“Acquari fossili”: pesci e piante acquatiche impressi nella roccia di 50 milioni di anni – le foto

Palme e pesci fossili Sembra un acquario. Ecco un bellissimo “piatto” di 50 milioni di anni proveniente dalla Green River Formation, nel Wyoming, USA. Sebbene i pesci siano comuni a questa formazione, i palmi sono più rari e, come tali, richiedono prezzi più alti, in particolare quando si includono i pesci. L’evento catastrofico che ha superato il pesce e la palma deve essere avvenuto in modo estremamente rapido (come una grande colata di fango), perché è ancora possibile vedere la direzione del flusso dell’acqua (da destra a sinistra) nelle fronde del palmo. 50 milioni di anni fa esisteva un lago in quello che ora è il Wyoming, con una dimensione di circa 930 miglia quadrate. L’insolita chimica del lago impediva la decomposizione e il lavaggio degli organismi morti, mentre si accumulavano lentamente strati sottili di calcare alternato e materia organica. I letti di calcare risultanti contengono la più alta concentrazione di pesci fossili nel mondo. Durante l’Eocene la regione era sub tropicale da temperare. Le dimensioni di questo piatto sono di 25″ x 35″ x 1.5″ di spessore.

- Prosegue dopo la pubblicità -

I resti fossili impressi nella roccia sono dei pesci Diplomystus (cacciatore) e Knightia (preda) Diplomystus è lontanamente imparentato con le aringhe moderne, ed era un pesce di superfice, come mostrato dalle loro bocche rovesciate e dalla forma del corpo. Essi si nutrivano di pesci di superficie più piccoli, come i due Knightia visualizzati sullo stesso piatto. I pesci più piccoli, la Knightia, erano comuni e sfortunati abbastanza da essere preda della maggior parte degli altri pesci che esistevano in quel momento. Foto:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Si ritiene che avolte nei laghi si siano verificati fioriture algali durante le stagioni più calde, con conseguenti mortalità di massa di migliaia di pesci. Grandi lastre contenenti più pesci fossili di quante tu possa contare vengono ancora estratte dall’area.  In realtà l’odore deriva dal kerogen un composto organico bituminoso nella roccia che funge da fonte per lo scisto bituminoso , considerato un sostituto del petrolio grezzo. La Green River Formation contiene i più grandi depositi di scisti bituminosi al mondo che superano di molto le riserve petrolifere dell’Arabia Saudita. In altri casi ad essere ritrovati impressi sulla roccia sono i Knightia eocaena: il genere più comune di pesci trovati nella formazione di Green River. Resti si trovano talvolta in strati di mortalità di massa come mostrato qui. Collezione Science Museum of Minnesota. Foto:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Un altro scatto che mostra:

Il genere Priscacara, è forse il più popolare dei fossili di pesce del Green River. Un membro della famiglia Priscacaridae, il nome Priscacara significa “testa primitiva“. A forma di un pesce luna, il genere ha robuste spine protettive dorsali e anali. Tra i due specie, liops e serrata, la serrata è rara. Il nome della specie deriva dal preottolo dentato diagnostico, visto qui in primo piano. Liops è la specie più piccola, mai superiore a 150 mm, mentre la serrata è stata trovata fino a 375 mm. Il genere si estinse alla fine del Miocene e alcuni ritengono che siano correlati alle Cichilde dei tempi moderni.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Informazioni sulla formazione del Green River: la classe Actinopterygii, i pesci ossei con le pinne raggiate, comprende quasi la metà di tutte le specie conosciute di vertebrati, circa 20.000 specie esistenti. Ci sono numerose località in tutto il mondo che sono note per la meravigliosa conservazione dei pesci ossei, e la formazione del Green River che copre circa 25.000 miglia quadrate di SW Wyoming, ovest del Colorado e Utah orientale è uno dei migliori esempi. La formazione è uno dei più grandi accumuli sedimentari lacustri nel mondo e copre il periodo da 40 a 50 milioni di anni fa durante l’epoca eocenica.

Durante l’Eocene, sulla base dei reperti fossili, la regione era subtropicale a temperare. Circa 60 taxa di vertebrati sono stati descritti dalla formazione, inclusi coccodrilli, boa constrictor e uccelli, così come abbondanti invertebrati e piante. La conservazione eccezionalmente eccellente dei fossili di pesce del Green River è solitamente attribuita a una combinazione di due fattori: 1) un periodo freddo durante l’Eocene che avrebbe causato un affondamento più veloce dei pesci morti a causa di una vescica natatoria meno gonfia; e 2) la grande profondità dei laghi e le conseguenti condizioni anossiche che avrebbero spesso impedito agli scavenger di disturbare le carcasse. Foto:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Siate consapevoli del fatto che, dal momento che il sentiero della Cava Storica fa parte del Fossil Butte National Monument, la raccolta di qualsiasi tipo di fossile è vietata all’interno dei suoi confini, ma diverse operazioni commerciali nell’area vi consentono di entrare in una cava a pagamento e scavare il vostro personale fossile da portare a casa. Tuttavia, sarebbe meglio che questi fossili finiscano in un museo pubblico piuttosto che in una collezione privata. A segnalarci la notizia anche alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel).

- Prosegue dopo la pubblicità -

(Fonte).

Fonti aggiuntive:

https://fineart.ha.com/itm/fossils/fish/fossil-fish-with-palm-flowerpriscacara-serrataeocene-green-river-formationwyoming-usa/a/5192-73242.s

http://www.fossilmuseum.net/Fossil_Galleries/Green_River_Formation_Fish/priscacara-serrata/searrata.htm