diverse ambasciate di Fulin che arrivano in Cina durante la dinastia Tang e menzionano anche l’Assedio di Costantinopoli dalle forze di Muawiyah I nel 674-678 dC.

Le relazioni commerciali tra Roma e l’Oriente, inclusa la Cina, secondo la guida di navigazione del 1 ° secolo AD Periplus del Mare Eritrense

I geografi dell’impero romano , come Ptolemy, fornivano uno schizzo ruvido dell’Oceano Indiano orientale , tra cui la penisola malese e oltre questo il Golfo di Tailandia e il Mar Cinese Meridionale . Il Cattolica di Ptolemy era molto probabilmente Óc Eo , Vietnam, dove sono stati trovati oggetti romani risalenti all’epoca di AntonineGeografi antichi cinesi hanno dimostrato una conoscenza generale dell’Asia occidentale e delle province orientali di Roma . Lo storico bizantino Theophylact Simocatta del VII secolo scrisse della riunificazione contemporanea di nord e sud della Cina, che ha trattato come nazioni separate in una recente in guerra . Questo rispecchia sia la conquista di Chen dal Sui Wendi (regnò 581-604 dC), così come i nomi Cathay e Mangi utilizzati dai successivi europei medievali in Cina durante il Mongol -LED dinastia Yuan e Han-cinese della dinastia Song meridionale .

 

Geografia romana

A partire dal I secolo aC con Virgilio , Orazio e Strabo , le storie romane offrono solo una vaga consacrazione della Cina e dei Seres che producono seta dell’Estremo Oriente , forse antichi cinesi. [2] [3] L’AD geografo 1 ° secolo Pomponius Mela ha affermato che le terre del Seres formavano il centro della costa di un oceano orientale , affiancato a sud con l’India e a nord dalle Sciti della eurasiatica Steppa[2] Lo storico romano Florus, del II secolo dC sembra aver confuso i Seres con i popoli dell’India, o almeno ha notato che le loro carnagioni della pelle hanno dimostrato che entrambi vivevano “sotto un altro cielo” rispetto ai Romani. [2] Gli autori romani sembrano generalmente confusi circa dove si trovavano i Seres, sia in Asia centrale che in Asia orientale. [4] Lo storico Ammianus Marcellino (dal 330 al 400 dC) scrisse che la terra dei Seres era racchiusa da grandi mura naturali intorno a un fiume chiamato Bautis, forse una descrizione del Fiume Giallo[2]

Una ricostruzione rinascimentale della prima proiezione di Ptolemy , che indica la terra della seta ( Serica ) nell’Asia nordorientale alla fine della strada di seta sovrastante e la terra del Qin ( Sinae ) nel sud-est alla fine delle rotte marittime; 1450-1475 dC, attribuito a Francesco del Chierico e tradotto dal greco in latino da Emanuel Chrysoloras e Jacobus Angelus . [1]
L’esistenza della Cina era conosciuta dai cartografi romani, ma la loro comprensione era meno sicura. La Geografia del dopoguerra di Ptolemy del 2 ° secolo separa la terra di seta ( Serica ) alla fine della strada di seta terrestre dalla terra del Qin ( Sinae ) raggiunta dal mare. [5] Le Sinae sono collocate sulla riva settentrionale del Grande Golfo ( Magnus Sinus ) ad est della Penisola Dorata ( Aurea Chersonesus , Malay Peninsula). Il loro capo portuale, Cattigara, sembra essere stato nel delta del Mekong inferiore. [6]Il Grande Golfo servì come un golfo combinato di Tailandia e del Mar Cinese Meridionale , dal momento che Marinus of Tyre e Ptolemy credevano che l’Oceano Indiano fosse un mare interno causato a piegare la costa cambogiana verso sud oltre l’equatore prima di girare ad ovest per unirsi alla Libia meridionale ( Africa ). [7] [8] Molti di questi territori sono dati come terre sconosciute, ma l’area nordorientale è posta sotto la Sinae. [9]

I geografi classici come Strabo e Pliny l’Anziano erano lenti a incorporare nuove informazioni nei loro lavori e, dalle loro posizioni come studiosi stimati , erano apparentemente pregiudizi nei confronti dei mercanti deboli e dei loro conti topografici . [10] Il lavoro di Ptolemy rappresenta una pausa da questo, dal momento che ha dimostrato un’apertura ai propri conti e non avrebbe potuto analizzare in modo così preciso la baia del Bengala senza l’ingresso di commercianti. [10] Nel 1 ° secolo AD Periplus del Mare Eritreo , il suo anonimo autore greco-parlante, un mercante dell’Egitto Romano, Fornisce così vividi conti delle città commerciali orientali, il che è chiaro che ha visitato molti di loro. [11] Questi includono siti in Arabia, Pakistan e India, compresi i tempi di viaggio da fiumi e città , dove lasciavano l’ancoraggio , le posizioni dei tribunali reali, gli stili di vita dei locali e le merci presenti nei loro mercati e tempi favorevoli dell’anno a Vela dall’Egitto in questi luoghi per catturare i venti del monsone . [11] Il Periplus menziona anche una grande città interna, Thinae (o Sinae ), in un paese chiamato “Questo” che forse si estendeva fino al Caspio . [12] [13]

Il testo osserva che la seta prodotta lì viaggiava verso la vicina India attraverso i Ganges e Bactria da un percorso terrestre. [12] Marinus e Ptolemy avevano affidato la testimonianza di un marinaio greco di nome Alexander, probabilmente un mercante, per come raggiungere Cattigara (probabilmente Óc Eo, Vietnam). 14] Alexander (greco: Alexandros) menziona che il capoluogo principale per i commercianti romani era una città birmana chiamata Tamala sulla penisola malese nord-occidentale, dove i commercianti indiani attraversavano la terra attraverso l’ istmo di Kra per raggiungere il Golfo Perimulico Golfo della Thailandia ). [15]Alexandros ha sostenuto che ci vollero venti giorni per navigare dalla Tailandia ad un porto chiamato “Zabia” (o Zaba ) nel sud del Vietnam. [15] [16] Secondo lui, si era possibile continuare lungo la costa (del sud del Vietnam) da Zabia fino a raggiungere il porto commerciale di Cattigara dopo un numero imprecisato di giorni (con “qualche” viene interpretato come “molti” di Marinus) . [15] [16]

Cosmas Indicopleustes , un monaco greco di origine romana (bizantina) del XV secolo dC da Alessandria e ex commerciante con esperienza nel commercio dell’Oceano Indiano, fu il primo romano a scrivere chiaramente sulla Cina nella sua topografia cristiana (circa 550 dC). [17] Lo definì il paese di Tzinista (paragonabile a Sanskrit Chinasthana e Syriac Sinistan dal 781 dC Nestorian Stele di Xi’an , Cina), situato nell’Asia più orientale. [18] [19]Ha spiegato l’itinerario marittimo verso di esso (prima navigazione verso est e poi verso nord sulla costa meridionale del continente asiatico) e il fatto che i chiodi di garofano siano venuti in questo modo per la vendita di Sri Lanka . [18] Al tempo del reggente romano orientale Giustiniano I (527-565 dC), i Bizantini acquistarono seta cinese da intermediari Sogdian . [20] Essi anche contrabbandavano i bachi di seta fuori dalla Cina con l’aiuto dei monaci Nestoriani , che affermavano che la terra di Serindia era situata a nord dell’India e produsse la più bella seta. [20]Con il contrabbando di bachi da seta e la produzione di seta propria, i Bizantini potevano aggirare il commercio di seta cinese dominato dai loro principali rivali: l’Impero Sasaniano . [21]

Una carta di seta occidentale di Han occidentale trova nella tomba 3 della tomba di Mawangdui Han , raffigurante il regno di Changsha e il Regno di Nanyue (Vietnam) nella Cina meridionale (con il sud orientato in cima), II secolo aC

Dai popoli turchi dell’Asia centrale durante il periodo settentrionale Wei (386-535 dC), i romani orientali acquisirono ancora un nome per la Cina : Taugast ( Old Turkic : Tabghach ). [20]Theophylact Simocatta , uno storico durante il regno di Heraclius (610-641 dC), scrisse che Taugast (o Taugas) era un grande impero orientale colonizzato dal popolo turco , con una capitale di 2.400 chilometri (1.500 mi) a nord-est Dell’India che chiamava Khubdan (dalla parola turca Khumdan utilizzata per il capitale Sui e Tang Chang’an), Dove l’ idolatria era praticata, ma la gente era saggia e vissuta da giuste leggi. [22] Ha dipinto l’impero cinese come diviso da un grande fiume (il Yangzi ) che ha servito come il confine tra due nazioni rivali in guerra ; Durante il regno dell’imperatore bizantino Maurice (582-602 dC), i nordici che indossavano “cappotti neri” conquistarono i “cappotti rossi” del sud (il nero è un colore distintivo indossato dal popolo di Shaanxi , sede del capitale Sui Sui Chang ‘ Uno, secondo il viaggiatore persiano del XVI secolo Hajji Mahomed, o Chaggi Memet). [23] Questo conto può corrispondere alla conquista della dinastia Chen. Avvenne la riunificazione della Cina dall’imperatore Wen di Sui (581-604 dC). [23] Simocatta nomina il loro governante come Taisson , che ha affermato che il terimine significava Figlio di Dio, correlando con il cinese Tianzi ( Figlio del cielo ) o anche il nome del sovrano contemporaneo Imperatore Taizong di Tang (626-649 dC). [24] I più tardi europei medievali in Cina hanno scritto di esso come due paesi separati, con Cathay nel nord e Mangi nel sud, durante il periodo in cui la dinastia Yuan guidata dal governatore Mongol Kublai Khan(V 1260-1294 AD) conquistarono la dinastia Song Song . [25] [26] [27]

Daqinguo ( 大 秦國 ) appare al bordo occidentale di questa mappa del mondo cinese dinastia Ming , il Sihai Huayi Zongtu , pubblicato nel 1532 dC.

Geografia cinese 

Informazioni storiche dettagliate sull’impero romano, almeno i suoi territori più orientali, sono forniti nella storiografia cinese tradizionale . Lo Shiji di Sima Qian (cfr. 145-86 aC) descrive i paesi dell’Asia centrale e dell’Asia occidentale . Questi conti sono diventati significativamente più sfumati nel libro di Han , co-autore di Ban Gu e di sua sorella Ban Zhao , fratelli minori del generale Ban Chao , che ha condotto gli sfruttamenti militari in Asia centrale prima di tornare in Cina nel 102 dC. [28] I territori più occidentali dell’Asia come descritti nel Libro del successivo Han compilato da Fan Ye (398-445 dC) costituiva la base per quasi tutti i successivi conti di Daqin. [28] [nota 1] Questi conti sembrano essere limitati alle descrizioni del Levante , in particolare dellaSiria . [28] Il linguista storico Edwin G. Pulleyblank spiega che gli storici cinesi considerano Daqin una sorta di “contro-Cina” situata all’estremità opposta del loro mondo conosciuto. [29] [30]Secondo Pulleyblank, “la concezione cinese di Da Qin fu confuso fin dall’inizio con le antiche concezioni mitologiche circa il far west”. [31] [30]Le storie cinesi hanno collegato esplicitamente Daqin e Lijian (anche “Li-kan” o Siria) come appartenenti allo stesso paese; Secondo Yule, DD Leslie e KHG Gardiner, le prime descrizioni di Lijian nello Shiji lo distinguono come l’ Impero Seleucide dell’epoca ellenistica . [32] [33] [34] Pulleyblank fornisce alcune analisi linguistiche per contestare la loro proposta, sostenendo che Tiaozhi ( 条 支 ) nella Shiji era probabilmente l’Impero Seleucide e che Lijian, sebbene ancora poco compreso, possa essere identificato con Hyrcania In Iran o addirittura Alessandria in Egitto . [35]

