Capodoglio trovato morto con 29 chili di plastica nello stomaco

Gli scienziati hanno scoperto 29 chili di plastica nello stomaco di un capodoglio ritrovato spiaggiato sulla costa meridionale della Spagna a febbraio 2018. Durante l’autopsia dell’esemplare, un maschio lungo 10 metri, gli esperti del Centro di recupero della fauna selvatica di El Valle hanno scoperto sacchetti di plastica, una tanica e diversi pezzi di corda e reti da pesca. A segnalarci la notizia anche alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina facebook.com/www.cronaca.news è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel).

- Prosegue dopo la pubblicità -

Purtroppo, molti esseri umani ancora oggi preferiscono abbandonare i rifiuti in mare aperto e sulle spiagge piuttosto che favorire un’economia circolare attraverso la raccolta differenziata che porterebbe esclusivamente vantaggi alla salute dell’ambiente in cui viviamo e anche occasioni di lavoro sul luogo. E invece no, purtroppo ancora oggi troppa gente fa l’esatto contrario, uccidendo animali marini e dunque anche l’ambiente.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Dopo un esame completo, gli esperti concordarono che il capodoglio era morto perché non poteva espellere la plastica che aveva inghiottito. Essi teorizzano che il blocco nel sistema digestivo della balena causava un’infezione dell’addome, chiamata peritonite, che alla fine ha portato alla morte del mammifero. Per quanto scioccante sia la scoperta, in realtà non lo è. Quando oltre 8 milioni di tonnellate di plastica entrano negli oceani di tutto il mondo, non è una coincidenza che 29 chili di questi possano finire nello stomaco di un capodoglio.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Dopo i risultati dell’autopsia, la morte della balena ha spinto il governo di Murcia, in Spagna, a lanciare una campagna di sensibilizzazione sui pericoli della plastica monouso“La presenza di plastica nei mari e negli oceani è una delle maggiori minacce alla conservazione della fauna selvatica in tutto il mondo, dal momento che molti animali sono intrappolati nella spazzatura o ingeriscono grandi quantità di plastica che finiscono per causare la loro morte“, ha affermato Consuelo Rosauro , direttore generale dell’ambiente naturale nel governo di Murcian. La plastica ritrovato nello stomaco del capodoglio spiaggiato:

- Prosegue dopo la pubblicità -

“La regione di Murcia non è estranea a questo problema, che dobbiamo affrontare attraverso azioni di pulizia e, soprattutto, la consapevolezza dei cittadini”. Solo un mese fa, un team scientifico ha riferito che 79.000 tonnellate di detriti di plastica ora occupano un’area nell’Oceano Pacifico grande circa tre volte la Francia. Entro il 2050, è previsto che ci sarà più plastica dei pesci nei nostri oceani. Tenendo a mente questi fatti, non dovrebbe sorprendere che il capodoglio di Murcia  sia morto per questo. Ci sono una miriade di esempi di balene che si spiaggiano sulla spiaggia con stomaci pieni di plastica – plastica che può contenere sostanze tossiche come metalli pesanti. Ma grazie anche a persone come David Attenborough, gli umani stanno iniziando a prestare attenzione. Riprese dallo spettacolo Blue Planet II , che presentava un giovane di balena morente per inquinamento plastico, ha incoraggiato molti a rinunciare alla plastica monouso – tra cui la regina d’Inghilterra, il parlamento scozzese e la BBC. Come voce della serie , Attenborough ha avvertito gli spettatori che “a meno che il flusso di plastica negli oceani del mondo sia ridotto, la vita marina sarà avvelenata da loro per molti secoli a venire”.

E la buona notizia è che la guerra alla plastica monouso sta funzionando.

Un recente rapporto del Center for Environment, Fisheries and Aquaculture Science (Cefas), le misure per ridurre l’uso di plastica hanno un impatto diretto sugli ecosistemi oceanici.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Ad esempio, piccole spese per i sacchetti di plastica nei supermercati hanno portato a un calo dell’80% nell’uso del sacchetto di plastica in tutta l’Inghilterra. “È incoraggiante vedere che gli sforzi di tutta la società, se il pubblico, l’industria, le ONG o il governo riducano i sacchetti di plastica stanno avendo un effetto”, ha detto a  The Dr Thomas Maes, scienziato dei rifiuti marini di Cefas e autore del rapporto pubblicato su Indipendent . Se gli esseri umani, le corporazioni e i governi possono continuare a mobilitarsi intorno a questioni ambientali come la plastica monouso, il futuro degli ecosistemi oceanici potrebbe trasformarsi da triste a speranzoso.