Scimmiette si stanno evolvendo ed utilizzano accessori, ricercatori: “giunte all’età della pietra”

Per anni, gli scienziati dello Smithsonian Tropical Research Institute di Panama avevano sussurrato l’isola remota in cui le scimmie utilizzavano utensili di pietra. Un botanico aveva assistito al fenomeno durante un’indagine di tanto tempo fa – ma, essendo più interessato alla flora che alla fauna in quel momento, non poteva indugiare per indagare.  Un ritorno al sito richiederebbe nuovi fondi, un bel tempo per un viaggio in barca di 35 miglia infido e giornate di nuoto, escursioni e campeggio tra coste rocciose battute dalle onde e una fitta foresta tropicale.

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Per un po ‘, è rimasto solo un pettegolezzo“, ha detto  Brendan Barrett , ecologista comportamentale al Max Planck Institute for Ornithology in Germania e ricercatrice ospite presso la STRI. Ma quando Barrett ei suoi colleghi arrivarono finalmente all’Isola di Jicaron, nel Coiba National Park di Panama, l’anno scorso, quello che trovarono valeva la pena: piccole scimmie cappuccine dalla faccia bianca usavano pietre quasi la metà del loro peso corporeo come martelli per spaccare frutti di mare aperti, noci e altri alimenti. “Siamo rimasti sbalorditi“, ha detto Barrett, l’autore principale di un  nuovo articolo  sulla scoperta pubblicato sul sito Web di preprint bioRxiv. I cappuccini sono i primi animali del loro genere osservati usando strumenti di pietra e solo il quarto gruppo di primati non umani noti per farlo.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Sofisticati, socievoli e tolleranti all’osservazione, forniscono anche agli scienziati un sistema ideale per studiare che cosa induce una specie ad avventurarsi nell’età della pietra – e potrebbero aiutare i ricercatori a capire come e perché i nostri antenati hanno prima preso gli strumenti di pietra più di 2 milioni di anni fa.  Cappuccini dalla faccia bianca, o Cebus capucinus, si trovano in tutte le foreste pluviali del Centro America. Circa le dimensioni dei gatti domestici, con agili corpi neri, lunghe code aggraziate e occhi espressivi, vivono in truppe matrilineari di circa 20 animali e praticano una varietà di comportamenti complessi. Un video diffuso sul web:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Sfregano le piante sui loro corpi, potenzialmente come medicine; difendersi con bastoni contro i serpenti; giocare giocando passando bastoni e pietre; e si impegnano in strani rituali di “test di legami” che implicano infilarsi le dita nei nasi e negli occhi dell’altro – forse l’equivalente scimmia di una caduta di fiducia. Un anno di osservazione degli abitanti dell’isola di Jicaron con dozzine di videocamere che rivelano il movimento ha rivelato che almeno alcuni di questi animali hanno anche talento nel maneggiare utensili di pietra. Le scimmie furono catturate raccogliendo ciottoli grandi e pesanti da ruscelli e coste e portandoli a larghe rocce piatte o tronchi che potevano essere usati come “incudini”. Stando in piedi su due piedi, usando la coda per ancorarsi al terreno o ad un albero vicino, sollevarono i loro “martelli” in alto sopra le loro teste e poi li spaccarono con dadi, granchi, lumache e altri cibi – aprendo gusci rigidi aperti per rivelare un boccone saporito.  Le scimmie usavano i loro strumenti di pietra quasi ogni giorno e spesso risparmiavano pietre per uso ripetuto. In un caso, un cappuccino arrivò a un sito di utensili di pietra sulla costa portando una bracciata di noci almendro, o “mandorle di mare“. Li lasciò cadere a terra, poi cominciò a batterli a uno a uno.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Curiosamente, sono state viste solo scimmie maschi con maniglie di pietra, anche se spesso le femmine facevano il foraggiamento nelle vicinanze. Questo non può essere spiegato dalle minori dimensioni delle femmine, dato che i maschi giovani erano in grado di usare gli strumenti. Ancora più strano, l’uso dello strumento è stato osservato solo tra un gruppo di cappuccini che occupa un tratto di litorale di circa un miglio, anche se Barrett e i suoi colleghi hanno esaminato l’intera Jicaron e le due isole vicine in cui si trovano anche le scimmie. In alcuni casi, gli scienziati hanno lasciato martelli e incudini “sperimentali” in punti in cui non erano stati trovati strumenti di pietra; le scimmie ignorarono i manufatti, sebbene alcuni Homo sapiens furono osservati usandoli per rompere le noci di cocco aperte. Il che fa pensare a Barrett: perché questo comportamento apparentemente significativo non si è diffuso in tutta l’isola? Cosa c’è di così speciale in questo singolo gruppo di utenti di strumenti? “Questo è ciò che rende questo davvero interessante”, ha detto. “Siamo nella posizione di fare questi confronti per capire perché questo si sarebbe evoluto.”

