Ricercatori: “l’Etna sta scivolando in mare aperto e in futuro potrebbe causare tsunami”

L’Etna è il vulcano più attivo d’Europa e sembra che stia lentamente “scivolando nel mare“. È la prima volta che gli scienziati hanno osservato direttamente qualcosa del genere e potrebbero avere conseguenze preoccupanti in futuro. “Il movimento costante potrebbe contribuire a una grande frana lungo la costa dell’Etna, causando devastanti tsunami alle aree circostanti”.

L’Etna in Italia è direzionato verso il Mar Mediterraneo. I ricercatori hanno osservato alcune parti dei vulcani che si muovono, ma secondo la BBC , questi scienziati pensano che questa sia la prima volta che qualcuno abbia osservato direttamente i sotterranei di un intero vulcano attivo. Hanno realizzato 11 anni di misurazioni GPS in tutta l’Etna per fare la scoperta.

- Prosegue dopo la pubblicità -

John Murray della Open University , autore principale dello studio sull’opera, ha detto che l’Etna si sta spostando di 14 millimetri (mm) all’anno verso il Mediterraneo. “Anche se 14 mm potrebbero non sembrare molto, studi precedenti su vulcani estinti da tempo hanno scoperto che quelli che scivolano verso il basso in modo simile hanno provocato frane catastrofiche più tardi nella loro storia”, ha detto Murray nella dichiarazione dell’università.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Dovremmo essere preoccupati? Stando alle ipotesi, comunque, l’Etna potrebbe non scivolerebbe nel mare durante questa epoca, quindi i residenti locali non devono aver paura, ma “continuare a scorrere per centinaia o migliaia di anni potrebbe causarne una situazione instabile e pericolosa”, ha detto Murray. Ha detto alla BBC che gli scienziati dovrebbero monitorare la mozione per vedere se accelera. Il movimento sull’Etna potrebbe tuttavia influire sulla ricerca oggi; Murray ha detto che potrebbe interferire con i segnali che inducono gli scienziati a capire dove sia il magma . Potrebbe essere più complicato monitorare la probabilità di un’eruzione. Il Bulletin of Volcanology ha pubblicato la ricerca online alla fine della scorsa settimana; hanno contribuito gli scienziati dell’Université Clermont Auvergne in Francia e della Nottingham Trent University nel Regno Unito.

- Prosegue dopo la pubblicità -

+ The Open University

- Prosegue dopo la pubblicità -

+ Bollettino di Vulcanologia

Via la BBC

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.