L’ arazzo di sampul , un muro di lana appeso a Lop County , Xinjiang , la Cina, che mostra un possibile soldato greco dal regno greco-battriano (250-125 aC), con gli occhi azzurri , che brandisce una lancia, e indossare quello che sembra essere un diadema fascia per capelli; raffigurato sopra di lui è un centauro , dalla mitologia greca , un comune motivo di arte ellenistica ; [44] Museo della Regione di Xinjiang .
Il Weilüe da Yu Huan (c. 239-265 dC), conservato nella annotazioni a delle Cronache dei Tre Regni (pubblicato nel 429 dC da Pei Songzhi ), fornisce anche dettagli circa la parte più orientale del mondo romano, tra cui menzione del Mar Mediterraneo . [28] Per il romano Egitto, il libro spiega la posizione di Alessandria, distanze percorribili lungo il Nilo e la divisione tripartita del Deltadel Nilo , dell’Heptanomis e di Thebaid . [28] [36] Nel suo Zhu Fan Zhi , la canzone-era ispettore doganale di Quanzhou Zhao Rugua ( 1170-1228 AD) ha descritto l’antico faro di Alessandria . [37]Sia il libro del dopo Han che il Weilüe citano il ponticello “flying” ( 飛 橋 ) sopra l’ Eufrate a Zeugma, Commagene in Anatolia romana . [28] [38] Il Weilüe elencato anche quello che considerato il più importante dipendenti vassalli stati dell’impero romano, fornendo le indicazioni di viaggio e le stime per le distanze tra loro (inChilometri cinesi, li ). [28] [36] Friedrich Hirth (1885) identificarono le posizioni e gli stati dipendenti di Roma citati nella Weilüe ; Alcune delle sue identificazioni sono state contestate. [Nota 2] Hirth ha identificato Si-fu ( 汜 復 ) come Emesa ; [28]John E. Hill (2004) usa prove linguistiche e situazionali per sostenere che fosse Petra nel Regno di Nabateo , annesso da Roma nel 106 dC durante il regno di Traiano . [38]

Il vecchio libro di Tang e il nuovo libro di Tang registrano che gli arabi ( Da shi 大 食 ) inviarono il loro comandante Mo-yi ( 摩 拽 , pinyin : Móyè , cioè Muawiyah I , governatore della Siria e successivamente califfo Umayyad , 680 dC) per assediare la capitale bizantina , Costantinopoli, e costretto i Bizantini a pagarli tributo. [28] Gli stessi libri descrivevano in dettaglio anche come Costantinopoli avesse forti mura di granito e un orologio d’acqua montato con una statua d’oro che rappresentava un uomo. [28][39] [40] Henry Yule ha notato che il nome del negoziatore bizantino “Yenyo” (il patrizio Giovanni Pitzigaudes ) è stato menzionato nelle fonti cinesi, un inviato che era senza nome in Edward Gibbon fu inviato a Damasco per tenere un accordo con gli Umayyads, seguito qualche anno dopo dall’aumento delle richieste tributarie ai Bizantini. [41] Il nuovo libro di Tang e Wenxian Tongkao descrisse la terra di Nubia (il Regno di Kush o Aksum ) come deserto a sud-ovest dell’Impero bizantino infestato dalla malaria, dove i nativi avevano la pelle nera e consumavano date persiane . [28] Nel discutere delle tre religioni principali di Nubia (il Sudan), il Wenxian Tongkao menziona la religione Daqin e il giorno di riposo che si verifica ogni sette giorni per coloro che seguono la fede del Da shi ( arabo musulmano ). [28] Ripete anche la rivendicazione nel nuovo libro di Tang circa la pratica chirurgica romana orientale di treplanning per rimuovere i parassiti dal cervello. [28] Le descrizioni di Nubia eIl corno d’Africa nel Wongxian Tongkao è stato infine ricavato dal Jingxingji di Du Huan (VIII secolo dC), [42] uno scrittore di viaggio cinese il cui testo, conservato nel Tongdian di Du You , è forse la prima fonte cinese a descrivere Etiopia ( Laobosa ), oltre a offrire descrizioni di Eritrea ( Molin ). [43]

Ambasciate e viaggi 

Alcuni contatti potrebbero aver avuto luogo tra i greci ellenistici e la dinastia Qin, nel tardo 3 ° secolo aC, dopo le campagne dell’Asia del Grande Mago , re di Macedone , e la creazione di regni ellenistici relativamente vicini alla Cina, come il Greco-Bactrian Regno . Gli scavi nel luogo di sepoltura del primo imperatore Qin Shi Huang (221-210 aC) suggeriscono influenze stilistiche e tecnologiche greche nelle opere presenti, tra cui il famoso esercito di terracotta . [45] [46]Gli scambi culturali in una data così precoce sono generalmente considerati congetturali nel mondo accademico, ma gli scavi di una tomba del IV secolo aC nella provincia di Gansu appartenenti allo stato di Qin hanno dato elementi occidentali come perline di vetro e un vetro blu (eventualmente faience ) bicchiere di origine mediterranea. [47] Il viaggiatore romano unico noto di aver visitato le frange più orientali dell’Asia centrale era Maes Titianus , [nota 3] un contemporaneo di Traiano sia alla fine del primo o all’inizio del 2 ° secolo dC [nota 4] che ha visitato un “Pietra Torre “che è stata identificata dagli storici come Tashkurgan nei Pamirs cinesi[Nota 5] o un monumento simile nella valle Alai appena ad ovest di Kashgar , Xinjiang, in Cina. [48] [49] [50]

Ambasciata a Augusto

Lo storico Florus ha descritto la visita di numerosi inviati, tra cui i ” Seres ” (eventualmente i cinesi) alla corte del primo imperatore romano Augusto (27 aC – 14 dC):

“Anche i resto delle nazioni del mondo che non erano soggetti all’oblazione imperiale erano sensibili alla sua grandezza e guardavano con rispetto ai popoli romani, il grande conquistatore delle nazioni. Così anche i Scythians e Sarmati inviarono inviati per cercare l’amicizia di Roma. No, i Seres sono venuti allo stesso modo, e gli indios che abitavano sotto il sole verticale, portando regali di pietre preziose e di perle e elefanti, ma pensavano meno del tempo che la vastità del viaggio che avevano intrapreso e che dicevano avevano occupato quattro anni. In verità, bastava guardare la loro carnagione per vedere che erano persone di un altro mondo che il nostro”. [51]

Nell’intero corpus della letteratura e della storiografia romana , Yule non era in grado di scoprire alcuna altra menzione di un incontro diplomatico diretto tra i Romani e i Seresi. [6] Ha ipotizzato che queste persone avessero più probabilità di essere commercianti privati ​​che diplomatici, dato che i documenti cinesi insistono sul fatto che Gan Ying sia stato il primo cinese ad arrivare fino a ovest come Tiaozhi ( 条 支 , la Mesopotamia ) nel 97 dC. [Nota 6] Yule osserva che il 1 ° secolo AD Periplus ha menzionato che le persone di Thinae ( Sinae ) sono state raramente viste, a causa delle difficoltà di raggiungere quel paese. [12][13] Essa afferma che il loro paese, situato sotto Ursa Minor e sulle più lontane cime sconosciute del Mar Caspio , era l’origine di seta grezza e panno di seta finta che veniva scambiata a terra da Bactria a Barygaza , oltre ai Ganges. [12]

Tazza di vetro verde verde scoperta da una tomba di Guangxi ( dinanzi alla Dinastia Han del Han (25-220 dC) (confinante con il Vietnam moderno in Cina meridionale )

Envoy Gan Ying 

Il generale dello Han orientale Ban Chao (32-102 dC), in una serie di successi militari che lo portarono nelle regioni occidentali (il bacino del Tarim del Xinjiang) di nuovo sotto il controllo cinese e sovranità, ha sconfitto il Da Yuezhi nel 90 dC e il Xiongnu Nord in 91 aD, costringendo la presentazione delle città stato come Kucha e Turfan , Khotan e Kashgar (indoeuropee Tocharian e insediamenti Saka ), [52] e infine Karasahr nel 94 aD. [53] [54]Un’ambasciata dell’Impero Parthiano della Persia e della Mesopotamia era già arrivata al tribunale di Han nel 89 dC e, mentre Ban fu stabilito con il suo esercito a Khotan , un’altra ambasciata Parthiana venne nel 101 dC, questa volta portando doni esotici come struzzi . [55]

Nel 97 dC Ban Chao inviò un inviato chiamato Gan Ying per esplorare l’estremo ovest. Gan si diresse dal bacino di Tarim a Parthia e raggiunse il Golfo Persico. [56] Gan lasciò un conto dettagliato dei paesi occidentali; Apparentemente raggiunse fino alla Mesopotamia, poi sotto il controllo dell’Impero Parthiano. Aveva intenzione di navigare all’Impero Romano, ma è stato scoraggiato quando ha detto che il viaggio era pericoloso e potrebbe richiedere due anni. [57] [58] Deterred, ritornò in Cina portando molte nuove informazioni sui paesi ad ovest dei territori controllati dalla Cina [59] fino al bacino del Mediterraneo . [56]

Si pensa che Gan Ying abbia lasciato un resoconto dell’impero romano (Daqin in cinese) che si basava su fonti secondarie, probabilmente marinai nei porti che visitava. Il libro del successivo Han lotrova in Haixi (“ovest del mare”, o romano Egitto ; [28] [60] il mare è quello conosciuto dai Greci e dai Romani come il mare eritreo , che includeva il golfo persiano , Il Mar Arabico e il Mar Rosso): [61]

L’imperatore Taizong di Tang (626-649 dC) riceve Gar Tongtsen Yülsung , ambasciatore dell’impero tibetano , al suo tribunale; Dipinto nel 641 dall’artista del tribunale Tang Yan Liben (600-673 dC)

“Il suo territorio si estende per diverse migliaia di li [a li durante la dinastia Han pari a 415,8 metri]. [62] Essi hanno stabilito rapporti postali a intervalli, tutti intarsiati e imbiancati. Ci sono pini e cipressi, così come alberi e piante di ogni genere. Ha più di quattrocento città murate. Ci sono diversi decine di regni dipendenti più piccoli. Le pareti delle città sono in pietra”. [63]

Il libro del dopo Han dà una visione positiva, anche se inesatta, della governance romana:

“I loro re non sono governatori permanenti, ma nominano uomini di merito. Quando una grave calamità visita il paese, o tempeste tempestate di pioggia, il re viene deposto e sostituito da un altro. Quello che è stato alleviato dalle sue mansioni si presenta al suo degrado senza un mormorio. Gli abitanti di quel paese sono alti e proporzionati, un po ‘come il Han [cinese], da dove sono chiamati [Daqin]”. [64]

tessuto di seta tessuto da Mawangdui , Changsha , provincia di Hunan , Cina, Western Han periodo, II secolo aC

Yule notò che, anche se la descrizione della Costituzione e dei prodotti romani era sconcertata, il libro del dopo Han offriva una descrizione accurata della pesca corallina del Mediterraneo . [65] LaCoral era un elemento di lusso molto apprezzato nella Cina di Han, importato tra gli altri prodotti dell’India (soprattutto per via terra e forse anche per mare), quest’ultima regione era dove i Romani vendevano coralli e ottennero perle . [66] L’originale lista dei prodotti romani riportati nel Libro del Later Han , come la seta marina , il vetro , l’ ambra , il cinabro e l’ amiantoStoffa , è espansa nel Weilüe[36] [67] Il Weilüe anche sostenuto che nel 134 dC il sovrano del Shule Unito (Kashgar), che era stato ostaggio alla corte del dell’Impero Kushan , offerto gemme blu (o verde) provenienti da Haixi in dono ai Il tribunale Han Han. [36] Fan Ye , redattore del libro del dopo Han , ha scritto che le ex generazioni cinesi non avevano mai raggiunto queste regioni lontane occidentali, ma che la relazione di Gan Ying rivelò ai cinesi le loro terre, i loro costumi e prodotti. [68] Il libro del dopo Han afferma inoltre che i parthi (Cinese : 安息; Anxi ) voleva “controllare il commercio di seta cinesi multicolori” e quindi intenzionalmente bloccò i Romani a raggiungere la Cina. [60]

Possibili greci romani in Birmania e in Cina

È possibile che un gruppo di esecutori acrobatici greci, che sostenevano di essere da un luogo “a ovest dei mari” (Egitto romano, che il libro del successivo Han riguardava l’impero Daqin), fu presentato da un re di Birmania a Imperatore An di Han nel 120 dC. [nota 7] [69] [70] E ‘noto che sia l’impero dei Parti che l’Impero Kusana dell’Asia, etnia greca avevano continuato ad impiegare musicisti ed atleti anche dopo il periodo ellenistico[71] [72] Il libro del successivo Han afferma che l’imperatore An trasferì questi intrattenitori dalla sua residenza di campagna alla capitale Luoyang, dove hanno dato una rappresentazione alla sua corte e sono stati ricompensati con oro, argento e altri doni. [73] Raoul McLaughlin osserva che i Romani conobbero la Birmania come India Trans Gangem (India oltre i Ganges) e che Ptolemy elencava le città della Birmania. [74] McLaughlin ipotizza che i Romani stessero vendendo schiavi ai birmani e che così gli intrattenitori originariamente raggiunsero la Birmania prima che venissero mandati dal governante birmano all’imperatore An in Cina. [74] I giocolieri siriani erano rinomati nella letteratura occidentale classica [75] e sono anche menzionati da alcune fonti cinesi dal II secolo aC al II secolo dC. [76]

Vetro romano del II secolo dC

Prima ambasciata romana

Il primo gruppo di persone che affermano di essere una missione ambasciata dei Romani in Cina è stato registrato come arrivato nel 166 dC dal libro del dopo Han . L’ambasciata è raggiunse l’imperatore Huan di Han Cina da “Andun” ( cinese : 安敦 , imperatore Antonino Pio o Marcus Aurelius Antonino ), “re di Daqin” (Roma). [77] [78] Appena Antoninus Pius morì nel 161 dC, lasciando l’impero al suo figlio adottivo Marcus Aurelius Antoninus, e l’inviato è arrivato a 166 dC, la confusione rimase su chi fosse il mandante della missione, in quanto entrambi gli imperatori sono stati nominati “Antonino”. [31] [79]La missione romana è venuta da sud (quindi probabilmente dal mare), entrando in Cina per la frontiera di Rinan o di Tonkin (Vietnam). Ha portato doni di corna di rinoceronte , avorio e gusci di tartaruga , probabilmente acquisiti in Asia meridionale . [79] [80]

Affresco romano di Pompei che mostra un Maenad in abito di seta, Museo Archeologico Nazionale di Napoli

Il testo afferma che era la prima volta di un contatto diretto tra i due paesi. [79]Yule ipotizzò che i visitatori romani dovessero aver perso i loro beni originali a causa di una rapina o di un naufragio e, invece, avessero usato i regali, spingendo le fonti cinesi a sospettarle di trattenere i loro valori  più preziosi, che Yule nota era la stessa critica diretta al missionario pontificio Giovanni di Montecorvino quando questi arrivò in Cina alla fine del XIII secolo dC. [81] Gli storici Rafe de Crespigny , Peter Fibiger Bang e Warwick Ball credono che questo sia stato probabilmente un gruppo di mercanti romani piuttosto che diplomatici ufficiali inviati da Marcus Aurelius. [76] [77] [82]Crespigny sottolinea che la presenza di questa ambasciata romana e di altri da Tianzhu ( nell’India settentrionale ) e Buyeo (in Manciuria ) hanno fornito prestigio molto utile per l’imperatore Huan, in quanto in quel periodo egli affrontava gravi problemi politici e fallout per il suicidio forzato del politico Liang Ji , che aveva dominato il governo Han dopo la morte della sorella Empress Liang Na . [83] Yule ha sottolineato che l’ambasciata romana è stata chiamata a venire attraverso Jiaozhi nel Vietnam settentrionale, la stessa via che le fonti cinesi hanno affermato che le ambasciate di Tianzhu (India settentrionale) avevano usato in 159 e 161 dC. [84]

Un dipinto intitolato separati da una tenda verde, un artista cinese e romana in concorrenza tra loro , originale di Nizami Ganjavi (1141-1209), da una persiana Timuridi -era copia datata 1481

Altre ambasciate romane 

Il Weilüe e il Libro di Liang registrano l’arrivo nel 226 dC di un mercante chiamato Qin Lun ( 秦 論 ) dall’Impero romano (Daqin) a Jiaozhi (Vietnam settentrionale controllato dal cinese). [6] [36] [76] Wu Miao, il Prefetto di Jiaozhi, lo mandò alla corte di Sun Quan (il governatore di Wu orientale durante i Tre Regni ) a Nanjing , [6] [76] in cui Sun ha chiesto che egli Fornirgli una relazione sul suo paese natale e la sua gente. [28] [36]Una spedizione è stata montata per restituire il mercante insieme a dieci femmine e dieci maschi “nani color neri” che aveva richiesto come curiosità, nonché un ufficiale cinese, Liu Xian di Huiji (a Zhejiang ), che è morto in viaggio. [28] [36] [85] Secondo il Weilüe e Libro di Liang mercanti romani erano attivi in Cambogia e Vietnam , una richiesta supportata da moderni reperti archeologici di antichi merci del Mediterraneo nei sud-est asiatico paesi del Vietnam, Thailandia, Malesia, e Indonesia. [6] [28] [36]

Yule menziona che all’inizio del III secolo dC un governatore di Daqin inviò un inviato con doni al cortile settentrionale cinese di Cao Wei (220-265 dC) che comprendeva vetrerie di vari colori . [86] Alcuni anni dopo, un artigiano Daqin viene menzionato come mostrare ai cinesi come ” infilare in cristallo per mezzo di un fuoco “, una curiosità per i cinesi. [86]

Un ritardo Han Orientale (25-220 dC) Cinese tomba murale che mostra un banchetto con gli uomini e le donne che indossano tradizionale Hanfu abiti di seta, dalla Dahuting Tomba (cinese:打虎亭汉墓) sulla sponda meridionale del fiume Suihe a Zhengzhou , Cina

Un’altra ambasciata di Daqin è registrata come porta doni tributari all’impero Jin Cinese (265-420 dC). [76] Ciò avvenne nel 284 dC durante il regno dell’imperatore Wu di Jin (266-290 dC) ed è stato registrato nel Libro di Jin e nel successivo Wenxian Tongkao . [28] [76] Questa ambasciata fu presumibilmente inviata dall’imperatore Carus (r. 282-283 dC), il cui regno è stato breve preoccupato per la guerra con sasanide la Persia . [87]

Fulin: ambasciate romane orientali

Le storie cinesi per la dinastia Tang (618-907 dC) contano i contatti con i commercianti di “Fulin” ( 拂 菻 ), il nuovo nome usato per designare l’impero bizantino. [28] [88] [28] [88] [89] Il primo riferisce di contatti diplomatici avvenuti nel 643 dC durante il regno di Costante II (641-668 dC) e Tai Zong (626-649 dC). [28] Il Libro dei Tang , seguito dal nuovo libro di Tang , fornisce il nome di “Po-to-li” ( 波多力 , pinyin : Bōduōlì ) per Costante II, che Hirth congetturato per essere una traslitterazione Kōnstantinos Pogonatos , o “Costantino il barbuto”, dandogli il titolo di un re (王wáng). [28] Yule [90] e SAM Headshead offrono una diversa traslitterazione derivante da ” patriarca ” o ” patriciano “, forse un riferimento a uno dei reggenti agenti per il 13enne bizantino monarca. [91] Le storie di Tang registrano che Constans II mandò un’ambasciata nel 17 ° anno del periodo regnante di Zhenguan ( 貞觀 ) (643 dC), con doni di vetro rosso e gemme verdi . [28] Yule sottolinea che Yazdegerd III(632-651 dC), ultimo sovrano dell’Impero Sasaniano, ha inviato diplomatici in Cina per assicurare aiuti dall’imperatore Taizong ( considerato il suzerain su Ferghanain Asia Centrale) durante la perdita del cuore persiano al califfato islamico Rashidun , che Potrebbero anche spingere i Bizantini a inviare inviati in Cina tra la loro recente perdita di Siria ai musulmani . [92] Le fonti cinesi di Tang hanno anche registrato come il principe Sasanian Peroz III (636-679 dC) fuggì a Tang Cina dopo la conquista della Persia dal crescente califfato islamico[91] [93]

Yule afferma che le ambasciate supplementari di Fulin durante il periodo Tang arrivarono nel 711 e nel 719 dC, con un altro nel 742 dC che potrebbero essere stati monaci di Nestorian. [94]Adshead elenca quattro contatti diplomatici ufficiali con Fulin nel libro antico di Tang come in 643, 667, 701 e 719 dC. Essa afferma che l’assenza di queste missioni nelle fonti letterarie occidentali può essere spiegata con il modo in cui i Bizantini vedevano in genere rapporti politici con i poteri dell’Est, nonché la possibilità che essi venissero lanciati a nome di funzionari di frontiera anziché i centri Governo . [96] Yule e Adshead concordano che una missione diplomatica di Fulin si sia verificata durante il regno di Giustiniano II (685-695 dC, 705-711 dC). Yule afferma che si è verificato nell’anno della morte dell’imperatore, 711 dC [97], mentre Adshead sostiene che si è svolta nel 701 dC durante l’usurpazione di Leontios e l’esilio dell’imperatore in Crimea , forse il motivo per la sua omissione in documenti bizantini e La fonte di confusione nelle storie cinesi circa chi ha inviato questa ambasciata. [98]

Frammenti bizantini di tessuti di seta: un arciere di cavallo

Giustiniano II ha ripreso il trono con l’aiuto di Bulgari e un’alleanza di matrimonio con i Khazars . Adshead crede pertanto che una missione inviata a Tang China sarebbe coerente con il comportamento di Giustiniano II, soprattutto se avesse saputo l’autorizzazione dell’imperatrice Wu ZetianConcesso a Narsieh , figlio di Peroz III, a marciare contro gli arabi in Asia centrale alla fine del VII secolo. [98]L’ambasciata di Fulina del 719 AD apparentemente proveniva dal Leone III Isauriano (717-741 dC) alla corte dell’imperatore Xuanzong di Tang (712-756 dC), durante un periodo in cui l’imperatore bizantino Verso i poteri orientali con una rinnovata alleanza di Khazar. [99] L’anno di questa Ambasciata ha coinciso con il rifiuto di Xuanzong di fornire aiuti ai sogdiani di Bukhara e Samarcanda contro la forza di invasione araba . [99]Un’ambasciata dal Califfo Umayyad è stata ricevuta dal tribunale di Tang nel 732 dC; La vittoria araba alla Battaglia di Talas del 751 dC e la ribellione di Lushan ha paralizzato Tang l’intervento cinese interventista nell’Asia centrale. [100]

un leone, VIII secolo dC; Seta intrecciata bizantina o spagnola

Gli ultimi contatti diplomatici con Fulin sono registrati come avvenuti nell’XI secolo dC. Dal Wenxian Tongkao , scritto dallo storico Ma Duanlin (1245-1322), e dalla Storia della canzone , è noto che l’imperatore bizantino Michael VII Parapinutēs Caesar ( 滅 力 沙 靈 改 撒 , Mie li sha ling kai sa ) di Fulin inviò un’ambasciata alla dinastia Song della Cina, arrivata nel 1081 dC, durante il regno dell’imperatore Shenzong di Song (1067-1085 dC). [28] [101] La storia della canzoneHa descritto i doni tributari forniti dall’ambasciata bizantina così come i prodotti realizzati in Bisanzio. Sono anche descritte le terribili punizioni utilizzate nel diritto bizantino , come la pena di morte: infilati in un “sacco pieno di piume” e gettati in mare, [28] la pratica probabilmente il romano-bizantina di poena cullei (dal latino ‘rigore del sacco’ ). [102] L’ambasciata finale registrata è arrivata nel 1091 dC, durante il regno di Alexios I Komnenos (v 1081-1118 dC); questo evento è solo menzionato nel passaggio. [103]

La storia del Yuan offre la biografia di un uomo bizantino chiamato Ai-sie (traslitterazione di Giosuè o Giuseppe), che originariamente serviva la corte di Güyük Khan, ma in seguito diventò un astronomo capo e medico per la corte di Kublai Khan , fondatore mongolo Della dinastia Yuan (1271-1368 dC), a Khanbaliq (moderno Pechino ). [104] Fu finalmente concesso il titolo di Principe di Fulin ( 拂 菻 王 , Fúlǐn wáng ) ei suoi figli furono elencati con i loro nomi cinesi , che sembrano corrispondere con le traslitterazioni dei nomi cristiani. Elias, Luke e Antony. [104] Anche Kublai Khan è noto per aver inviato i monaci Nestoriani, tra cui Rabban Bar Sauma , alla corte del sovrano bizantino Andronikos II Palaiologos (1282-1328 dC), le cui metà sorelle erano sposate con i nipoti di Genghis Khan , rendendo questo governatore bizantino un legale con il governatore mongolo a Pechino. [105]

All’interno dell’Impero Mongolo , che includeva infine tutta la Cina , c’erano abbastanza occidentali che viaggiavano lì, che nel 1340 dC Francesco Balducci Pegolotti compilò un libro di guida per altri commercianti su come scambiare argento per soldi di carta per acquistare seta a Khanbaliq (Pechino) . [107] In questo stadio l’Impero Romano Orientale, temporaneamente smantellato dall’Impero Latino , si era ridotto alla dimensione di uno stato di falco in parti di Grecia e Anatolia . [108] [109] Ma Duanlin , autore del Wenxian Tongkao, Ha notato i confini politici che si muovono, anche se basati su una geografia politica generalmente inesatta e distorta . [28] Scrisse che gli storici della dinastia Tang consideravano “Daqin” e “Fulin” come lo stesso paese, ma aveva le sue riserve a causa delle discrepanze nei conti geografici e nelle altre questioni ( Wade-Giles ortografia):

“Durante il sesto anno di Yuan-yu [1091] mandarono due ambasciate e il loro re fu presentato, per ordine imperiale, con 200 pezzi di stoffa, coppie di vasi d’argento e vestiti con oro legati in una cintura. Secondo gli storici della dinastia T’ang, il paese di Fulin era ritenuto identico all’antico Ta-ts’in. Va tuttavia sottolineato che, sebbene Ta-ts’in abbia dalla dinastia di Later Han, quando Zhongguo fu comunicato per la prima volta, fino alla dinastia Chin e T’ang ha offerto omaggio senza interruzione, ma gli storici dei ” Quattro regni “della dinastia Sung, nella loro nota di Fulin, sostengono che questo paese non ha trasmesso omaggio alla corte fino al tempo del Yuan-feng [1078-1086] quando hanno inviato la loro prima ambasciata che offre prodotti locali. Se noi, adesso, teniamo insieme i due conti di Fulin trasmessi dai due diversi storici, troviamo che, per la dinastia T’ang, questo paese è detto “di confinare sul grande mare in Occidente”; Mentre il racconto di Sung dice che “in Occidente hai ancora trenta giorni di viaggio verso il mare”; E i limiti rimanenti non sono altrettanto simili nei due conti; Né i prodotti e i costumi del popolo. Sospetto che abbiamo davanti a noi solo una similitudine accidentale del nome e che il paese non sia in realtà identico a Ta-ts’in. Per questo motivo ho aggiunto il resoconto di Fulin della dinastia T’ang al mio capitolo su Ta-ts’in, e ho rappresentato in questo modo la Fulin della dinastia Sung come paese separato. Nel racconto della dinastia T’ang, questo paese si dice “di confini sul grande mare in Occidente”; Mentre il racconto di Sung dice che “in Occidente hai ancora trenta giorni di viaggio verso il mare”; E i limiti rimanenti non sono altrettanto simili nei due conti; Né i prodotti e i costumi del popolo. Sospetto che abbiamo davanti a noi solo una similitudine accidentale del nome e che il paese non sia in realtà identico a Ta-ts’in. Per questo motivo ho aggiunto il resoconto di Fulin della dinastia T’ang al mio capitolo su Ta-ts’in, e ho rappresentato in questo modo la Fulin della dinastia Sung come paese separato. Nel racconto della dinastia T’ang, questo paese si dice “di confini sul grande mare in Occidente”; Mentre il racconto di Sung dice che “in Occidente hai ancora trenta giorni di viaggio verso il mare”; E i limiti rimanenti non sono altrettanto simili nei due conti; Né i prodotti e i costumi del popolo. Sospetto che abbiamo davanti a noi solo una similitudine accidentale del nome e che il paese non sia in realtà identico a Ta-ts’in. Per questo motivo ho aggiunto il resoconto di Fulin della dinastia T’ang al mio capitolo su Ta-ts’in, e ho rappresentato in questo modo la Fulin della dinastia Sung come paese separato”.[110].

La storia di Ming espone come l’ imperatore di Hongwu , fondatore della dinastia Ming (1368-1644 dC), abbia inviato un mercante di Fulin denominato “Nieh-ku-lun” ( 捏 古 倫 ) nel suo paese nativo con una lettera che annunciava la Fondazione della dinastia Ming . [28] [111] [112] È speculato che il mercante era un ex arcivescovo di Khanbaliq chiamato Nicolaus de Bentra (che successe Giovanni di Montecorvino per quella posizione). [28] [113] La storia di MingContinua a spiegare che i contatti tra la Cina e il Fulin sono cessati dopo questo punto e un inviato del grande mare occidentale (il Mar Mediterraneo ) non è apparso ancora in Cina fino al XVI secolo dC, con l’arrivo del 1582 dC del missionario gesuita italiano Matteo Ricci in portoghese Macao . [28] [nota 8]

Relazioni commerciali 

Esportazioni romane in Cina

I collegamenti commerciali diretti tra le terre mediterranee e l’India furono stabiliti nel tardo 2 ° secolo aC dal Regno ellenologico Ptolemaico d’Egitto. [114] I navigatori greci impararono ad usare il modello regolare dei venti monsonici per i loro viaggi commerciali nell’Oceano Indiano. Il vivo commercio marino in epoca romana è confermato dallo scavo di grandi depositi di monete romane lungo gran parte della costa indiana. Molti porti commerciali con collegamenti alle comunità romane sono stati identificati in India e Sri Lanka lungo il percorso utilizzato dalla missione romana. [115] Le prove archeologiche che si estendono dai porti del Mar Rosso dell’Egitto Romano all’India suggeriscono che l’ attività commerciale romana nell’Oceano Indiano e nel Sud-Est asiatico è declinata pesantemente con la Peste Antonina del 166 dC, nello stesso anno della prima ambasciata romana di Han Cina, dove episodi di peste simili avevano avuto luogo dal 151 dC. [116] [117]

Vetro di alta qualità dei produttori romani di Alessandria e Siria è stato esportato in molte parti dell’Asia, tra cui Han Cina. [118] La prima vetreria romana scoperta in Cina è una ciotola di vetro di soda di calce blu databile all’inizio del I secolo aC e scavata da una tomba di Han Occidentale nella città portuale del sud di Guangzhou , che potrebbe essere arrivata lì attraverso l’Oceano Indiano e Mar Cinese Meridionale . [119] Altri oggetti in vetro romano includono una ciotola di vetro di mosaico trovata in una tomba del principe vicino a Nanjing datata al 67 dC e una bottiglia di vetro con strisce bianche opache trovate in una tomba del Han orientale di Luoyang .[120] La vetreria romana e persiana è stata trovata in una tomba di Gyeongju , Corea del Nord, capitale dell’antica Silla , a est della Cina. [121] Le perle di vetro romane sono state scoperte fino al Giappone, all’interno del tumulo di sepoltura di Utsukushi dell’era AD di Kofun del 5 ° secolovicino a Kyoto . [122]

Dalle origini cinesi sono noti anche altri oggetti di lusso romano stimati dai cinesi. Questi comprendono tappeti ricoperti di oro e panno color oro, ambra , panno di amianto e seta marina , che era un panno fatto dai peli di seta di un pesce guscio mediterraneo, il Pinna nobilis . [28] [123] [124] [125] Così come oggetti in argento e bronzo trovati in tutta la Cina datato al 3 ° 2 ° secolo aC e forse proveniente dal impero seleucide , v’è anche un romano dorata piatto d’argento datato al 2 ° -3 ° secolo dC e si trova nella contea di Jingyuan, Gansu, Una rialzata con sollievo immagine al centro raffigurante il dio greco-romana Dioniso che riposa su una creatura dall’aspetto felino. [126]

Un percorso marittimo si apre con il porto controllato dalla Cina di Rinan a Jiaozhi (centrato nel Vietnam moderno) e il regno Khmer di Funan del 2 ° secolo dC, se non prima. [127] [128] Jiaozhi fu proposto da Ferdinand von Richthofen nel 1877 per essere stato il porto noto al geografo greco-romano Ptolemy come Cattigara , situato vicino a Hanoi moderno . [129] Tolomeo ha scritto che Cattigara si trovava al di là del Chersoneso d’oro (la penisola malese ) ed è stata visitata da un marinaio greco di nome Alexander, molto probabilmente un mercante. [6]L’identificazione di Richthofen di Cattigara come Hanoi è stata ampiamente accettata fino a quando le scoperte archeologiche di Óc Eo (vicino a Ho Chi Minh City ) nel Delta del Mekong durante la metà del XX secolo hanno suggerito che questa potrebbe essere stata la sua posizione. [Nota 9] Granville Allen Mawer afferma che il Cattolìa di Ptolemy sembra corrispondere alla latitudine della moderna Óc Eo, dove sono stati trovati beni romani e gioielli nativi che imitano monete romane Antonine . [14] [Nota 10] A Óc Eo, che una volta si trovava lungo la linea costiera, le monete romane furono tra le vestigia del commercio a lunga scoperta scoperto dall’archeologo francese Louis Malleret negli anni ’40. [127]Questi includono medaglioni d’oro romano dai regni di Antonino Pio e del suo successore Marcus Aurelius. [6] [130] Anche in questo sito furono trovati antichi branelli e braccialetti in vetro romano. [130]

La connessione commerciale di Cattigara si estendeva, attraverso i porti delle coste dell’India e dello Sri Lanka, fino ai porti controllati da Romani in Egitto e ai territori dei Nabatei sulla costa nordorientale del Mar Rosso. [131] L’archeologo Warwick Ball non prende in considerazione scoperte come il romanzo e il romanzo a Óc Eo, una moneta dell’imperatore romano Maximian trovata in Tonkin e una lampada bronzea romana a P’ong Tuk nel delta del Mekong a Sia una prova definitiva che i Romani hanno visitato queste aree e suggerisce che gli articoli potrebbero essere stati introdotti da commercianti indiani. [132]Mentre osservava che i Romani avessero un porto di commercio riconosciuto nell’Asia sudorientale, Dougald O’Reilly scrive che ci sono poche prove per suggerire che Cattigara fosse Óc Eo. Egli sostiene che gli elementi romani che si trovano solo indicano che la rete commerciale dell’Oceano Indiano si estese all’antico Regno di Funan. [130]

Seta asiatica nell’impero romano

Il commercio cinese con l’Impero Romano , confermato dal desiderio romano per la seta, è iniziato nel I secolo aC. I Romani conoscevano la seta selvaggia raccolta su Cos ( coa vestis ), ma non ipotizzarono subito la connessione con la seta prodotta nel regno Pamir Sarikol . [133] C’erano pochi contatti commerciali diretti tra Romani e Han Cinesi, poiché i partici e Kushans rivali hanno protetto il loro ruolo lucrativo come intermediari commerciali. [134] [135]

Durante il I secolo aC, la seta era ancora una merce rara nel mondo romano; dal primo secolo dC questo prezioso articolo commerciale è diventato molto più ampiamente disponibile. [136] Nella sua storia naturale (77-79 dC), Plinio l’anziano lamentava il drenaggio finanziario della moneta dell’economia romana per acquistare questo lusso costoso. Ha osservato che la “nazione” di Roma e l’acquisto di beni di lusso dall’India, dall’Arabia e dai Seresi dell’Estremo Oriente hanno costato l’impero di circa 100 milioni di sesterzi all’anno [137] e hanno affermato che i Seres hanno effettuato viaggi per acquisire seta Panno insieme a immersioni di perle nel Mar Rosso .[138] [125] Nonostante le affermazioni da Plinio il Vecchio circa lo squilibrio commerciale e la quantità di monete di Roma utilizzato per l’acquisto di seta, Warwick Ball afferma che l’acquisto romano di altre merci estere, in particolare le spezie dall’India , ha avuto un impatto molto maggiore sull’economia romana. [139]Nel 14 dC il Senato emise un editto che vietava l’uso della seta per gli uomini, ma questa ha continuato a fluire senza sosta nel mondo romano. [136] Al di là delle preoccupazioni economiche che l’importazione della seta provocava per un enorme flusso di ricchezza, anche i vestiti di seta erano considerati decadenti e immorali da Seneca l’anziano :

Posso vedere vestiti di seta, se i materiali che non nascondono il corpo, né la decenza, possono essere chiamati vestiti … Mangiosi miseri di lavoro delle domestiche in modo che l’adultera possa essere visibile attraverso il suo vestito sottile, in modo che il marito abbia Non più conoscenza di qualsiasi estraneo o straniero con il corpo di sua moglie.

– Seneca l’Anziano c. 3 aC – 65 dC, Excerpta Controversiae 2.7 [140]

Gli oggetti commerciali come spezie e seta dovevano essere pagati con la moneta d’oro romana. C’era una certa domanda in Cina per il vetro romano; I cinesi Han hanno anche prodotto vetro in determinate località. [141] [136] I cristalli prodotti in Cina risalgono all’era occidentale di Han (202 aC – 9 dC). [142] Nel trattare con stati stranieri come l’Impero Parthiano, i cinesi han erano forse più preoccupati di superare diplomaticamente i loro principali nemici, il nomade Xiongnu , che non con la creazione di scambi, dal momento che le attività mercantili e la classe mercantile furono aggrediti dalla gentiluce Che ha dominato il governo di Han . [143]

Moneta romana e bizantina scoperta in Cina

Sfondo

Poco dopo il contrabbando di uova di seta nell’Impero bizantino dalla Cina dei monaci cristiani di Nestoriano , lo storico Menantino protettore bizantino del VI secolo scrisse di come i Sogdiani tentassero di stabilire un commercio diretto di seta cinese con l’ impero bizantino . Dopo alleandosi con il Sasanian righello persiana Cosroe I sconfiggere l’Unni Bianchi , Istämi , il Göktürk capo della turca Khaganate, È stato avvicinato da mercanti di Sogdian che chiedono il permesso di cercare un pubblico con il re sasaniano dei re per il privilegio di viaggiare nei territori persiani per fare il commercio con i bizantini. [144] Istämi rifiutò la prima richiesta, ma quando sanzionò il secondo e aveva l’ambasciata sogdiano ha inviato al re sasanide, quest’ultimo si ritrovò con i membri dell’ambasciata uccisi dal veleno. [144] Maniakh, diplomatico di Sogdian, convinse quindi Istämi a inviare un’ambasciata direttamente alla capitale di Costantinopoli di Bizantia , che arrivò nel 568 dC e che non offriva solo seta come dono al governatore bizantino Justin II , ma anche un’alleanza contro la Persia sasaniana. Justin II concordò e mandò un’ambasciata sotto Zemarchus. Al kaganato turco, assicurando il commercio diretto di seta desiderato dai Sogdiani. [144] [145] [146]

Reperti archeologici 

Il piccolo numero di monete romane e bizantine rilevate durante gli scavi di siti archeologici asiatici e cinesi di questa epoca suggerisce che il commercio diretto con i Sogdi rimanesse limitato. Questo nonostante il fatto che gli antichi romani importassero da Han seta cinese, [147] e le scoperte nelle tombe contemporanee indicano che la Han-dinastia cinese importata vetri romani. [148] Valerie Hansen ha scritto nel 2012 che in Cina non sono state trovate monete romane della Repubblica Romana (507-27 aC) o del Principato (27 aC – 284 dC) dell’Impero Romano . [149] Ball di Warwick(2016) mette in evidenza una scoperta a Xi’an , in Cina (sito del capoluogo di Han, Chang’an ) dove un cumulo di sedici monete romane dai regni di Tiberio (14-37 dC) all’Aureliano (270-275 dC) Sono stati scoperti. [139] Le monete romane trovate a Óc Eo, Vietnam, vicino a Jiaozhou controllato dal cinese, risalgono alla metà del II secolo dC. [6] [130] Una moneta di Maximian (286-305 dC) è stata scoperta anche a Tonkin . [132] Le monete romane del III e IV secolo dC sono state scoperte in Giappone; Sono stati scoperti dal castello di Katsuren (a Uruma, Okinawa), Che fu costruita dal XII al XV secolo dC. [150]

Le prime monete in oro di solido dell’Impero Romano Orientale, che si trovano in Cina, risalgono al regno dell’imperatore bizantino Teodosio II (408-450 dC) e sono state trovate solo quarantotto (rispetto alle 1300 monete d’argento) a Xinjiang e il resto della Cina. [149] L’uso di monete d’argento in Turfan persisteva molto tempo dopo la campagna di Tang contro Karakhoja e la conquista cinese del 640 dC, con l’adozione graduale di monete in bronzo cinese durante il VII secolo dC. [149] Hansen sostiene che queste monete romane dell’Est siano state quasi sempre trovate con le monete d’argento Sasanian persiane e che le monete d’oro romane fossero state usate più come oggetti cerimoniali come talismani , confermando la preminenza del Grande Irannel commercio cinese della strada della seta dell’Asia centrale rispetto alla Roma orientale. [151] Walter Scheidel osserva che le cinesi consideravano monete bizantine come pezzi di gioielli esotici, preferendo utilizzare monete in bronzo nelle dinastie Tang e Song , nonché soldi di carta durante i brani Song e Ming, anche se le lingotti d’ argento erano abbondanti. [152]Ball scrive che la scarsità di monete romane e bizantine in Cina e le maggiori quantità che si trovano in India suggeriscono che la maggior parte delle seta cinesi acquistate dai romani provenissero dall’India marittima, in gran parte superando il commercio via terra di seta via Iran attraverso l’Iran. [139] Sono state scoperte monete cinesi dalle dinastie Sui e Tang (VI-X secolo dC) in India; Importi significativamente più grandi sono datati al periodo Song (XI-XIII secolo dC), in particolare nei territori della dinastia Chola contemporanea . [153]

Anche con la produzione bizantina di seta a partire dal VI secolo dC, le varietà cinesi erano ancora considerate di qualità superiore. [21] Questa teoria è sostenuta dalla scoperta di un solido bizantino che è stato affondato durante il regno di Justin II, trovata in una tomba della provincia di Shanxi nel 1953, tra le altre monete bizantine trovate in vari siti. [21] Le storie cinesi offrono le descrizioni delle monete romane e bizantine. Il Weilüe , il libro del successivo Han , il libro di Jin e il successivo Wenxian Tongkao notarono come dieci monete d’argento antiche romane valgevano una moneta d’oro romana. [28][36] [65] [154] L’ aureo d’oro romanovale circa venticinque denari d’ argento . [155] Durante l’Impero bizantino successivo, dodici miliare d’argento erano uguali a una nomisma d’oro. [156] La Storia della canzone nota che i Bizantini fecero monete di argento o oro, senza fori nel mezzo , con un’iscrizione del nome del re. [28] Essa afferma inoltre che i Bizantini vietavano la produzione di monete contraffatte. [28]

Resti umani

Nel 2010, un’analisi su  DNA mitocondriale è stato utilizzata per appurare che uno scheletro parziale trovato in una tomba romana dal 1 ° o 2 ° secolo dC a Vagnari , in Italia, aveva origini asiatiche orientali nei confronti di sua madre. [157]

L’analisi dei reperti archeologici di Southwark a Londra, sito dell’antica città romana Londinium in Gran Bretagna , suggerisce che due o tre scheletri provenienti da un campione di ventidue anni che risalgono al 2 ° al 4 ° secolo dC siano di origini asiatiche, e forse di origine cinese. L’affermazione si basa sulla forensicità e sull’analisi delle caratteristiche del viso scheletrico. La scoperta è stata presentata dal dottor Rebecca Redfern, curatore di osteologia umana presso il Museo di Londra . [158] [159]Nessuna analisi del DNA è ancora stata fatta, i campioni del cranio e dei denti disponibili offrono soltanto pezzi frammentari di prove e i campioni utilizzati sono stati confrontati con la morfologia delle popolazioni moderne, non quelle antiche. [160]

Ipotetico contrasto militare

Lo storico Homer H. Dubs ha ipotizzato nel 1941 che i prigionieri romani di guerra che sono stati trasferiti al confine orientale dell’impero partito potrebbero essersi successivamente scontrati con le truppe di Han. [161]

Dopo un esercito romano sotto il comando di Marcus Licinius Crassus decisamente perdente dalla battaglia di Carrhae nel 54 aC, circa 10.000 prigionieri romani furono spediti dai partiani a Margiana all’uomo della frontiera. Qualche tempo dopo il capo nomade Xiongnu Zhizhi stabilì uno stato più est nella valle Talas , vicino a Taraz di oggi . Dubs punta a un conto cinese di Ban Gu di circa “un centinaio di uomini” sotto il comando di Zhizhi che hanno combattuto in una cosiddetta “formazione di pesce” per difendere la fortezza di palo di Zhizhi contro le forze di Han , nella battaglia di Zhizhi. Nel 36 aC. ha affermato che questa potrebbe essere stata la formazione testudo romana e che questi uomini, catturati dai cinesi, fondarono il villaggio di Liqian (Li-chien, forse da “legio”) nella contea di Yongchang . [162] [163]

I prigionieri romani della battaglia di Carrhae furono portati a Margiana dal re Orodes . Il loro destino ulteriore non è noto.

Ci sarebbero persino stati tentativi di promuovere un collegamento sino-romano per il turismo, ma la sintesi di Dubs di fonti romane e cinesi non ha trovato accettazione dagli storici, a motivo che è altamente speculativo e giunge a troppe conclusioni senza prove sufficienti. [164] Il test del DNA nel 2005 ha confermato la nascita indoeuropea di alcuni abitanti del moderno Liqian e questo potrebbe essere spiegato dai matrimoni transetnici con persone indoeuropee conosciute di aver vissuto a Gansu nei tempi antichi [165] [166] come il Yuezhi e Wusun . Un’analisi del DNA molto più completa di più di duecento residenti maschi del villaggio nel 2007 ha mostrato una stretta correlazione genetica con il popolo Han cinese e grande deviazione dal bacino di origine euroasiatica occidentale . [167] I ricercatori concludono che le persone di Liqian sono probabilmente di origine cinese Han. [167] Tuttavia, l’area manca di prove archeologiche di presenza romana. [165] [166]

Notes

  1. Jump up^ For the assertion that the first Chinese mention of Daqin belongs to the Book of the Later Han, see: Wilkinson (2000), p. 730.
  2. Jump up^ Hirth (2000) [1885], “From the Wei-lio (written before 429 C.E.), for 220–264 C.E.”, (using Wade-Giles) identified these dependent vassal states as Alexandria-Euphrates or Charax Spasinu (“Ala-san”), Nikephorium (“Lu-fen”), Palmyra (“Ch’ieh-lan”), Damascus (“Hsien-tu”), Emesa (“Si-fu”), and Hira (“Ho-lat”). Going south of Palmyra and Emesa led one to the “Stony Land”, which Hirth identified as Arabia Petraea, due to the text speaking how it bordered a sea (the Red Sea) where corals and real pearls were extracted. The text also explained the positions of border territories that were controlled by Parthia, such as Seleucia (“Si-lo”).
    Hill (September 2004), “Section 14 – Roman Dependencies”, identified the dependent vassal states as Azania (Chinese澤散pinyinZesanWade–GilesTse-san), Al Wajh (Chinese驢分pinyinLüfenWade–GilesLü-fen), Wadi Sirhan (Chinese且蘭pinyinQielanWade–GilesCh’ieh-lan), Leukos Limên, ancient site controlling the entrance to the Gulf of Aqaba near modern Aynūnah (Chinese賢督pinyinXianduWade–GilesHsien-tu), Petra (Chinese汜復pinyinSifuWade–GilesSzu-fu), al-Karak (Chinese于羅pinyinYuluoWade–GilesYü-lo), and Sura (Chinese斯羅pinyinSiluoWade–GilesSzu-lo).
  3. Jump up^ His “Macedonian” origin betokens no more than his cultural affinity, and the name Maës is Semitic in origin, Cary (1956), p. 130.
  4. Jump up^ The mainstream opinion, noted by Cary (1956), p. 130, note #7, based on the date of Marinus of Tyre, established by his use of many Trajanic foundation names but none identifiable with Hadrian.
  5. Jump up^ Centuries later Tashkurgan (“Stone Tower”) was the capital of the Pamir kingdom of Sarikol.
  6. Jump up to:a b Yule (1915), p. 18; for a discussion of Tiaozhi (条支) and even its etymology possibly stemming from the Tajiks and Iranian peoples under ancient Chinese rule, see footnote #2 on p. 42.
  7. Jump up to:a b Fan Ye, ed. (1965) [445]. “86: 南蠻西南夷列傳 (Nanman, Xinanyi liezhuan: Traditions of the Southern Savages and South-Western Tribes)”. 後漢書 [Book of the Later Han]. Beijing: Zhonghua Publishing. p. 2851. “永寧元年,撣國王雍由調復遣使者詣闕朝賀,獻樂及幻人,能變化吐火,自支解,易牛馬頭。又善跳丸, 數乃至千。自言我海西人。海西即大秦也,撣國西南通大秦。明年元會,安帝作樂於庭,封雍由調爲漢大都尉,賜印綬、金銀、綵繒各有差也。”
    A translation of this passage into English, in addition to an explanation of how Greek athletic performers figured prominently in the neighbouring Parthian and Kushan Empires of Asia, is offered by Christopoulos (August 2012), pp. 40–41:

