La Terra era a forma di ciambella. La curiosa ipotesi di alcuni scienziati

In un nuovo studio gli scienziati ipotizzano l’esistenza di un oggetto planetario chiamato synestia: da “syn-” (insieme) ed “Estia”, la dea greca della focolare domestico. Synestia sarebbe una massa enorme, rotante e a forma di ciambella costituita da calda roccia vaporizzata, la cui formazione è dovuta allo scontro di oggetti di dimensione planetaria. La struttura di un pianeta, un pianeta con un disco e una sinestia, tutti della stessa massa. Credito: Simon Lock e Sarah Stewart.  Gli scienziati suggeriscono in un nuovo studio l’esistenza di un oggetto planetario chiamato “synestia”, una massa enorme, a forma di ciambella, di roccia calda e vaporizzata, formata da oggetti di dimensioni planetarie che si infrangono l’una nell’altra.

Ad un certo punto all’inizio della sua storia, la Terra era probabilmente una sinestia, ha detto Sarah Stewart, una scienziata planetaria dell’Università della California Davis e co-autrice del nuovo studio sul Journal of Geophysical Research : Planets , una rivista dell’American Geophysical Unione. Stewart e Simon Lock, uno studente laureato alla Harvard University di Cambridge, Massachusetts e autore principale del nuovo studio, esplorano come i pianeti possono formarsi da una serie di impatti giganteschi. Le attuali teorie sulla formazione dei pianeti sostengono che  come Terra, Marte e Venere si formarono presto nel sistema solare quando oggetti più piccoli si schiantarono l’uno contro l’altro.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Queste collisioni erano così violente che i corpi risultanti si sono sciolti e parzialmente vaporizzati, per poi raffreddarsi e solidificarsi verso i pianeti quasi sferici che conosciamo oggi. Lock e Stewart sono particolarmente interessati alle collisioni tra oggetti rotanti. Un oggetto rotante ha un momento angolare, che deve essere conservato in caso di collisione. Pensa a uno skater che gira sul ghiaccio: se allunga le braccia, rallenta la sua velocità. Per girare più velocemente, tiene le braccia vicino al suo fianco, ma il suo momento angolare rimane costante. Considerate ora due pattinatori che si girano sul ghiaccio: se si afferrano l’un l’altro, il momento angolare di ogni pattinatore si somma insieme in modo che il loro momento angolare totale rimanga lo stesso. Nel nuovo studio, Lock e Stewart hanno modellato cosa succede quando i “pattinatori di ghiaccio” sono pianeti rocciosi di dimensioni terrestri che si scontrano con altri oggetti di grandi dimensioni con sia l’alta energia che  alto .

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Abbiamo esaminato le statistiche degli impatti giganti e abbiamo scoperto che possono formare una struttura completamente nuova”, ha affermato Stewart. Lock e Stewart hanno scoperto che in un intervallo di alte temperature e di momenti angolari elevati, i corpi di dimensioni planetarie potrebbero formare una nuova struttura molto più grande, un disco rientrato piuttosto come un globulo rosso o una ciambella con il centro riempito. L’oggetto è roccia per lo più vaporizzata, senza superficie solida o liquida. Il canale “[OBY] Divulgazione Scientifica” ha affrontato l’argomento:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Hanno soprannominato il nuovo oggetto “synestia”, da “syn-“, “together” e “Estia”, dea greca dell’architettura e delle strutture. La chiave per la formazione di Synestia è che parte del materiale della struttura va in orbita. In una sfera rotante e solida, ogni punto dal nucleo alla superficie ruota alla stessa velocità. Ma in un impatto gigantesco, il materiale del pianeta può diventare fuso o gassoso e si espande di volume. Se diventa abbastanza grande e si muove abbastanza velocemente, parti dell’oggetto superano la velocità necessaria per mantenere un satellite in orbita, ed è allora che forma una sinestia enorme, a forma di disco, secondo il nuovo studio. Le teorie precedenti avevano suggerito che gli impatti giganteschi potrebbero far sì che i pianeti formino un disco di materiale solido o fuso che circonda il pianeta. Ma per la stessa massa di pianeta, una sinestia sarebbe molto più grande di un pianeta solido con un disco.

- Prosegue dopo la pubblicità -

La maggior parte dei pianeti probabilmente subiscono collisioni che potrebbero formare una sinestia ad un certo punto durante la loro formazione, ha detto Stewart. Per un oggetto come la Terra, la sinestia non sarebbe durata molto a lungo – forse un centinaio di anni – prima che perdesse abbastanza calore da condensarsi in un oggetto solido. Ma la sinestia formata da oggetti più grandi o più caldi come  o le stelle potrebbe potenzialmente durare molto più a lungo, ha detto. La struttura della sinestia suggerisce anche nuovi modi di pensare alla formazione lunare. La luna è notevolmente simile alla Terra nella composizione, e la maggior parte delle teorie attuali su come si è formata la luna implicano un impatto gigantesco che ha gettato il materiale in orbita. Ma un tale impatto avrebbe potuto invece formare una sinestia da cui la Terra e la Luna si sono condensate, ha detto Stewart. Nessuno ha ancora osservato direttamente una sinestia, ma potrebbero essere trovati in altri sistemi solari una volta che gli astronomi iniziano a cercarli accanto a  rocciosi e giganti gassosi. A segnalarci la notizia anche alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel).