Riciclare la cacca per produrre gas gratuito per i fornelli e caldaia di casa: in Africa è realtà grazie a giovani studenti – i VIDEO

Quando la scuola Maseno in Kenia inaugurò i nuovi dormitori per oltre 700 studenti nel 2013, l’area intorno alla casa degli studenti spesso odorava a causa delle latrine e delle pozze e di un sistema di fognature difettoso che contaminava anche l’acqua dolce locale. Leroy Mwasaru e quattro amici hanno scelto una soluzione: un bioreattore di rifiuti umani che potrebbe trasformare i rifiuti in un combustibile da cucina pulito per la cucina che aveva utilizzato legna da ardere.

Oggi, Mwasaru è il fondatore di Greenpact, un gruppo di persone che mira a fornire soluzioni di biogas a oltre sei milioni di keniani che non hanno accesso ad adeguati servizi sanitari e di energia rinnovabile.

Power Hackers, una serie realizzata in collaborazione con Autodesk, profili inaspettati creatori e designer che stanno sviluppando soluzioni climatiche creative. Il video che abbiamo linkato qui sotto è stato realizzato dalla scuola superiore di Leroy Mwasaru e dai suoi compagni di classe nella loro ricerca di sviluppare una fonte sostenibile di energia. La loro soluzione è un bioreattore alimentato da rifiuti umani che ripulirà l’approvvigionamento idrico della città mentre alimenta prese e stovetop. Il VIDEO:

In questo filmato realizzato da Alicia Sully e Sebastian Lindstrom, viene illustrato il funzionamento del sistema per la trasformazione della cacca in metano. Una Green House Gas naturale, che può essere utilizzata per uso in ogni casa. Utilizzando la teoria di ingegneria e chimica di base, è possibile creare “biodigesters” come quello mostrato  questo video, per fornire una fonte di gas che sia molto più ecologicamente ed economicamente sensibile delle alternative non rinnovabili: