Press "Enter" to skip to content

Borse ed indumenti dal nastro magnetico delle vecchie videocassette, ecco come

Quando l’artista e fondatrice di Singapore di Rehyphen®  Jessica Chuan Yi Xin si è imbattuta in una pila di videocassette dimenticate nella sua stanza, ha fatto un brainstorming per riutilizzare il materiale piuttosto che contribuire al crescente problema dei rifiuti. Un po ‘di ingenuità e sperimentazione l’hanno portata a sviluppare MusicCloth®, un tessuto a mano realizzato con nastri magnetici riciclati. Alcuni prodotti realizzati con questa tecnica:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Secondo le Nazioni Unite, nel 2016 sono stati generati circa 45 milioni di tonnellate di rifiuti elettronici, un aumento dell’8% rispetto a soli due anni prima. Come difensore dell’ambiente, Chuan ha creato MusicCloth® per aumentare la consapevolezza dell’upcycling e del problema globale degli e-waste. Chuan ha sviluppato l’innovativo tessuto dopo nove mesi di ricerca e sviluppo utilizzando cassette registrate da amici e familiari. Nel 2016, ha lanciato una  campagna Kickstarter di successo  per le borse della spesa MusicCloth®. La campagna non solo ha raccolto i fondi necessari per portare il progetto al livello successivo, ma le ha anche permesso di raccogliere cassette da donatori di tutto il mondo.  Un dettaglio della lavorazione del vecchio nastro magnetico:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Chuan tesse MusicCloth® a mano in un processo semplice ma laborioso. Oltre alle borse, il materiale malleabile è stato utilizzato per creare opere d’arte , portafogli, quaderni e vestiti. Chuan e il suo team di Rehyphen® si sono anche espansi per offrire workshop attraverso la piattaforma “Experiences” di Airbnb per insegnare ai visitatori di Singapore come tessere le creazioni di MusicCloth®.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il tessile riconosciuto a livello mondiale ha persino trovato un posto nella libreria Material ConneXion di New York ed è stato anche riconosciuto dall’Università della Pennsylvania e dal Red Dot 21. Il materiale è stato recentemente inserito nella nuova categoria di Integration Design del Golden Pin Design Award.  “Speriamo di incoraggiare le persone a vedere i rifiuti con una nuova prospettiva e ad incuriosire su come sono fatte le cose”, ha detto Chuan. “Buttiamo via le cose perché sono rotte, non più utili o hanno perso il loro fascino. Tuttavia, è possibile elevare oggetti di uso quotidiano a un’opera d’arte.  Occorre osservare l’altro lato dell’esistenza: l’essenza dell’arte “.

A segnalarci la notizia anche alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel).

- Prosegue dopo la pubblicità -

+ Rehyphen®

Immagini via Rehyphen®

error: Non sei autorizzato a copiare questo materiale. Per richieste e/o chiarimenti puoi scriverci.