Press "Enter" to skip to content

Tartarughe marine: 100 milioni di anni di evoluzione, pochi decenni per l’estinzione a causa della plastica negli oceani

Le tartarughe marine sono nei nostri oceani da oltre 100 milioni di anni, ma il loro numero sta rapidamente diminuendo a causa di detriti marini, cambiamenti climatici e interferenze umane. Per giugno, abbiamo collaborato con il Laboratorio di ricerca marina della Florida Atlantic University® per aiutare i loro sforzi di ricerca e conservazione per aumentare il numero di tartarughe marine nell’oceano.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Ogni anno, sempre più plastica e spazzatura entrano nell’oceano, minacciando la vita degli animali che la chiamano casa. Le tartarughe marine, che sono alcune delle specie più amate e in via di estinzione sul pianeta, sono particolarmente a rischio da questo assalto di detriti oceanici. A 4Ocean, siamo in missione per aiutare a impedire che ciò accada. Ecco perché siamo in acqua 7 giorni alla settimana rimuovendo plastica, rifiuti e detriti dall’oceano e dalle coste. Si stima che oltre la metà di tutte le tartarughe marine abbia ingerito alcune forme di plastica nel corso della loro vita. Quando i detriti, come i sacchetti di plastica, si trovano nell’acqua in cui si nutrono le tartarughe, le tartarughe possono facilmente scambiare la spazzatura con il cibo. E per coloro che evitano un pranzo di plastica, sono ancora a rischio significativo di rimanere impigliati in altre forme di detriti come reti fantasma, linee di boe o altri attrezzi da pesca dismessi, che possono portare a lesioni o addirittura alla morte.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Un’altra tendenza estremamente preoccupante è il fatto che globalmente il rapporto tra le tartarughe marine che nascono e le tartarughe marine che nascono sta diventando sempre più sbilanciato dal lato femminile. Il sesso di una tartaruga è determinato dalla temperatura del nido durante l’incubazione e quando i nidi sono sul lato più caldo durante lo sviluppo, i piccoli saranno tutti femminili. Ciò potrebbe essere correlato all’aumento delle temperature causato dai cambiamenti climatici globali ed è qualcosa che dovrebbe essere osservato con molta attenzione nei prossimi anni.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Per il mese di giugno, l’organizzzazione 4Ocean ha collaborato attivamente con il Laboratorio di ricerca marina della Florida Atlantic University® per sensibilizzare l’opinione pubblica su queste e altre problematiche riguardanti le tartarughe marine e per aiutare a combattere il problema dei detriti di plastica in prima persona attraverso le nostre pulizie. Ogni braccialetto di tartaruga marina venduto rimuove un chilo di spazzatura dall’oceano e dalle coste in modo che oggetti pericolosi come detriti di plastica e marini non abbiano mai la possibilità di arrivare nell’oceano aperto dove potrebbero essere incontrati dalle tartarughe marine. Inoltre, ogni braccialetto acquistato aiuta anche a portare avanti la missione del laboratorio di ricerca marina della Florida Atlantic University di portare avanti la scienza delle tartarughe marine sostenendo lo studio e la cura delle tartarughe marine prima del rilascio in natura.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Vai su 4ocean.com per saperne di più sulla causa. # 4Ocean # 4SeaTurtles #JoinTheMovement.  Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel).

error: Non sei autorizzato a copiare questo materiale. Per richieste e/o chiarimenti puoi scriverci.