La “polvere lunare” di una signora che fa causa alla Nasa “me l’ha regalata Neil Armstrong”

Una donna del Tennessee ha intentato una causa contro la NASA affermando che la polvere lunare che ha ricevuto da bambina era un regalo di Neil Armstrong. Secondo documenti depositati presso la Corte distrettuale del Kansas, Laura Murray Cicco aveva circa 10 anni quando sua madre la presentò con la polvere grigio chiaro in una piccola fiala di vetro. Il contenitore smontato di gomma era accompagnato da uno dei biglietti da visita di suo padre inscritto dall’astronauta.

- Prosegue dopo la pubblicità -

“A Laura Ann Murray, buona fortuna”, ha scritto Armstrong, che ha aggiunto il suo autografo sul retro della carta. La madre di Cicco le disse che la fiala conteneva “polvere della luna“. Secondo la sua causa, il padre di Cicco era stato un pilota dell’Esercito dell’Aeronautica che strinse amicizia con Armstrong dopo essersi trasferito a Cincinnati nello stesso periodo in cui Armstrong aveva fatto la storia come il primo umano a camminare sulla luna nel luglio 1969. Armstrong si unì alla facoltà dell’Università di Cincinnati dopo essersi dimesso dalla NASA nel 1971. Quasi 50 anni dopo, Cicco ha preventivamente citato in giudizio la NASAper regolare la proprietà” della presunta polvere lunare. La causa mira a “rimuovere una nuvola sul titolo” come in conformità con la legge federale di giudizio dichiarativa.

- Prosegue dopo la pubblicità -

“L’astronauta Neil Armstrong ha regalato la fiala di polvere lunare in questione a Laura Ann Murray, ora Laura Murray Cicco, quando era una bambina, ed è la legittima e legale proprietaria della fiala e del suo contenuto”, sostiene la causa. “Pertanto, lei richiede una sentenza che la dichiari legittima e legale proprietario della fiala e del suo contenuto e che le conferisca il titolo in suo nome”. Cicco ha trattenuto l’avvocato di Kansas City, Chris McHugh, per rappresentarla nel tribunale distrettuale americano del Kansas. In precedenza McHugh rappresentava una donna dell’Illinois che aveva citato con successo nello stesso tribunale per ottenere la proprietà di una borsa per la raccolta delle pietre lunari utilizzata sull’Apollo 11 e successivamente venduta per errore dal US Marshals Service. Nell’aprile 2018, McHugh ha inviato la fiala piena di polvere di Cicco a una ditta specializzata del Massachusetts che fornisce analisi chimiche utilizzando la spettroscopia a fluorescenza a raggi X (XRF) e la spettroscopia di diffrazione a raggi X (XRD).

- Prosegue dopo la pubblicità -

La mineralogia è coerente con la nota composizione della regolite lunare,” Tom Tague, responsabile delle applicazioni per la Bruker Corporation, scrisse a McHugh. I test di Tague, tuttavia, suggerirono che il campione proveniva dagli “altopiani anortosici e non dalla cavalla lunare basaltica”, scrisse. Armstrong sbarcò a Mare Tranquillitatis o al “Mare della Tranquillità”. Fu solo dopo che le missioni sbarcarono e restituirono campioni dagli altopiani lunari . Inoltre, l’analisi XRF ha rivelato che la polvere era simile alla “crosta media della Terra”.

“Concludiamo che la composizione chimica del campione non è coerente con la regolite lunare, ha aggiunto Tague. Nella sua conclusione, Tague ha spiegato che potrebbe essere possibile che un po ‘di polvere dalla Terra si fosse mescolata “con questo probabile campione lunare“, ma ha riconosciuto che si trattava di speculazioni. Il fascicolo di Cicco postula che “una possibile spiegazione” è che il contenuto della fiala “è stato aspirato o altrimenti raccolto dalla tuta spaziale di un astronauta che ha operato sulla luna”. Agli astronauti non era permesso di tenere campioni sciolti del materiale che avevano restituito dalla luna. Nel 2012 è stata approvata una legge per chiarire i diritti degli astronauti dell’era Apollo di conservare l’hardware della navicella che conservavano come ricordi, ma escludeva esplicitamente “rocce lunari e altro materiale lunare”. La presunta dedica di Armstrong alla signora:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Secondo la NASA, nessun individuo è mai stato dotato o premiato con rocce o polvere lunare raccolte da Apollo. L’agenzia mantiene il controllo sui campioni lunari raccolti dalle sei missioni di sbarco, prestandole per lo studio, l’educazione e l’esposizione museale. Gli unici doni rimangono dai primi e ultimi atterraggi, Apollo 11 e Apollo 17 , presentati come gesti di buona volontà verso le nazioni straniere e gli stati degli Stati Uniti. Un caso separato del 2014 citato da McHugh come la posizione per la causa di Cicco ha riconosciuto la tesi della NASA “che le persone private non possono possedere materiale lunare”. McHugh sostiene che non esiste alcuna legge contro le persone private che detengono materiale dalla luna, che “non è contrabbando” e “non è illegale possederla“. La causa di Cicco non include una spiegazione su come o perché Armstrong è venuto ad avere la presunta polvere di luna per darla a lei. Armstrong è morto nel 2012 all’età di 82 anni. La causa, presentata mercoledì (6 giugno), è stata assegnata al giudice distrettuale Eric Melgren. (Fonte).  A segnalarci la notizia anche alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel).

 

- Prosegue dopo la pubblicità -