Gastrite, avvelenamento ed altri sintomi gastrointestinali causati dallo strofinaccio da cucina. Ecco quando l’uso può diventare pericoloso

Oltre ad essere all’altezza del compito di asciugare i nostri piatti, di solito non diamo molta importanza all’umile strofinaccio. Tuttavia lo “straccio” è accusato di causare intossicazione alimentare . Ma non c’è motivo di preoccupazione. Sì, i batteri possono accumularsi sui canovacci, soprattutto quando vengono lavati di rado e non si asciugano tra un uso e l’altro. Ma la maggior parte dei batteri che i ricercatori hanno trovato sui canovacci non sono responsabili per avvelenamento da cibo o altri sintomi gastrointestinali. Mentre i resoconti dei media si sono concentrati sul rischio di intossicazione alimentare, la ricerca non ha effettivamente esaminato la salute gastrointestinale dei partecipanti.

Come è stata condotta la ricerca? La storia è nata dalla presentazione di un poster del 9 giugno alla riunione dell’American Society of Microbiology del 2018 ad Atlanta, basata sulla ricerca condotta all’Università di Mauritius. I ricercatori mauriziani hanno acquistato 100 canovacci da donare ai partecipanti allo studio; 36 erano una miscela di cotone e nylon, 33 erano di puro nylon e 31 erano di puro cotone. Dopo un mese di utilizzo, gli asciugamani sono stati raccolti per “coltivare” i batteri presenti su di essi. Questo significa prendere campioni di batteri e lasciarli crescere in una capsula di Petri per determinare il tipo di organismo. I partecipanti hanno anche compilato un questionario sull’uso del telo da cucina, sulla dieta e sulla dimensione della famiglia. La ricerca non ha esaminato se i partecipanti avessero avvelenamento da cibo o altre malattie gastrointestinali.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Quali sono stati i risultati? La crescita batterica è stata trovata nel 49 percento degli asciugamani da cucina. Gli asciugamani di cotone presentavano livelli più alti di batteri rispetto agli asciugamani in nylon o una miscela dei due. La crescita batterica è aumentata in modo significativo con l’aumento delle dimensioni della famiglia e la presenza di bambini. Gli strofinacci che erano considerati “polivalenti” – come per la pulizia della tavola e dei piani di lavoro, oltre alla cucina – avevano livelli più elevati di batteri rispetto agli asciugamani “a scopo singolo”, come asciugare le mani e i piatti in cucina.

- Prosegue dopo la pubblicità -

I ricercatori hanno scoperto che gli asciugamani “umidi” (o umidi) avevano concentrazioni significativamente maggiori di alcuni tipi di batteri, come i coliformi. I coliformi sono una vasta classe di batteri che si trovano nel tratto digestivo degli animali compreso l’uomo e si trovano nelle loro feci. Sebbene la maggior parte dei coliformi sia innocua, alcuni ceppi rari possono causare gravi malattie. Hanno anche scoperto che lo Staphylococcus aureus S. aureus ), un batterio comune che vive sulla pelle, era isolato ad un tasso significativamente più alto da famiglie con status socioeconomico inferiore e famiglie con bambini, così come famiglie più numerose. Hanno guardato l’influenza della dieta. Coliformi e S. aureus sono stati rilevati su strofinacci ad un tasso significativamente più alto da parte di famiglie in diete non vegetariane. Una maggiore prevalenza di specie di enterococchi è stata rilevata sui teli da cucina delle famiglie vegetariane. Gli enterococchi sono batteri che si trovano normalmente nel tratto gastrointestinale di una persona e normalmente non causano infezioni in persone sane, ma in quelli con un sistema immunitario indebolito.

Che cosa significa tutto questo? La ricerca è interessante ma non dovrebbe destare preoccupazione. La maggior parte dei batteri identificati erano specie di enterococco e pseudomonas che non sono classicamente coinvolti nell’intossicazione alimentare a differenza delle specie di campylobacter , salmonella , escherichia e listeria . Ma ci sono alcuni punti pratici da togliere alla ricerca. Per la migliore protezione, lava il canovaccio dopo ogni uso . Ma la maggior parte di noi è improbabile che lo faccia, quindi aspettare che gli strofinacci siano asciutti va bene, poiché gli strofinacci più asciutti avranno un carico di batteri inferiore. È meglio usare strofinacci per un unico scopo, come asciugare i piatti, piuttosto che più scopi. Questo ridurrà il carico batterico dell’asciugamano. Gli asciugamani di carta usa e getta hanno meno probabilità di accumulare batteri rispetto ai canovacci che vengono utilizzati più volte, ma la ricerca deve ancora stabilire se diminuiscono il rischio di gastroenterite. Sorprendentemente, gli strofinacci non sono l’elemento più sporco della cucina. Più del 75% delle spugne / stracci per piatti contengono batteri. Eppure la maggior parte delle persone che usano spugne / stracci con le mani non ottengono la gastroenterite.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Cos’altro dobbiamo prendere in considerazione? Quello che non sappiamo in questa ricerca è quello che i partecipanti stavano usando per la pulizia della cucina prima di ricevere gli strofinacci. Stavano usando strofinacci, stracci o salviette usa e getta? Inoltre, non sappiamo con quale frequenza i partecipanti hanno pulito i loro strofinacci assegnati e cosa hanno usato per pulirli. La crescita batterica è risultata aumentare significativamente con l’aumento della dimensione familiare, della famiglia allargata e della presenza di bambini. Ma questo significa che i membri della famiglia e / oi bambini stavano usando più gli strofinacci o potrebbe essere dovuto ad altri fattori come i bambini che giocano all’aperto in un ambiente sporco e riportano gli organismi in casa? Questo non è stato affrontato nel poster.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Generalizzare i risultati in diversi paesi potrebbe essere un problema. Mauritius è un paese tropicale e il tipo e la quantità di batteri presenti sui canovacci potrebbe benissimo essere diverso rispetto a un paese con un clima più freddo e temperato. Infine, questa ricerca è stata una presentazione di poster all’American Society of Microbiology che si è tenuta quest’anno. Il processo di pubblicazione della ricerca in una rivista peer reviewed è un processo più intenso ed esauriente, che aiuta a appianare eventuali difetti nella metodologia o scoperte che potrebbero non essere ovvie agli investigatori in quel momento. Quindi è utile attendere la pubblicazione formale che sarà passata attraverso il processo di revisione tra pari prima di poter estrapolare ulteriori conclusioni. – Vincent Ho

Questo studio è uno dei tanti che esaminano la contaminazione batterica degli oggetti domestici, senza riferimento a risultati più rilevanti come i tassi di malattia. – Allen Cheng . Autore dell’articolo è Vincent Ho , professore universitario e gastroenterologo clinico accademico, Western Sydney University.  A segnalarci la notizia anche alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel). Questo articolo è stato originariamente pubblicato da  The Conversation . Leggi l’ articolo originale .

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.