Press "Enter" to skip to content

Studio scientifico: “polpi di origine aliena, giunti dallo spazio 275 milioni di anni fa”

I polpi sono di origine aliena? Potrebbe sembrare l’ipotesi azzardata e fantasiosa di qualche forum di appassionati di ufologia, eppure un nuovo studio scientifico si avvicina molto a questa teoria che ricorda film fantascientifici. Un gruppo di ricercatori ha infatti ipotizzato che l’eplosione della vita sulla terra e la sua diversificazione sia stata incentivata da microgranismi provenienti da meteoriti precipitati milioni di anni fa sul nostro pianeta. Animali come cefalopodi sarebbero stati come minimo soggetti a mutazioni genetiche collegate ad influenze esterne da parte di virus. Lo studio è stato criticato da molti colleghi che ritengono che lo stesso non tenga conto delle numerose prove sull’evoluzione dei cefalopodi.

- Prosegue dopo la pubblicità -

La nuova ricerca è basata sulla teoria scientifica della panspermia secondo la quale le forme di vita più semplici si diffonderebbero in tutto il cosmo, trasportate dalle comete e da altri corpi celesti, per svilupparsi ovunque trovino condizioni ambientali favorevoli. Secondo lo studio: “L’evoluzione dal calamaro al polpo è compatibile con una suite di geni inseriti da virus extraterrestri. Uno scenario extraterrestre alternativo discusso è che a la popolazione di embrioni di polpi crioconservati possa essere atterrata in massa dallo spazio 275 milioni di anni fa“. Nella parte iniziale del testo scientifico è possibile leggere:

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Siamo acutamente consapevoli del pensiero tradizionale sull’origine e un’ulteriore evoluzione della vita sulla Terra è ancorata saldamente al Paradigma “terrestre”. Il nostro scopo qui è di facilitare ulteriori discussioni nelle comunità scientifiche biofisiche, biomediche ed evolutive al ben diverso punto di vista delle origini “Cosmiche” di H-W che meglio gestisce, a nostro avviso, una gamma più ampia di fisica, fatti astrofisici, biologici e biofisici spesso del tutto inesplicabili, se non contraddittorio, sotto il dominatore neodarwiniano terrestre paradigma. Inoltre, se alcuni lettori sperano di leggere una disquisizione basata su analisi di tipo Population Genetics, come una recensore lo ha messo, “… analisi dei tassi evolutivi, esempi di aspetto di nuovi geni senza omologia a quelli vecchi, ecc sarà per lo più deluso; anche se alcune caratteristiche genetiche di i dati recenti su Octopus e altri cefalopodi forniscono una sfida esempi al pensiero evoluzionistico convenzionale. Ma quello è non la spinta principale di questa recensione. Lo stile di scrittura generale, e in effetti inusuale, scientifico è quello di assicurare chiare comunicazioni in chiaro-inglese su molti aspetti scientifici discipline. Tuttavia di interesse specifico iconico, discutiamo il recenti dati filogenetici che datano l’emergenza del complesso retrovirus di linee di vertebrati a o poco prima dell’esplosione di Cambrian di ~ 500 Ma (l’evento epocale ampiamente concordato nel storia evolutiva della vita multicellulare sulla Terra). Questi tipi di si ipotizzano la trascrizione inversa e l’integrazione genomica dei virus essere plausibilmente associato ai principali processi genomici evolutivi. Crediamo che questa coincidenza con l’esplosione Cambriana potrebbe non essere casuale ma coerente con una previsione chiave di H-W teoria secondo la quale l’estinzione e la diversificazione delle grandi evoluzioni i confini coincidono con gli eventi di bombardamento di tipo cometario-bolido fornire virus, microrganismi e più complessi ipotizzati sistemi eucariotici sulla Terra negli ultimi 4,5 miliardi di anni Storia della Terra.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Non tutti i sistemi viventi in entrata lo sarebbero necessariamente prendere piede, e sostanziale evolutivo basato terrestre processi (qualunque siano i reali meccanismi di genetica molecolare) dovrebbe anche essere in corso. Nella nostra visione considerata la totalità dei dati multifattoriali e analisi critiche assemblate da Fred Hoyle, Chandra Wickramasinghe e i loro numerosi colleghi portano ancora al minimo indispensabile conclusione scientifica plausibile che la vita sia stata seminata qui sulla Terra dalle comete portatrici di vita non appena le condizioni sulla Terra lo permettevano (o poco prima di 4,1 miliardi di anni fa); e organismi viventi come batteri resistenti allo spazio e resistenti allo spazio, virus, cellule e organismi eucariotici più complessi (ad es. Tardigradi), forse anche fecondati ovuli e semi di piante, potrebbe essere stato continuamente consegnato da quando sulla Terra contribuendo a guidare ulteriormente il progresso dell’evoluzione biologica terrestre. Questo processo, da allora il tempo di Lord Kelvin (1871) e Svante Arrhenius (1908) ha il nome scientifico “Panspermia“. Forse i più importanti dati astronomici rilevanti per il la teoria della vita cosmica di emergere nell’ultimo decennio sono le rilevazioni di pianeti extrasolari abitabili e pianeti al di fuori del nostro sistema solare. Il totale stimato di tali pianeti simili alla Terra nella nostra Via Lattea la galassia da sola ora si trova a 100 miliardi e con 100 miliardi circa le galassie nell’universo osservabile il totale complessivo è pari a 1022. Perché scambi di materiale possibilmente fecondo tra vicini gli habitat sono più che probabile, la panspermia e la teoria di la vita cosmica potrebbe essere argomentata per diventare fatti inevitabili. Il cambio di paradigma verso questo punto di vista critico, mentre è in corso, lo è assolutamente non completo – tuttavia crediamo che il momento storico abbia ora è arrivato per un completo e considerato interdisciplinare revisione di gran parte delle prove pertinenti, che questo documento si sforza rappresentare. Ci sono molte e conseguenze di vasta portata di questa nuova consapevolezza scientifica che crediamo farebbe essere il privilegio delle future generazioni da esplorare.

2. Osservazioni introduttive
Il paradigma aristotelico della generazione spontanea della vita L’idea che le forme di vita più semplici siano emerse spontaneamente Terra (lucciole dalle miscele di terra calda e rugiada mattutina) – è sopravvissuto in una forma o nell’altra per oltre 2000 anni. Esso ha ha resistito a prove contraddittorie in diverse occasioni durante questo tempo. Gli esperimenti di Pasteur del 1862 sulla fermentazione del vino e l’inacidimento del latte lo ha portato a enunciare il detto “Omne vivum ex vivo “o” Tutta la vita viene dalla vita “. L’implicazione del Pasteur esperimento era che ogni generazione di ogni microbo, pianta o l’animale era preceduto da una generazione dello stesso organismo. Questo la vista è stata approvata con entusiasmo da altri in particolare da fisici, eminenti tra cui John Tyndall, che il 21 Nel gennaio 1870 tenne lezioni presso la Royal Institution di Londra sul implicazioni per la panspermia. È interessante e degno di nota la rivista di recente costituzione Nature ha obiettato a questa conferenza di le sue colonne editoriali con una certa passione. Dietro l’obiezione c’era la consapevolezza che il detto di Pasteur era strettamente vero allora l’origine della vita dovrebbe essere esterna alla Terra.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il continua antagonismo alle implicazioni panspermiche di Pasteur il detto ha aperto la strada all’emergere del biologico dominante paradigma – abiogenesi in un brodo primordiale. L’ultima idea era sviluppato in un momento in cui venivano considerate le prime cellule viventi essere strutture estremamente semplici che potrebbero successivamente evolversi in un modo darwiniano. Queste idee dovrebbero ovviamente essere state criticamente esaminato e respinto dopo la scoperta del strutture molecolari estremamente complesse coinvolte nelle proteine ​​e nel DNA. Ma questo non è successo. Idee moderne di abiogenesi in prese d’aria idrotermali o altrove sulla Terra primitiva sviluppato in congetture sofisticate con poco o nessuna prova supporto. Anche se ammettiamo che il paradigma neo-darwiniano dominante della selezione naturale può spiegare aspetti della storia evolutiva della vita una volta che la vita inizia, abiogenesi indipendente sul scala cosmologicamente minuscola di oceani, laghi o idrotermali le prese d’aria rimangono un’ipotesi senza supporto empirico ed è inoltre inutili e ridondanti. Con dati astronomici ora indicando l’esistenza di centinaia di miliardi di abitabili pianeti nella sola nostra galassia (Abe et al., 2013; Kopparapu, 2013) tali un’ipotesi che cerca un’origine indipendente della vita su un singolo il pianeta sembra non essere più necessario.

Il recente rapporto indica la prova della vita microbica in Canada rocce che si sono formate 4,1e4,23 miliardi di anni fa (Dodd et al., 2017), se accettato, rende più difficile, a nostro avviso, prevedere il opzione di abiogenesi che si svolge ovunque sulla Terra. Il affermano che queste rocce potrebbero essere state associate all’idrotermale gli sfoghi sollevano ancora la domanda su come la vita possa aver avuto origine in situ durante la prima epoca Hadean che è stata crivellata collisioni frequenti e violente da parte di asteroidi e comete. Piuttosto noi pensa che sia più ragionevole suggerire che la prova particolare di la vita microbica nelle rocce canadesi è stata consegnata da una cometa bolidi, solo per essere immediatamente distrutti o carbonizzati all’impatto. Le condizioni che molto probabilmente avrebbero prevalso vicino al Anche la superficie terrestre, colpita dall’impatto, era di 4,1e 4,23 miliardi di anni fa caldo anche per semplici molecole organiche per sopravvivere e tanto meno evolvere nella complessità vivente. Questo lascia la panspermia come la più plausibile opzione valida per l’origine della vita terrestre; i primi microbi furono molto probabilmente consegnati al pianeta insieme alle comete che colpiscono e meteoriti. Questo studio, insieme a quello di Bell e soci (2015) incontri gli zirconi nelle Colline di Jack dell’Australia Occidentale ad a punto temporale simile, costituiscono le scoperte più recenti che conducono naturalmente nelle idee basate sui dati di cui discutiamo a lungo in questo revisione

Dall’inizio del XX secolo la resistenza alla panspermia era diventata sempre più profondamente radicata nella nostra cultura scientifica.
Tentativi di Hoyle e Wickramasinghe (Hoyle e Wickramasinghe, 1979, 1981, 1986, 1993; Wickramasinghe, 2015a, b) riesaminare e ripristinare la panspermia alla luce di spesso venivano incontrate nuove prove di astronomia e biologia ostilità (Hoyle e Wickramasinghe, 1986; Wickramasinghe, 2015A). Un destino simile spesso si è abbattuto sui tentativi di ripristinare alcuni aspetti cruciali aspetti del lamarckismo – la nozione pre-darwiniana che i geni in il nostro genoma può essere arricchito in modo ‘direzionale’ attraverso il eredità di caratteristiche adattative, guidate dall’ambiente e acquisite (Steele, 1979; Steele et al., 1998; Jablonka and Lamb, 1995, 2005; Lindley, 2010). Quest’ultimo meccanismo di ereditarietà può essere più precisamente descritto come penetrazione di feedback da soma a germinale di una Barriera di Weisman semi-permeabile (non assoluta), a concetto modellato nel 19 ° secolo all’incirca all’epoca di Darwin Morte. Vi sono ora prove considerevoli (Steele et al., 1998; Lindley, 2010; Steele e Lloyd, 2015; Steele, 2016a) coerente con l’originale ‘ipotesi di selezione somatica’ (proposta da uno di noi (EJS) alla fine degli anni ’70) che viene ipotizzato per operare attraverso il agenzia di vettori di geni retrovirali endogeni e trascrittasi inversa (Steele, 1979). In effetti c’è molta discussione contemporanea, osservazioni e analisi critica coerenti con questo posizione guidata da Corrado Spadafora, Yongsheng Liu, Denis Noble, John Mattick e altri, che sviluppi come Lamarckian Processi di ereditarietà (sia le modificazioni dirette del DNA che quelle indirette)”. 

- Prosegue dopo la pubblicità -

Lo studio completo: https://ac.els-cdn.com/S0079610718300798/1-s2.0-S0079610718300798-main.pdf?_tid=33c607d8-7c28-4244-9964-2cd6a3c36086&acdnat=1526764150_286986484150bc2402f8cf246838a46c

error: Non sei autorizzato a copiare questo materiale. Per richieste e/o chiarimenti puoi scriverci.