    The first year of Yongning (120 AD), the southwestern barbarian king of the kingdom of Chan (Burma), Yongyou, proposed illusionists (jugglers) who could metamorphose themselves and spit out fire; they could dismember themselves and change an ox head into a horse head. They were very skilful in acrobatics and they could do a thousand other things. They said that they were from the “west of the seas” (Haixi–Egypt). The west of the seas is the Daqin (Rome). The Daqin is situated to the south-west of the Chan country. During the following year, Andi organized festivities in his country residence and the acrobats were transferred to the Han capital where they gave a performance to the court, and created a great sensation. They received the honours of the Emperor, with gold and silver, and every one of them received a different gift.

  8. Jump up^ For information on Matteo Ricci and reestablishment of Western contact with China by the Portuguese Empire during the Age of Discovery, see: Fontana (2011), pp. 18–35, 116–118.
  9. Jump up^ For a summary of scholarly debate about the possible locations of Cattigara by the end of the 20th century, with proposals ranging from GuangzhouHanoi, and the Mekong River Delta of the Kingdom of Funan, see: Suárez (1999), p. 92.
  10. Jump up^ Mawer also mentions Kauthara (in Khánh Hòa Province, Vietnam) and Kutaradja (Banda Aceh, Indonesia) as other plausible sites for that port. Mawer (2013), p. 38.

References

Citations

  1. Jump up^ British Library. “Detailed record for Harley 7182“. www.bl.uk. Retrieved 21 February 2017.
  2. Jump up to:a b c d Ostrovsky (2007), p. 44.
  3. Jump up^ Lewis (2007), p. 143.
  4. Jump up^ Schoff (1915), p. 237.
  5. Jump up^ Yule (1915), pp. 1–2, 11.
  6. Jump up to:a b c d e f g h Young (2001), p. 29.
  7. Jump up^ Raoul McLaughlin (2010), pp. 58–59.
  8. Jump up^ Suárez (1999), p. 92.
  9. Jump up^ Wilford (2000), p. 38; Encyclopaedia Britannica (1903), p. 1540.
  10. Jump up to:a b Parker (2008), p. 118.
  11. Jump up to:a b Schoff (2004) [1912], Introduction. Retrieved 19 September 2016.
  12. Jump up to:a b c d Schoff (2004) [1912], Paragraph #64. Retrieved 19 September 2016.
  13. Jump up to:a b Yule (1915), footnote #2 on p. 43.
  14. Jump up to:a b Mawer (2013), p. 38.
  15. Jump up to:a b c McLaughlin (2014), p. 205.
  16. Jump up to:a b Suárez (1999), p. 90.
  17. Jump up^ Yule (1915), p. 25.
  18. Jump up to:a b Yule (1915), p. 28.
  19. Jump up^ Lieu (2009), p. 227.
  20. Jump up to:a b c Luttwak (2009), p. 168.
  21. Jump up to:a b c Luttwak (2009), pp. 168–169.
  22. Jump up^ Yule (1915), pp. 29–31; footnote #3 on p. 31.
  23. Jump up to:a b Yule (1915), p. 30; footnote #2 on p. 30.
  24. Jump up^ Yule (1915), p 29; footnote #4 on p. 29.
  25. Jump up^ Haw (2006), pp. 170–171.
  26. Jump up^ Wittfogel & Feng (1946), p. 2.
  27. Jump up^ Yule (1915), p. 1.
  28. Jump up to:a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z aa ab ac ad ae af ag ah Friedrich Hirth (2000) [1885]. Jerome S. Arkenberg, ed. “East Asian History Sourcebook: Chinese Accounts of Rome, Byzantium and the Middle East, c. 91 B.C.E. – 1643 C.E.”Fordham University. Retrieved 10 September2016.
  29. Jump up^ Pulleyblank (1999), p. 71.
  30. Jump up to:a b See also Lewis (2007), p. 143.
  31. Jump up to:a b Pulleyblank (1999), p. 78.
  32. Jump up^ Yule (1915), p. 41; footnote #4.
  33. Jump up^ For a review of The Roman Empire as Known to Han China: The Roman Empire in Chinese Sources by D. D. Leslie; K. H. J. Gardiner, see Pulleyblank (1999), pp 71-79; for the specific claim about “Li-Kan” or Lijian see Pulleyblank (1999), p 73.
  34. Jump up^ Fan, Ye (September 2003). Hill, John E., ed. “The Western Regions according to the Hou Hanshu: The Xiyu juan, “Chapter on the Western Regions”, from Hou Hanshu 88, Second Edition (Extensively revised with additional notes and appendices): Section 11 – The Kingdom of Daqin 大秦 (the Roman Empire)”Depts.washington.edu. Translated by John E. Hill. Retrieved 26 September 2016.
  35. Jump up^ Pulleyblank (1999), pp 73-77; Lijian’s identification as Hyrcania was put forward by Marie-Félicité Brosset (1828) and accepted by Markwart, De Groot, and Herrmann (1941). Paul Pelliot advanced the theory that Lijian was a transliteration of Alexandria in Roman Egypt.
  36. Jump up to:a b c d e f g h i Yu, Huan (September 2004). John E. Hill, ed. “The Peoples of the West from the Weilue 魏略 by Yu Huan 魚豢: A Third Century Chinese Account Composed between 239 and 265, Quoted in zhuan 30 of the Sanguozhi, Published in 429 AD”Depts.washington.edu. Translated by John E. Hill. Retrieved 17 September 2016.
  37. Jump up^ Needham (1971), p. 662.
  38. Jump up to:a b Yu, Huan (September 2004). John E. Hill, ed. “The Peoples of the West from the Weilue 魏略 by Yu Huan 魚豢: A Third Century Chinese Account Composed between 239 and 265, Quoted in zhuan 30 of the Sanguozhi, Published in 429 CE: Section 11 – Da Qin (Roman territory/Rome)”Depts.washington.edu. Translated by John E. Hill. Retrieved 17 September2016.
  39. Jump up^ Yule (1915), pp. 46–48.
  40. Jump up^ Ball (2016), pp. 152–153; see also endnote #114.
  41. Jump up^ Yule (1915), pp. 48–49; for a brief summary of Gibbon’s account, see also footnote #1 on p. 49.
  42. Jump up^ Bai (2003), pp 242-247.
  43. Jump up^ Abraham, Curtis. (11 March 2015). “China’s long history in Africa“. New African. Accessed 2 August 2017.
  44. Jump up^ Christopoulos (August 2012), pp. 15–16.
  45. Jump up^ “BBC Western contact with China began long before Marco Polo, experts say”BBC News. 12 October 2016. Retrieved 12 October 2016..
  46. Jump up^ Montgomery, Stephanie; Cammack, Marcus (12 October 2016). “The Mausoleum of China’s First Emperor Partners with the BBC and National Geographic Channel to Reveal Groundbreaking Evidence That China Was in Contact with the West During the Reign of the First Emperor”Press releaseBusiness Wire. Retrieved 12 October 2016.
  47. Jump up^ Sun (July 2009), p. 7.
  48. Jump up^ Hill (2009), pp. xiii, 396,
  49. Jump up^ Stein (1907), pp. 44–45.
  50. Jump up^ Stein (1933), pp. 47, 292–295.
  51. Jump up^ Florus, as quoted in Yule (1915), p. 18; footnote #1.
  52. Jump up^ Tremblay (2007), p. 77.
  53. Jump up^ Crespigny (2007), p. 590.
  54. Jump up^ Yule (1915), p. 40.
  55. Jump up^ Crespigny (2007), pp. 590–591.
  56. Jump up to:a b Crespigny (2007), pp. 239–240.
  57. Jump up^ Hill (2009), p. 5.
  58. Jump up^ Pulleyblank (1999), pp. 77–78.
  59. Jump up^ Hill (2009), pp. 5, 481–483.
  60. Jump up to:a b Fan, Ye (September 2003). John E. Hill, ed. “The Western Regions according to the Hou Hanshu: The Xiyu juan, “Chapter on the Western Regions”, from Hou Hanshu 88, Second Edition (Extensively revised with additional notes and appendices)”Depts.washington.edu. Translated by John E. Hill. Retrieved 26 September 2016.
  61. Jump up^ Hill (2009), pp. 23, 25.
  62. Jump up^ Hill (2009), p. xx.
  63. Jump up^ Book of the Later Han, as quoted in Hill (2009), pp. 23, 25.
  64. Jump up^ Book of the Later Han, as quoted in Hirth (2000) [1885], online source, retrieved 10 September 2016.
  65. Jump up to:a b Yule (1915), pp. 43–44.
  66. Jump up^ Kumar (2005), pp. 61–62.
  67. Jump up^ Hill (2009), p. 25.
  68. Jump up^ Hill, John E. (2012) Through the Jade Gate: China to Rome 2nd edition, p. 55. In press.
  69. Jump up^ McLaughlin (2014), pp. 204–205.
  70. Jump up^ Yule (1915), pp. 52–53.
  71. Jump up^ Christopoulos (August 2012), pp. 40–41.
  72. Jump up^ Cumont (1933), pp. 264–68.
  73. Jump up^ Christopoulos (August 2012), p. 41.
  74. Jump up to:a b McLaughlin (2010), p. 58.
  75. Jump up^ Braun (2002), p. 260.
  76. Jump up to:a b c d e f Ball (2016), p. 152.
  77. Jump up to:a b de Crespigny (2007), p. 600.
  78. Jump up^  (1986), pp. 460–461.
  79. Jump up to:a b c Hill (2009), p. 27.
  80. Jump up^ Hill (2009), p. 27 and nn. 12.18 and 12.20.
  81. Jump up^ Yule (1915), pp. 51–52.
  82. Jump up^ Bang (2009), p. 120.
  83. Jump up^ de Crespigny. (2007), pp. 597–600.
  84. Jump up^ Yule (1915), p. 52.
  85. Jump up^ Hirth (1885), pp. 47–48.
  86. Jump up to:a b Yule (1915), p. 53; see footnotes #4–5.
  87. Jump up^ Yule (1915), pp. 53–54.
  88. Jump up to:a b Wilkinson (2000), p. 730, footnote #14.
  89. Jump up^ Yule (1915), pp. 55–57.
  90. Jump up^ Yule (1915), footnote #2 of pp. 54–55.
  91. Jump up to:a b Adshead (1995) [1988], p. 105.
  92. Jump up^ Yule (1915), pp. 54–55.
  93. Jump up^ Schafer (1985), pp. 10, 25–26.
  94. Jump up^ Yule (1915), pp. 55–56.
  95. Jump up^ Adshead (1995) [1988], pp. 104–106.
  96. Jump up^ Adshead (1995) [1988], p. 104.
  97. Jump up^ Yule (1915), p. 55.
  98. Jump up to:a b Adshead (1995), pp. 105–106.
  99. Jump up to:a b Adshead (1995) [1988], p. 106.
  100. Jump up^ Adshead (1995) [1988], pp. 106–107.
  101. Jump up^ Sezgin (1996), p. 25.
  102. Jump up^ Bauman (2005), p. 23.
  103. Jump up^ Yule (1915), pp. 56–57.
  104. Jump up to:a b Bretschneider (1888), p. 144.
  105. Jump up^ Luttwak (2009), p. 169.
  106. Jump up^ An, (2002), pp. 79, 82–83.
  107. Jump up^ Spielvogel (2011), p. 183.
  108. Jump up^ Jacobi (1999), pp. 525–542.
  109. Jump up^ Reinert (2002), pp. 257–261.
  110. Jump up^ Wenxian Tongkao, as quoted in Hirth (2000) [1885], online source, retrieved 10 September 2016; in this passage, “Ta-ts’in” is an alternate spelling of “Daqin“, the former using the Wade–Giles spelling convention and the latter using pinyin.
  111. Jump up^ Grant (2005), p. 99.
  112. Jump up^ Hirth (1885), p. 66.
  113. Jump up^ Luttwak (2009), p. 170.
  114. Jump up^ McLaughlin (2010), p. 25.
  115. Jump up^ McLaughlin (2010), pp. 34–57.
  116. Jump up^ de Crespigny. (2007), pp. 514, 600.
  117. Jump up^ McLaughlin (2010), p. 58–60.
  118. Jump up^ An (2002), p. 82.
  119. Jump up^ An (2002), p. 83.
  120. Jump up^ An (2002), pp. 83–84.
  121. Jump up^ Lee, Hee Soo (7 June 2014). “1,500 Years of Contact between Korea and the Middle East”. Middle East Institute. Retrieved 27 September 2016.
  122. Jump up^ “Japanese Tomb Found To House Rare Artifacts From Roman Empire”Huffington Post. 27 June 2012. Retrieved 26 September 2016.
  123. Jump up^ Thorley (1971), pp. 71–80.
  124. Jump up^ Hill (2009), Appendix B – Sea Silk, pp. 466–476.
  125. Jump up to:a b Lewis (2007), p. 115.
  126. Jump up^ Harper (2002), pp. 99–100, 106–107.
  127. Jump up to:a b Osborne (2006), pp. 24–25.
  128. Jump up^ Hill (2009), p. 291.
  129. Jump up^ Ferdinand von Richthofen, China, Berlin, 1877, Vol.I, pp. 504–510; cited in Richard Hennig,Terrae incognitae : eine Zusammenstellung und kritische Bewertung der wichtigsten vorcolumbischen Entdeckungsreisen an Hand der daruber vorliegenden Originalberichte, Band I, Altertum bis Ptolemäus,Leiden, Brill, 1944, pp. 387, 410–411; cited in Zürcher (2002), pp. 30–31.
  130. Jump up to:a b c d O’Reilly (2007), p. 97.
  131. Jump up^ Young (2001), pp. 29–30.
  132. Jump up to:a b Ball (2016), p. 153.
  133. Jump up^ Schoff (1915), p. 229.
  134. Jump up^ Thorley (1979), pp. 181–190 (187f.).
  135. Jump up^ Thorley (1971), pp. 71–80 (76).
  136. Jump up to:a b c Whitfield (1999), p. 21.
  137. Jump up^ “India, China and the Arabian peninsula take one hundred million sesterces from our empire per annum at a conservative estimate: that is what our luxuries and women cost us. For what fraction of these imports is intended for sacrifices to the gods or the spirits of the dead?” Original Latin: “minimaque computatione miliens centena milia sestertium annis omnibus India et Seres et paeninsula illa imperio nostro adimunt: tanti nobis deliciae et feminae constant. quota enim portio ex illis ad deos, quaeso, iam vel ad inferos pertinet?” Pliny, Historia Naturae 12.41.84.
  138. Jump up^ Natural History (Pliny), as quoted in Whitfield (1999), p. 21.
  139. Jump up to:a b c Ball (2016), p. 154.
  140. Jump up^ Seneca (1974), p. 375.
  141. Jump up to:a b Ball (2016), pp. 153–154.
  142. Jump up^ An (2002), pp. 82–83.
  143. Jump up^ Ball (2016), p. 155.
  144. Jump up to:a b c Howard (2012), p. 133.
  145. Jump up^ Liu (2001), p. 168.
  146. Jump up^ Dresden (1981), p. 9.
  147. Jump up^ Brosius (2006), pp. 122–123.
  148. Jump up^ An (2002), pp. 79–94.
  149. Jump up to:a b c Hansen (2012), p. 97.
  150. Jump up^ “Ancient Roman coins unearthed from castle ruins in Okinawa”The Japan Times. 26 September 2016. Retrieved 26 September 2016.
  151. Jump up^ Hansen (2012), pp. 97–98.
  152. Jump up^ Scheidel (2009), p. 186.
  153. Jump up^ Bagchi (2011), pp. 137–144.
  154. Jump up^ Scheidel (2009), footnote #239 on p. 186.
  155. Jump up^ Corbier (2005), p. 333.
  156. Jump up^ Yule (1915), footnote #1 on p. 44.
  157. Jump up^ Jarus, Owen (26 January 2010). “Ambassador or slave? East Asian skeleton discovered in Vagnari Roman Cemetery”The Independent. Retrieved 20 April 2017.
  158. Jump up^ “Skeleton find could rewrite Roman history”BBC News. 23 September 2016. Retrieved 24 September 2016.
  159. Jump up^ Rebecca C. Redfern et. al. “Going south of the river: A multidisciplinary analysis of ancestry, mobility and diet in a population from Roman Southwark, London“. Journal of Archaeological Science, Volume 74, October 2016, pp. 11–22. Accessed 24 September 2016.
  160. Jump up^ Kristina Killgrove. (23 September 2016). “Chinese Skeletons In Roman Britain? Not So Fast“. Forbes. Accessed 25 September 2016.
  161. Jump up^ Dubs (1941), pp. 322–330.
  162. Jump up^ Hoh, Erling (May–June 1999). “Romans in China?”ArchaeologyArchaeological Institute of America. Retrieved 10 September 2016.
  163. Jump up^ “Romans in China stir up controversy”China Daily. Xinhua online. 24 August 2005. Retrieved 10 September 2016.
  164. Jump up^ “They came, saw and settled”The Economist. 16 December 2004. Retrieved 18 April 2017.
  165. Jump up to:a b “Hunt for Roman Legion Reaches China”China DailyXinhua. 20 November 2010. Retrieved 4 June 2012.
  166. Jump up to:a b “Chinese Villagers ‘Descended from Roman Soldiers'”The Daily Telegraph. 23 November 2010. Retrieved 4 June 2012.
  167. Jump up to:a b R. Zhou; et al. (2007). “Testing the Hypothesis of an Ancient Roman Soldier Origin of the Liqian People in Northwest China: a Y-Chromosome Perspective”Journal of Human Genetics52 (7): 584–91. PMID 17579807doi:10.1007/s10038-007-0155-0.

