“Non beveteli, provocano il cancro, anche se molti fanno finta di niente”

Pensavo di aver fatto tutto bene: allattare i miei figli, una dieta attenta, un sacco di esercizio. Non ero sovrappeso e non avevo una storia familiare. Ho comprato bottiglie prive di BPA per la mia acqua filtrata. Ma durante una visita al dipartimento di radiologia la scorsa primavera, una coppia di parentesi rosse ha messo in evidenza qualcosa di preoccupante sul monitor a ultrasuoni. Carcinoma lobulare invasivo – un tumore al seno maligno. Questa piccola bestia raggrinzita di quasi tre centimetri significava che avevo il cancro allo stadio 2. A 47 anni, ero un decennio e mezzo più giovane dell’età media per la diagnosi del cancro al seno negli Stati Uniti. Era solo sfortuna? Forse, ma il giornalista in me era ancora curioso di sapere: perché io? Così ho scavato nella letteratura sui fattori di rischio per vedere dove avrei potuto inserirmi. È una domanda impossibile rispondere in modo definitivo a un individuo, come provare a dimostrare che un singolo evento meteorologico è stato causato dai cambiamenti climatici. Come un medico mi ha detto, “Sai chi è a rischio di contrarre il cancro al seno? Le persone con il seno! “

- Prosegue dopo la pubblicità -

Tuttavia, la maggior parte degli indicatori generali non mi sembra applicabile. Il più grande è l’età: la diagnosi mediana negli Stati Uniti è a 62, e il più alto tasso di cancro al seno è nelle donne di età superiore ai 70. Un altro sta prendendo la terapia ormonale sostitutiva dopo la menopausa, ma io sono in premenopausa e non l’ho preso . L’obesità aumenta il rischio, ma non sono mai stato sovrappeso. Poi ne ho visto uno che mi ha dato una pausa: consumo di alcol. Non sono un forte bevitore, ma come la maggior parte delle donne che conosco, ho consumato un sacco di alcol durante la mia vita.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Mentre i dottori mi hanno spesso ammonito di mettere la crema nel mio caffè per non intasare le mie arterie – una correlazione che è stata ridimensionata in modo abbastanza netto – non una volta un medico ha suggerito che potrei affrontare un rischio di cancro più alto se non riducessi il consumo. Avevo compilato dozzine di moduli medici nel corso degli anni, chiedendomi quanto bevessi ogni settimana, ma nessuno ne seguì altro che dire con approvazione annuendo: “Così bevi socialmente”.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Ho scoperto rapidamente che nel lontano 1988 , l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha dichiarato l’alcol un cancerogeno del Gruppo 1, il che significa che è stato dimostrato che causa il cancro. Secondo l’ OMS, non esiste un dosaggio sicuro noto negli esseri umani . L’alcol provoca almeno sette tipi di cancro, ma uccide più donne dal cancro al seno che da qualsiasi altro. L’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro stima che per ogni bevanda consumata ogni giorno, il rischio di cancro al seno aumenta del 7% .

La ricerca che collega l’alcol al cancro al seno è mortalmente solida. Non c’è polemica qui. L’alcol, indipendentemente dal fatto che sia in Everclear o Bordeaux d’annata, è cancerogeno. Più di 100 studi in diversi decenni hanno ribadito il legame con risultati coerenti. Il National Cancer Institute afferma che l’alcol aumenta il rischio di cancro al seno anche a bassi livelli.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Sono un lettore piuttosto vorace di notizie sulla salute, e tutto questo è stato uno shock. Mi avevano detto che il vino rosso avrebbe dovuto difendersi dalle malattie cardiache, non darti il ​​cancro. E lavorando a  Mother Jones , pensavo di aver scritto o letto articoli su tutto ciò che poteva forse causare il cancro: zucchero , plastica, latte, pesticidi, shampoo, la protezione solare sbagliata, acqua del rubinetto … Lo chiami, abbiamo riferito su le probabilità che possa darti il ​​cancro. Mentre andavo avanti e indietro in ospedale per interventi chirurgici e radioterapie, iniziai a chiedermi come potevo sapere il rischio associato a tutte queste altre cose, ma non all’alcol. Si scopre che c’era una buona ragione per la mia ignoranza.

