Press "Enter" to skip to content

Trovato leone delle caverne mummificato vecchio di 50.000 anni, scienziati: “potremmo clonarlo”

In questi giorni le cose buone vengono anche dalla Russia. Come la notizie eccitante diffusa dal Siberian Times del ritrovamento di un cucciolo di leone delle caverne congelato 50.000 anni fa, completo con i capelli dei baffi e tutto il resto. A prima vista, sembrerebbero i resti di un comune gatto. L’animale preistorico miracolosamente preservato da quando il Pleistocene fu trovato nel permafrost di Yakutia da un contadino che era alla ricerca di resti di mammut di grande valore. L’esemplare sembra un animale di pezza malconcio – e sarà necessario vedere come odora ora che è stato scongelato. È piccolo (giocoso non più) ma se fosse diventato un adulto sarebbe diventato una bestia terrificante considerevolmente più grande dell’attuale leone, di cui le caverne ( panthera leo spelaea) era la prima versione di Zumosol. Come se non ci fosse abbastanza nell’era glaciale con il freddo.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Probabilmente l’esistenza del leone delle caverne e l’orso delle caverne hanno spinto la storia dell’architettura, facendo sì che i nostri antenati se ne andassero per le gambe e li stimolassero a costruire case altrove. Possiamo solo ringraziare la Provvidenza che questo vello ancestrale e altri congeneri estinti con denti grandi come il leone americano ( panthera leo atrox ) non ci sono più. Un dettaglio del nuovo ritrovamento:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il ritrovamento del cucciolo mummificato, studiato dai medici Protopopov e Potapova – che sembrano personaggi di Cechov – apre la porta alla possibilità di clonarli (ai felini, non ai medici), anche se ci si chiede il significato di restituire al vita a leoni di taglia buffaliana, tranne che per dare una gioia a Jane Auel, l’autrice di The Clan of the Cave Bear. Sicuramente, non sarebbe una buona idea .

Il leone non è il primo del suo genere che si conserva: nel 2015 hanno trovato due in Siberia, cucamente battezzato Uyan e Dina (Uyandina apparso sul fiume), più piccolo, appena una settimana; uno aveva ancora resti di latte dalla madre in bocca, secondo i ricercatori. La foto:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Ma questo nuovo è molto meglio. Tuttavia, Potapova ha suggerito che il cucciolo potrebbe non essere un leone delle caverne ma una lince. Il mistero continua.

error: Non sei autorizzato a copiare questo materiale. Per richieste e/o chiarimenti puoi scriverci.