Energia per la casa gratuita dai rifiuti indifferenziati, ce l’ha fatta un papà – video

Un padre di famiglia ha inventato un inceneritore di rifiuti che permette alla sua famiglia di riciclare la spazzatura a casa. Nik Spencer, 48 anni, afferma che il dispositivo, che ha le dimensioni di una lavatrice e può generare abbastanza energia per riscaldare una casa. I prototipi sono in fase di sperimentazione e spera che un giorno l’inceneritore diventi un luogo comune, adatto per le superfici di lavoro accanto alle lavastoviglie. Un ciclo di otto ore può produrre abbastanza energia per riscaldare un serbatoio di acqua calda, oltre a bruciare rifiuti che finirebbero altrimenti in discarica. Non ricicla il metallo e il vetro che richiedono temperature molto più elevate per scoppiare – ma se questi oggetti finiscono nella macchina accidentalmente, non causeranno alcun danno. Uno schema mostra il funzionamento del dispositivo:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il signor Spencer, che vive con la moglie Jodie, 46 anni, e i loro due figli a Evesham, nel Worcestershire, ha avuto l’idea mentre gestiva un impianto di riciclaggio che inviava una flotta di camion per la raccolta di materiali rinnovabili. Calcolò che era possibile risparmiare enormi quantità di carbonio se il materiale di scarto fosse stato incenerito a casa, trasportandolo invece in luoghi più grandi, o addirittura all’estero. Il signor Spencer, la cui invenzione è costata 12.000 sterline per la costruzione, ha dichiarato: “Vedo un tempo nel futuro in cui la raccolta dei rifiuti è completamente sradicata e gli unici materiali riciclati sono vetro e metallo. È completamente inefficiente raccogliere il riciclaggio da una casa per essere portato in un sito da incenerire per generare calore da utilizzare per rifornire la casa di qualcuno”.

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Quello che volevo fare era tagliare efficacemente l’uomo medio e costruire qualcosa che potesse fare il lavoro di usare questi materiali per generare calore su una scala più piccola”. La HERU lavora con la pirolisi a bassa temperatura – la decomposizione della materia in assenza di ossigeno. Il signor Spencer ha detto che processi simili si sono verificati in natura, e li ha paragonati a prendere un dinosauro e un albero e seppellirli senza ossigeno. Il calore della crosta terrestre per milioni di anni produce petrolio, gas e carbone.

La HERU accelera questo processo usando tubi di calore. La spazzatura viene immessa in un cilindro delle dimensioni di un cestello della lavatrice. La camera viene riscaldata a 100 ° C (212 ° F) che asciuga l’umidità dai rifiuti per creare vapore. Questo vapore passa sopra gli scambiatori di calore che lo trasferiscono per riscaldare l’approvvigionamento idrico. La temperatura viene quindi accelerata fino a 300 ° C (572 ° F) che innesca la pirolisi e trasforma la spazzatura in una sostanza simile al carbone. Della curiosa invenzione ne ha parlato anche il Daily Mail che ha pubblicato il video che riportiamo qui sotto:

- Prosegue dopo la pubblicità -

A segnalarci la notizia anche alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel).