Catturato uno squalo-serpente nel Pacifico con 300 denti affilatissimi

Uno squalo con la testa di serpente è presente oggi nei nostri mari. E’ lungo circa 2 metri, assomiglia molto ad uno squalo ma con la testa simile a quella di un serpente. La sua mandibola è molto flessibile tale da poter ingoiare grossi pesci ed ha circa  300 denti affilatissimi e disposti su 25 righe, nessuna preda riuscirebbe a scappare.

Un gruppo di ricercatori al largo delle coste del Portogallo, mentre stava conducendo uno studio sulla pesca, si è imbattuto in un esemplare di questa creatura. Gli scienziati l’hanno definito come “squalo dal collare” e si pensa che abiti nelle acque profonde oceaniche del Pacifico e dell’Atlantico. Le sue caratteristiche anatomiche sono molto primitive  e si pensa che la sua specie possa risalire  addirittura a 150 milioni di anni fa. La cosa strana è come abbia fatto a sopravvivere all’estinzione, a differenza dei suoi animali contemporanei come i dinosauri, e ancora più strano è che  lo squalo è rimasto identico come ai tempi della Pangea.