Due galassie che si incontrano fotografate dal telescopio miliardi di anni luce da noi

Vimos ha fatto un’ultima foto prima di essere disattivato il 24 marzo 2018. L’ immagine presenta due galassie interagenti – ngc 5426 e ngc 5427– che insieme formano un intrigante oggetto astronomico chiamato arp 271. Vimos, spettrografo visibile multi-oggetto, è stato attivo sul telescopio vlt UT3 per 16 anni. Osservare questi oggetti, a distanze di diversi miliardi di anni luce, è come guardare indietro nel tempo, a 1,5 miliardi di anni dalla nascita dell’Universo. Questa macchina del tempo consente agli astronomi di studiare l’evoluzione dell’Universo da quel remoto passato fino ad oggi, “Mentre gli altri strumenti sono specializzati in indagini molto dettagliate su singoli oggetti, VIMOS consente di analizzare in un solo colpo grandi campioni di
oggetti”, afferma Steffen Mieske.

 

Come? VIMOS prende un’immagine di una regione nel cielo, contenente centinaia di galassie. L’astronomo può identificare quali di queste galassie sono interessate e segnarne circa un centinaio. Una fresa laser ad alta precisione utilizzerà queste informazioni per praticare piccole fenditure su una piastra metallica, nella posizione esatta delle galassie. Questa maschera viene quindi inserita in VIMOS, in modo che solo la luce degli oggetti interessanti entri nello strumento. Quindi, la luce di quegli oggetti è suddivisa nelle sue componenti di colore da un dispositivo a forma di prisma, producendo uno spettro. “Se non ci fosse la maschera che blocca la luce dagli oggetti meno interessanti, migliaia di spettri si sovrapporranno e i dati non potranno essere analizzati”, afferma Mieske.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Gli spettri sono registrati sulle quattro telecamere del dispositivo con accoppiamento di carica (CCD) montate all’estremità dello strumento. ” Invece di registrare immagini di sorgenti puntiformi, registriamo una lunga striscia (spettro) per ogni oggetto che rivela la loro composizione e il movimento nello spazio”, afferma Steffen Mieske. Grazie alla sua capacità di osservare un centinaio di galassie allo stesso tempo, VIMOS potrebbe raccogliere gli spettri di decine di migliaia di galassie sulla storia dell’Universo, mostrando come si sono formati, cresciuti ed evoluti.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Tuttavia, mentre VIMOS eccelle nel prendere spettri di centinaia di galassie lontane, può anche osservare le galassie vicine. Dato che queste galassie appaiono molto più grandi nel cielo, non basta uno spettro lungo una stretta fessura, poiché la maggior parte della luce della galassia cade fuori dalla fessura. Per risolvere questo problema, VIMOS ha una IFU (field unit mode) integrale, che consente di ottenere spettri in due dimensioni. Per ogni pixel della galassia, la modalità IFU ci offre uno spettro completo. “È come scattare migliaia di immagini con diversi filtri contemporaneamente. Grazie a questo, possiamo studiare in modo dettagliato le dinamiche e la composizione di sorgenti estese come galassie e nebulose “, afferma Juan Carlos Muñoz, collega dello strumento VIMOS. VIMOS è stato utilizzato per l’ultima volta il 24 marzo 2018 ed è ora dismesso. Punti salienti della scienza con VIMOS:

  • I telescopi dell’ESO osservano la prima luce dalla sorgente di onde gravitazionali ( eso1733 )
  • Indizi per l’origine misteriosa dei raggi cosmici ( eso1308 )
  • Le abitudini alimentari delle galassie adolescenti ( eso1212 )
  • Il cluster Galaxy più distanti ( eso1108 )
  • Spargere luce sullo scheletro cosmico ( eso0941 )
  • Una piscina di galassie lontane – l’immagine ultravioletta più profonda dell’universo ancora ( eso0839 )
  • Come crescono le galassie? ( eso0824 )
  • Nuova luce su energia oscura ( eso0804 )
  • Sondaggio VLT fornisce nuove informazioni sulla formazione delle galassie ( eso0645 )
  • Grande popolazione di galassie trovata nel giovane universo con VLT dell’ESO ( eso0530 )
Invece di concentrarsi su oggetti singoli, vimos è stato in grado di catturare informazioni dettagliate su centinaia di galassie contemporaneamente. Questo strumento sensibile ha raccolto gli spettri di decine di migliaia di galassie in tutto l’universo, mostrando come si sono formati, cresciuti e evoluti. Credits immagine: Eso Astronomy / Juan Carlos Muñoz http://socsi.in/A5LKM.  A segnalarci la notizia anche alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel).
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.