L’inquinamento luminoso sta uccidendo gli insetti “a rischio agricoltura”

Cambiamenti climatici, pesticidi e cambiamenti nell’uso del suolo da soli non possono spiegare pienamente il declino delle popolazioni di insetti in Germania. Scienziati dell’Istituto Leibniz di ecologia delle acque dolci e pesca interna (IGB) hanno ora scoperto che le regioni che hanno subito un forte declino negli insetti volanti hanno anche alti livelli di inquinamento luminoso. Molti studi suggeriscono già che la luce artificiale di notte ha un impatto negativo sugli insetti e gli scienziati dovrebbero prestare maggiore attenzione a questo fattore quando esplorano le cause della diminuzione della popolazione di insetti in futuro.

- Prosegue dopo la pubblicità -

La biomassa degli insetti volanti è diminuita di oltre il 75 per cento – questa cifra allarmante ha fatto notizia in prima pagina nell’autunno 2017. Lo studio, pubblicato nel 2017, ha analizzato le tendenze della biomassa degli insetti volanti in aree protette selezionate all’interno di paesaggi agricoli negli ultimi 27 anni, e ha concluso che i cambiamenti di clima e habitat sono la causa del declino delle popolazioni di insetti. Allo stesso tempo, hanno sottolineato che questi impatti da soli non sono in grado di spiegare questo drastico declino.

- Prosegue dopo la pubblicità -

La luce nel momento sbagliato disturba l’equilibrio degli ecosistemi

- Prosegue dopo la pubblicità -

Chiaramente un incarico per gli scienziati del gruppo di ricerca Light Pollution ed Ecophysiology all’IGB. Dopo tutto, sanno dagli studi precedenti che l’illuminazione artificiale di notte influenza fortemente il numero di insetti e comunità di insetti. Pertanto, il team guidato dalla ricercatrice IGB, la dott.ssa Maja Grubisic, ha esaminato le posizioni delle aree coinvolte nello studio del 2017: aree nelle conurbazioni che hanno un livello di inquinamento luminoso superiore alla media. “La metà di tutte le specie di insetti sono notturne e in quanto tali dipendono dall’oscurità e dalla luce naturale della luna e delle stelle per orientarsi e muoversi o per sfuggire ai predatori e per svolgere i loro compiti notturni di cercare cibo e riprodursi. la notte disturba questo comportamento naturale e ha un impatto negativo sulle loro possibilità di sopravvivenza”. 

Gli scienziati hanno analizzato tutti gli studi recenti sugli effetti della luce artificiale di notte sugli insetti e hanno scoperto che esistono prove evidenti che suggeriscono un legame credibile tra inquinamento luminoso e diminuzione delle popolazioni di insetti. Ad esempio, gli insetti volanti sono attratti dalle luci artificiali e, allo stesso tempo, vengono rimossi da altri ecosistemi, e muoiono per esaurimento o preda facile. Inoltre, le file di luci impediscono la propagazione degli insetti volanti; causando una mancanza di scambio genetico all’interno di popolazioni di insetti frammentati che potrebbero ridurre la loro resistenza ad altre influenze ambientali negative, che sono particolarmente pronunciate nelle aree agrarie.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il declino delle popolazioni di insetti nelle aree agricole – che rappresentano non meno dell’11% di uso del suolo in tutto il mondo – non significa solo un declino della diversità delle specie, ma mette anche a repentaglio importanti servizi ecosistemici: ad esempio, ci sono meno falene, coleotteri e vola a impollinare le piante. Inoltre, i cambiamenti nel verificarsi e nel comportamento di parassiti come gli afidi o i loro nemici come scarafaggi e ragni possono disturbare l’equilibrio di questo sistema ben sintonizzato. Inoltre, la luce artificiale di notte può anche avere un impatto diretto sulla crescita e sul tempo di fioritura delle piante, e quindi sulla resa.

Tutti i fattori che influenzano devono essere compresi e considerati, incluso l’inquinamento luminoso

“Il nostro studio generale dimostra che la luce artificiale notturna è ampiamente presente e può avere impatti complessi nelle aree agricole, con conseguenze sconosciute per la biodiversità e la produzione agricola, quindi l’inquinamento luminoso dovrebbe essere considerato un potenziale disturbo dell’ecosistema in studi futuri per identificare i modi in cui possono essere prese misure pratiche per ridurre i problemi ambientali “, riassume il dott. Franz Hoelker, capo del gruppo di ricerca sull’inquinamento luminoso ed ecofisiologia all’IGB.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Informazioni sull’Istituto Leibniz di ecologia delle acque dolci e pesca nelle acque interne (IGB):

Il lavoro presso l’IGB combina la ricerca di base con la ricerca preventiva come base per la gestione sostenibile delle acque dolci. Nel processo, IGB esplora la struttura e la funzione degli ecosistemi acquatici in condizioni quasi naturali e sotto l’effetto di più fattori di stress. Le sue principali attività di ricerca comprendono lo sviluppo a lungo termine di laghi, fiumi e zone umide in condizioni ambientali globali, regionali e locali in rapida evoluzione, lo sviluppo di modelli ecologici e socioeconomici accoppiati, la rinaturalizzazione degli ecosistemi e la biodiversità degli habitat acquatici. Il lavoro è condotto in stretta collaborazione con università e istituti di ricerca della regione di Berlino-Brandeburgo e in tutto il mondo. L’IGB è membro del Forschungsverbund Berlin eV, un’associazione di otto istituti di ricerca di scienze naturali, scienze della vita e scienze ambientali a Berlino. Gli istituti sono membri dell’Associazione Leibniz.   Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel). Fonte: http: // www. IGB-berlin. de / en