Sono nato e cresciuto in Utah, e dopo la diagnosi del cancro mi sono chiesto cosa sarebbe successo se fossi rimasto in Il mio stato d’origine ha uno dei tassi più bassi di cancro al seno nel paese. Le donne osservanti mormoni non bevono e, come le altre popolazioni che si astengono, hanno tassi di cancro al seno significativamente più bassi rispetto ai bevitori. Nello Utah, i tassi di cancro al seno delle donne mormoni sono più del 24% inferiori alla media nazionale. (Gli uomini mormoni hanno tassi più bassi di cancro al colon, che l’alcol può anche causare).

I ricercatori sospettano che il basso tasso complessivo di cancro al seno in Utah abbia a che fare con lo stretto controllo della chiesa LDS sulla politica statale sull’alcol. I gentili, come noi non-mormoni sono chiamati, gironzolano potentemente sopra la birra acquosa al 3,2 percento venduta nei supermercati dello Utah, l’alto prezzo della vodka venduta esclusivamente nei negozi di liquori statali e l’infame ” Zion Curtain “, una barriera che i ristoranti erano fino a poco tempo fa era necessario installare per proteggere i bambini dal vedere bevande versate. Eppure tutte quelle restrizioni sulle bevande alcoliche sembrano rendere le persone in Utah più sane, mormoni o meno, specialmente quando si tratta di cancro al seno. Gli epidemiologi per primi hanno riconosciuto la connessione tra cancro e consumo di alcool negli anni ’70 . Da allora gli scienziati hanno trovato spiegazioni biologiche sul motivo per cui l’alcol è cancerogeno, in particolare nel tessuto mammario.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Quando prendi un drink , gli enzimi in bocca convertono anche piccole quantità di alcol in alti livelli di acetaldeide, un agente cancerogeno. Le persone che consumano più di tre drink al giorno sono due o tre volte più propensi a contrarre il cancro alla cavità orale rispetto a quelli che non lo fanno. L’alcol danneggia anche le cellule della bocca, innescando la pompa per altri agenti cancerogeni: gli studi hanno scoperto che bere e fumare insieme rappresentano un rischio molto più alto di cancro alla gola, alla bocca e all’esofago di quanto faccia da solo.

L’alcol continua la sua scia di danno cellulare mentre gli enzimi dall’esofago al colon lo convertono in acetaldeide. Il fegato funge da centro di disintossicazione del corpo, ma l’alcol è tossico per le cellule del fegato e può cicatrizzare il tessuto dell’organo, portando nel tempo alla cirrosi, il che aumenta il rischio di cancro al fegato.

Poiché l’acetaldeide scorre attraverso il corpo, può legarsi al DNA, causando mutazioni che possono portare al cancro, in particolare nel colon. Si sospetta che l’alcol infligga un doppio smacco sul tessuto mammario perché aumenta anche il livello di estrogeni nel corpo di una donna. Alti livelli di estrogeni provocano una più rapida divisione cellulare nel seno, che può portare a mutazioni e, infine, tumori.

- Prosegue dopo la pubblicità -

I ricercatori stimano che l’alcol rappresenti il 15% dei casi e dei decessi per cancro al seno negli Stati Uniti, rispettivamente di circa 35.000 e 6.600 all’anno. Si tratta di circa tre volte di più del numero di casi di cancro al seno causati da una mutazione dei geni BRCA, che ha spinto Angelina Jolie , che porta uno dei geni anormali, a rimuovere entrambi i seni sani nel 2013. Il rischio di cancro al seno da alcol non è alto come il rischio di cancro al polmone dovuto al fumo. Ma il cancro al seno legato all’alcol uccide più del doppio delle donne americane che fanno i conducenti ubriachi. E l’alcol è uno dei pochi fattori di rischio di cancro al seno che le donne possono controllare. Altri, come iniziare i periodi mestruali prima dei 12 anni e entrare in menopausa dopo i 55 anni, vengono cotti in forno.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Nel complesso, le donne americane hanno circa il 12% di rischio nel corso della vita di contrarre il cancro al seno. Walter Willett, professore di epidemiologia alla Harvard TH Chan School of Public Health che ha condotto studi sull’alcol e sul cancro al seno, dice che una donna che consuma da due a tre bicchieri al giorno ha un rischio di vita di circa il 15 percento, un aumento del 25 percento rispetto a astemi. In confronto, la mammografia riduce il tasso di mortalità dal cancro al seno di circa il 25%. “L’alcol può annullare tutto questo a circa due bicchieri al giorno”, dice Willett.