Sources

  • Abraham, Curtis. (11 March 2015). “China’s long history in Africa“. New African. Accessed 2 August 2017.
  • Adshead, S. A. M. (1995) [1988]. China in World History, 2nd edition. New York: Palgrave MacMillan and St. Martin’s Press. ISBN 978-0-333-62132-5.
  • An, Jiayao. (2002). “When Glass Was Treasured in China”, in Annette L. Juliano and Judith A. Lerner (eds), Silk Road Studies VII: Nomads, Traders, and Holy Men Along China’s Silk Road, 79–94. Turnhout: Brepols Publishers. ISBN 2-503-52178-9.
  • Bagchi, Prabodh Chandra (2011). Bangwei Wang and Tansen Sen (eds), India and China: Interactions Through Buddhism and Diplomacy: a Collection of Essays by Professor Prabodh Chandra Bagchi. London: Anthem Press. ISBN93-80601-17-4.
  • Ball, Warwick (2016). Rome in the East: Transformation of an Empire, 2nd edition. London: Routledge, ISBN 978-0-415-72078-6.
  • Bang, Peter F. (2009). “Commanding and Consuming the World: Empire, Tribute, and Trade in Roman and Chinese History”, in Walter Scheidel (ed), Rome and China: Comparative Perspectives on Ancient World Empires, pp. 100–120. Oxford: Oxford University Press. ISBN 978-0-19-975835-7.
  • Bai, Shouyi (2003), A History of Chinese Muslim2, Beijing: Zhonghua Shuju, ISBN 7-101-02890-X.
  • Bauman, Richard A. (2005). Crime and Punishment in Ancient Rome. London: Routledge, reprint of 1996 edition. ISBN 0-203-42858-7.
  • Braun, Joachim (2002). Douglas W. Scott (trans), Music in Ancient Israel/Palestine: Archaeological, Written, and Comparative Sources. Cambridge: William B. Eerdmans Publishing Company. ISBN 0-8028-4477-4.
  • Bretschneider, Emil (1888). Medieval Researches from Eastern Asiatic Sources: Fragments Towards the Knowledge of the Geography and History of Central and Western Asia from the 13th to the 17th Century, Vol. 1. Abingdon: Routledge, reprinted 2000.
  • Brosius, Maria (2006). The Persians: An Introduction. London: Routledge. ISBN0-415-32089-5.
  • Christopoulos, Lucas (August 2012). “Hellenes and Romans in Ancient China (240 BC – 1398 AD)”, in Victor H. Mair (ed), Sino-Platonic Papers, No. 230. Chinese Academy of Social Sciences, University of Pennsylvania Department of East Asian Languages and Civilizations. ISSN 2157-9687.
  • Corbier, Mireille. (2005). “Coinage and Taxation: the State’s point of view, A.D. 193-337”, in Alan K. Bowman, Peter Garnsey, and Averil Cameron (eds), The Cambridge Ancient History XII: the Crisis of Empire, A.D. 193-337, Vol. 12 (2nd edition), pp. 327–392. Cambridge: Cambridge University PressISBN 0-521-30199-8.
  • Cumont, Franz (1933). The Excavations of Dura-Europos: Preliminary Reports of the Seventh and Eighth Seasons of Work. New Haven: Crai.
  • de Crespigny, Rafe (2007). A Biographical Dictionary of Later Han to the Three Kingdoms (23–220 AD). Leiden: Koninklijke Brill. ISBN 978-90-04-15605-0.
  • Dresden, Mark J. (1981). “Introductory Note”, in Guitty Azarpay (ed.), Sogdian Painting: the Pictorial Epic in Oriental Art. Berkeley: University of California Press. ISBN 0-520-03765-0.
  • Dubs, Homer H. “An Ancient Military Contact between Romans and Chinese”, in The American Journal of Philology, Vol. 62, No. 3 (1941), pp. 322–330.
  • Encyclopædia Britannica. (1903) [1890]. Day Otis Kellogg (ed.), The New Americanized Encyclopædia Britannica: a General Encyclopædia of Art, Science, Literature, History, Biography, Invention, and Discovery, Covering the Whole Range of Human Knowledge, Vol. 3. Chicago: Saalfield Publishing (Riverside Publishing).
  • Fan, Ye (September 2003). Hill, John E., ed. “The Western Regions according to the Hou Hanshu: The Xiyu juan, “Chapter on the Western Regions”, from Hou Hanshu 88, Second Edition (Extensively revised with additional notes and appendices)”Depts.washington.edu. Translated by John E. Hill. Retrieved 26 September 2016.
  • Fontana, Michela (2011). Matteo Ricci: a Jesuit in the Ming Court. Lanham: Rowman and Littlefield Publishers. ISBN 978-1-4422-0586-4.
  • Grant, R.G. (2005). Battle: A Visual Journey Through 5,000 Years of Combat. DK Pub. ISBN 978-0-7566-1360-0.
  • Hansen, Valerie (2012). The Silk Road: A New History. Oxford: Oxford University Press. ISBN 978-0-19-993921-3.
  • Harper, P. O. (2002). “Iranian Luxury Vessels in China From the Late First Millennium B.C.E. to the Second Half of the First Millennium C.E.”, in Annette L. Juliano and Judith A. Lerner (eds), Silk Road Studies VII: Nomads, Traders, and Holy Men Along China’s Silk Road, 95–113. Turnhout: Brepols Publishers. ISBN2-503-52178-9.
  • Haw, Stephen G. (2006). Marco Polo’s China: a Venetian in the Realm of Kublai Khan. London: Routledge, ISBN 0-415-34850-1.
  • Hill, John E. (2009). Through the Jade Gate to Rome: A Study of the Silk Routes during the Later Han Dynasty, First to Second Centuries CE. BookSurge. ISBN 978-1-4392-2134-1.
  • Hirth, Friedrich (2000) [1885]. Jerome S. Arkenberg, ed. “East Asian History Sourcebook: Chinese Accounts of Rome, Byzantium and the Middle East, c. 91 B.C.E. – 1643 C.E.”Fordham.eduFordham University. Retrieved 10 September 2016.
  • Hirth, Friedrich (1885): China and the Roman Orient. 1875. Shanghai and Hong Kong. Unchanged reprint. Chicago: Ares Publishers, 1975.
  • Hoh, Erling (May–June 1999). “Romans in China?”Archaeology.org. Archaeological Institute of America. Retrieved 10 September 2016.
  • Howard, Michael C. (2012). Transnationalism in Ancient and Medieval Societies: the Role of Cross Border Trade and Travel. McFarland and Company.
  • Jacobi, David (1999), “The Latin empire of Constantinople and the Frankish states in Greece”, in David Abulafia (ed), The New Cambridge Medieval History, Volume V: c. 1198–c. 1300. Cambridge: Cambridge University Press, pp. 525–542. ISBN 0-521-36289-X.
  • Kumar, Yukteshwar. (2005). A History of Sino-Indian Relations, 1st Century A.D. to 7th Century A.D.: Movement of Peoples and Ideas between India and China from Kasyapa Matanga to Yi Jing. New Delhi: APH Publishing. ISBN 81-7648-798-8.
  • Lewis, Mark Edward. (2007). The Early Chinese Empires: Qin and Han. Cambridge: Belknap Press of the Harvard University PressISBN 978-0-674-02477-9.
  • Lieu, Samuel N.C. (2009). “Epigraphica Nestoriana Serica” in Werner Sundermann, Almut Hintze, and Francois de Blois (eds), Exegisti monumenta Festschrift in Honour of Nicholas Sims-Williams, pp. 227–246. Weisbaden: Harrassowitz Verlag. ISBN 978-3-447-05937-4.
  • Liu, Xinru (2001). “The Silk Road: Overland Trade and Cultural Interactions in Eurasia”, in Michael Adas (ed.), Agricultural and Pastoral Societies in Ancient and Classical History. Philadelphia: Temple University Press, American Historical Association.
  • Luttwak, Edward N. (2009). The Grand Strategy of the Byzantine Empire. Cambridge: The Belknap Press of Harvard University Press. ISBN 978-0-674-03519-5.
  • Mawer, Granville Allen (2013). “The Riddle of Cattigara” in Robert Nichols and Martin Woods (eds), Mapping Our World: Terra Incognita to Australia, 38–39, Canberra: National Library of Australia. ISBN 978-0-642-27809-8.
  • McLaughlin, Raoul (2010). Rome and the Distant East: Trade Routes to the Ancient Lands of Arabia, India, and China. London: Continuum, ISBN 978-1-84725-235-7.
  • McLaughlin, Raoul (2014). The Roman Empire and the Indian Ocean: the Ancient World Economy and the Kingdoms of Africa, Arabia, and India. Barnsley: Pen and Sword Military. ISBN 978-1-78346-381-7.
  • Needham, Joseph (1971). Science and Civilization in China: Volume 4, Physics and Physical Technology, Part 3: Civil Engineering and Nautics. Cambridge: Cambridge University Press; rpr. Taipei: Caves Books, Ltd, 1986.
  • Olschki, Leonardo (1960). Marco Polo’s Asia: An Introduction to His “Description of the World” Called “Il Milione”. Berkley: University of California Press and Cambridge University Press.
  • O’Reilly, Dougald J.W. (2007). Early Civilizations of Southeast Asia. Lanham: AltaMira Press, Division of Rowman and Littlefield Publishers. ISBN 0-7591-0279-1.
  • Osborne, Milton (2006) [2000]. The Mekong: Turbulent Past, Uncertain Future, revised edition. Crows Nest: Allen and Unwin. ISBN 1-74114-893-6
  • Ostrovsky, Max (2007). Y = Arctg X: the Hyperbola of the World Order. Lanham: University Press of America. ISBN 0-7618-3499-0.
  • Parker, Grant (2008). The Making of Roman India. Cambridge and New York: Cambridge University Press. ISBN 978-0-521-85834-2.
  • Pike, John. (last modified 11-07-2011). “Roman Money“. Globalsecurity.org. Accessed 14 September 2016.
  • Pulleyblank, Edwin G.. “Review: The Roman Empire as Known to Han China: The Roman Empire in Chinese Sources by D. D. Leslie; K. H. J. Gardiner”,Journal of the American Oriental Society, Vol. 119, No. 1 (January–March, 1999), pp. 71–79.
  • Redfern, Rebecca C. et al. “Going south of the river: A multidisciplinary analysis of ancestry, mobility and diet in a population from Roman Southwark, London“. Journal of Archaeological Science, Volume 74, October 2016, pp. 11–22. Accessed 24 September 2016.
  • Reinert, Stephen W. (2002). “Fragmentation (1204–1453)”, in Cyril Mango (ed), The Oxford History of Byzantium. Oxford: Oxford University Press, pp. 248–283. ISBN 0-19-814098-3.
  • von Richthofen, Ferdinand. (1877). China. Vol.I. Berlin; cited in Richard Hennig (1944), Terrae incognitae : eine Zusammenstellung und kritische Bewertung der wichtigsten vorcolumbischen Entdeckungsreisen an Hand der daruber vorliegenden Originalberichte, Band I, Altertum bis Ptolemäus. Leiden, Brill.
  • Schafer, Edward H. (1985) [1963]. The Golden Peaches of Samarkand: A study of T’ang Exotics (1st paperback ed.). Berkeley: University of California Press, ISBN 0-520-05462-8.
  • Scheidel, Walter (2009). “The Monetary Systems of the Han and Roman Empires”, in Walter Scheidel (ed), Rome and China: Comparative Perspectives on Ancient World Empires, 137–208. Oxford: Oxford University Press. ISBN978-0-19-975835-7.
  • Schoff, William H. (2004) [1912]. Lance Jenott, ed. “”The Periplus of the Erythraean Sea: Travel and Trade in the Indian Ocean by a Merchant of the First Century” in The Voyage around the Erythraean Sea”Depts.washington.eduUniversity of Washington. Retrieved 19 September 2016.
  • Schoff, W. H. (1915). The Eastern Iron Trade of the Roman Empire. [New Haven].
  • Seneca, Lucius Annaeus, (1974). Michael Winterbottom (trans), Declamations, Volume I: Controversiae, Books 1–6. Cambridge: Harvard University Press. ISBN 978-0-674-99511-6.
  • Sezgin, Fuat; Carl Ehrig-Eggert; Amawi Mazen; E. Neuba uer (1996). نصوص ودراسات من مصادر صينية حول البلدان الاسلامية. Frankfurt am Main: Institut für Geschichte der Arabisch-Islamischen Wissenschaften (Institute for the History of Arabic-Islamic Science at the Johann Wolfgang Goethe University).
  • Spielvogel, Jackson J. (2011). Western Civilization: a Brief History. Boston: Wadsworth, Cencage Learning. ISBN 0-495-57147-4.
  • Stein, Aurel M. (1907). Ancient Khotan: Detailed report of archaeological explorations in Chinese Turkestan. 2 vols. pp. 44–45. M. Aurel Stein. Oxford: Clarendon Press.
  • Stein, Aurel M. (1932), On Ancient Central Asian Tracks: Brief Narrative of Three Expeditions in Innermost Asia and Northwestern China, pp. 47, 292–295. Reprinted with Introduction by Jeannette Mirsky (1999), Delhi: Book Faith India.
  • Suárez, Thomas (1999). Early Mapping of Southeast Asia. Singapore: Periplus Editions. ISBN 962-593-470-7.
  • Sun, Zhixin Jason. “Life and Afterlife in Early Imperial China“, in American Journal of Archaeology, Vol. 113, No. 3 (July 2009): 1–9. DOI: 10.3764/ajaonline1133.Sun.
  • Thorley, John (1971), “The Silk Trade between China and the Roman Empire at Its Height, ‘Circa’ A. D. 90–130”, Greece and Rome, Vol. 18, No. 1 (1971), pp. 71–80.
  • Thorley, John. “The Roman Empire and the Kushans”, in Greece and Rome, Vol. 26, No. 2 (1979), pp. 181–190 (187f.).
  • Tremblay, Xavier (2007). “The Spread of Buddhism in Serindia: Buddhism Among Iranians, Tocharians and Turks before the 13th Century”, in Ann Heirman and Stephan Peter Bumbacker (eds), The Spread of Buddhism. Leiden: Koninklijke Brill. ISBN 978-90-04-15830-6.
  • Whitfield, Susan (1999). Life Along the Silk Road. Berkeley: University of California Press. ISBN 0-520-23214-3.
  • Wilford, John Noble (2000) [1981]. The Mapmakers, revised edition. New York: Vintage Books, a division of Random HouseISBN 0-375-70850-2.
  • Wilkinson, Endymion (2000). Chinese History: a Manual, Revised and Enlarged. Cambridge: Harvard University Press. ISBN 0-674-00247-4.
  • Wittfogel, Karl A. and Feng Chia-Sheng. “History of Chinese Society: Liao (907–1125)”, in Transactions of American Philosophical Society (vol. 36, Part 1, 1946).
  • Young, Gary K. (2001). Rome’s Eastern Trade: International Commerce and Imperial Policy, 31 BC – AD 305. London: Routledge, ISBN 0-415-24219-3.
  • Yu, Huan (September 2004). John E. Hill, ed. “The Peoples of the West from the Weilue 魏略 by Yu Huan 魚豢: A Third Century Chinese Account Composed between 239 and 265, Quoted in zhuan 30 of the Sanguozhi, Published in 429 CE”Depts.washington.edu. Translated by John E. Hill. Retrieved 17 September 2016.
  • Yü, Ying-shih. (1986). “Han Foreign Relations”, in Denis Twitchett and Michael Loewe (eds), The Cambridge History of China: Volume I: the Ch’in and Han Empires, 221 B.C. – A.D. 220, 377–462. Cambridge: Cambridge University Press. ISBN 978-0-521-24327-8.
  • Yule, Henry (1915). Henri Cordier (ed.), Cathay and the Way Thither: Being a Collection of Medieval Notices of China, Vol I: Preliminary Essay on the Intercourse Between China and the Western Nations Previous to the Discovery of the Cape Route. London: Hakluyt Society. Retrieved 21 September 2016.
  • Zhou R., An L., Wang X., Shao W., Lin G., Yu W., Yi L., Xu S., Xu J., Xie X. “Testing the hypothesis of an ancient Roman soldier origin of the Liqian people in northwest China: a Y-chromosome perspective“, in Journal of Human Genetics, Vol. 52, No. 7 (2007), pp. 584–91.
  • Zürcher, Erik (2002). “Tidings from the South, Chinese Court Buddhism and Overseas Relations in the Fifth Century AD”. Erik Zürcher in: A Life Journey to the East. Sinological Studies in Memory of Giuliano Bertuccioli (1923–2001). Edited by Antonio Forte and Federico Masini. Italian School of East Asian Studies. Kyoto. Essays: Volume 2, pp. 21–43.

Further reading

  • Leslie, D. D., Gardiner, K. H. J.: “The Roman Empire in Chinese Sources”, Studi Orientali, Vol. 15. Rome: Department of Oriental Studies, University of Rome, 1996.
  • Schoff, Wilfred H.: “Navigation to the Far East under the Roman Empire”, Journal of the American Oriental Society, Vol. 37 (1917), pp. 240–249
  • André Bueno (May 2016). “”Roman Views of the Chinese in Antiquity” in Sino-Platonic Papers (PDF). Sino-platonic.org. Retrieved 10 September 2016.

External links