Alimentare la propria casa riciclando batterie usate: lo fanno già centinaia di famiglie

Perché spendere migliaia di dollari su un Tesla Powerwall quando potresti costruirti il tuo – per una frazione del costo? Questa è una domanda che molti appassionati di energia alternativa si sono posti, ed è in definitiva ciò che ha portato centinaia di persone a sviluppare le proprie versioni utilizzando batterie per laptop riciclate . Ora che i piani di Powerwall per il fai-da-te vengono condivisi online gratuitamente, diverse persone hanno creato piattaforme in grado di immagazzinare molta più energia rispetto alla versione di Tesla.

Su Facebook , YouTube e nei forum , le persone stanno imparando come creare in sicurezza le proprie versioni fai-da-te che costano molto meno di un Tesla Powerwall. Uno dei costruttori di powerwall più popolari è Jehu Garcia . Ha detto a Vice: “È il futuro. È pulito, semplice, efficiente e potente. ” Joe Williams , un altro appassionato di powerwall, ha aggiunto:” Il risultato finale è poter contare su qualcosa che non solo ho costruito da solo, ma ho capito i dettagli per alimentare tutta la mia elettricità nella mia casa. È stimolante. “

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Esistono diverse versioni fai-da-te in grado di immagazzinare più energia di Powerwall di Tesla. Sul forum francese  Diypowerwalls.com , l’utente Glubux ha detto che il suo powerwall può immagazzinare 28 kWh di energia. “Gestisco tutta la casa, infatti ho persino acquistato un forno elettrico e una piastra di cottura a induzione per utilizzare l’energia extra durante l’estate”, hanno detto.

Lo YouTuber australiano Peter Matthews sostiene di aver creato una gigantesca batteria in grado di immagazzinare 40 kWh di energia. Secondo quanto riferito, raccoglie energia da oltre 40 pannelli solari sul tetto di Matthews e immagazzina quasi abbastanza energia per il fabbisogno elettrico della sua casa. “Le uniche cose che non corro sono i grandi condizionatori d’aria e il sistema di riscaldamento dell’acqua”, ha detto. L’aficionado di energia alternativa ha creato le powerpower DIY e il gruppo Facebook powerwall più popolare.

- Prosegue dopo la pubblicità -

La maggior parte degli appassionati di powerwall consiglia di utilizzare batterie 18650 agli ioni di litio per i loro progetti. Le batterie sono solitamente racchiuse in una plastica colorata e possono essere trovate all’interno dell’elettronica, come i laptop. Se acquistate online o da un negozio di computer, le batterie costeranno più di $ 5 a pezzo. Se si ottengono batterie di seconda mano, dai vecchi computer portatili Dell, HP, Lenovo e LG, è possibile salvare centinaia – se non migliaia – di dollari sul progetto. Naturalmente, è possibile che si riscontrino delle difficoltà nel raccogliere le batterie, poiché le aziende tecnologiche disapprovano la loro riproposizione creativa.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Un effetto positivo della tendenza del powerwall fai-da-te è che riduce gli sprechi. Secondo Carl E. Smith, CEO e presidente di  Call2Recycle , circa il 95 percento delle batterie di consumo vendute negli Stati Uniti non viene riciclato e alla fine viene gettato via. “Praticamente tutte le batterie possono essere riciclate in preziosi prodotti secondari, il motivo principale per cui non dovrebbero essere smaltiti in discarica e dovrebbero invece essere riciclati “, ha affermato.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Anche se può richiedere molto tempo per procurarsi le batterie usate, è un investimento utile secondo gli appassionati di powerwall di DIY . E se uno segue attentamente le istruzioni quando costruisce la propria versione (come quelle che seguono), il rischio di bruciare la propria casa è ridotto al minimo. In definitiva, c’è il rischio associato alla creazione del proprio dispositivo di accumulo di energia, ma la tendenza non può essere ignorata man mano che cresce in popolarità. Video:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Tramite la scheda madre Vice

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.