Muschio elimina l’arsenico dalle acque inquinate in un’ora: sensazionale scoperta dei ricercatori

I ricercatori dell’Università di Stoccolma hanno scoperto un muschio capace di eliminare l’80% dell’arsenico dalle acque contaminate in appena un’ora, rendendo l’acqua nuovamente potabile. Il muschio acquatico capace di questo “miracolo” si chiama Warnstofia fluitans e cresce nel nord della Svezia. La scoperta, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti“, apre la strada a una modalità amica dell’ambiente per purificare l’acqua.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Nella parte settentrionale della Svezia, l’acqua delle zone minerarie è spesso contaminata dall’arsenico. “Ci auguriamo che il sistema di zone umide di impianto che stiamo sviluppando risolverà il problema dell’arsenico nelle aree minerarie settentrionali della Svezia“, ​​afferma Maria Greger, professore associato presso il Dipartimento di ecologia, ambiente e scienze delle piante dell’Università di Stoccolma e leader della ricerca gruppo.

- Prosegue dopo la pubblicità -

“I nostri esperimenti dimostrano che il muschio ha una capacità molto elevata di rimuovere l’arsenico e che non ci vuole più di un’ora per rimuovere l’80% dell’arsenico da un contenitore di acqua. A quel punto, l’acqua ha raggiunto un livello così basso di arsenico che non è più dannoso per le persone, dice l’assistente alla ricerca Arifin Sandhi, che ha condotto gli esperimenti.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Nel 2004, l’uso di composti di arsenico nei prodotti di legno è stato vietato, ma l’arsenico raggiunge ancora i sistemi di terra e acqua a causa delle attività estrattive. Ciò accade perché il terreno e il substrato roccioso in alcune parti della Svezia contengono naturalmente arsenico. Di conseguenza, l’acqua potabile e l’acqua utilizzate per l’irrigazione delle colture contengono anche elevati livelli di arsenico. Le piante assorbono l’arsenico dal terreno e alla fine finisce nel cibo che mangiamo. In Svezia, questo vale per il grano, gli ortaggi a radice, le verdure a foglia verde, ecc. In altri paesi, ad esempio, vi sono livelli elevati di riso.

“Quanto l’arsenico che consumiamo dipende in ultima analisi dalla quantità di questi alimenti che mangiamo, nonché da come e dove sono stati coltivati. Il nostro obiettivo è che il sistema di zone umide che stiamo sviluppando eliminerà l’arsenico prima che l’acqua diventi potabile acqua e acqua di irrigazione, in questo modo l’arsenico non entrerà nel nostro cibo”, afferma Maria Greger. Un possibile scenario futuro sarebbe quello di far crescere questo muschio in torrenti e altri corsi d’acqua che contengono alti livelli dell’inquinante. I risultati delle sperimentazioni sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Environmental Pollution.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Fonte: www.sciencedaily.com