Il documento non è stato ancora pubblicato in una rivista peer-reviewed, il che significa che non è stato ufficialmente sottoposto al controllo di altri scienziati. Ma  Joan Silk , primata ecologista comportamentale presso l’Arizona State University, ha affermato che lo studio è stato “un’attenta e piacevole analisi descrittiva di questa nuova osservazione”. “È solo una buona storia naturale da aggiungere a ciò che sappiamo sul modo in cui gli animali usano gli strumenti in natura”, ha detto. “E sapere di più sull’uso degli strumenti in altri animali è molto interessante perché ci aiuta a vedere come l’uso degli strumenti umani sia comunque diverso.” Gli umani e i nostri cugini di ominidi hanno usato pietre come martelli e incudini per almeno 3 milioni di anni. Fino a poco tempo fa, gli scienziati pensavano che fossimo le uniche creature a farlo.

Ma negli ultimi decenni, gli scimpanzé sono stati osservati usando un intero ” kit di attrezzi ” – non solo martelli di pietra ma anche rami a forma di pala per scavare buche in nidi di termiti e “sonde da pesca” di paglia per estrarre i gustosi insetti. Nelle isole al largo della Tailandia, le scimmie macachi dalla coda lunga sono diventate così abili utilizzatori di utensili da  destabilizzare la popolazione locale di molluschi . E in Sud America, gli scienziati hanno trovato pietre martello e incudine usate da robuste scimmie cappuccine che  risalgono ad almeno 700 anni fa . In effetti, l’uso degli strumenti era in precedenza uno dei tratti usati per distinguere quel genere, il Sapajus, dai cappuccini più piccoli del genere Cebus – compresi quelli di Panama. Sembrava sempre strano, disse Barrett, perché le scimmie Cebus del Coiba National Park – un arcipelago di oltre 100 isole sulla costa pacifica di Panama – sembravano grandi candidati per i nuovi utenti di strumenti. Per prima cosa, le risorse sulle isole sono limitate, quindi è vantaggioso trovare nuovi modi per accedere al cibo. (La maggior parte degli utenti più abili del mondo – i macachi della Thailandia, i  corvi della Nuova Caledonia  – vivono sulle isole, osserva Barrett).

- Prosegue dopo la pubblicità -

Questi animali non hanno predatori naturali, quindi possono permettersi di sviluppare la forte abitudine che attira l’attenzione di sedersi per terra e sbattere le rocce insieme. Proprio come gli umani, i cappuccini sono “generalisti della dieta“. Piuttosto che evolvere alcuni tratti fisiologici adatti a certi tipi di alimenti – come mascelle potenti per schiacciare noci o grossi molari per masticare piante dure – “possono risolvere i problemi e ottenere ogni genere di cose in questo modo“. Meglio di tutti, i cappuccini sono studenti veloci, in grado di cogliere nuovi comportamenti alimentari e sociali guardando gli altri membri della loro specie. “Hanno sviluppato in modo indipendente un’enorme dipendenza dalla cultura“, ha detto Barrett. “Questo li rende un ottimo paragone per l’evoluzione umana”.

Per rafforzare tale confronto, Barrett ei suoi colleghi hanno in programma di ampliare i loro sondaggi sulle altre isole del Parco Nazionale di Coiba e analizzare se le scimmie ottengono un beneficio energetico dall’uso di strumenti. Mirano anche a scavare nella documentazione fossile di Jicaron per vedere se riescono a scoprire le prove di come è iniziato l’uso di questo strumento. Data la loro intelligenza, la scoperta che le scimmie Cebus usano le pietre come martelli è eccitante ma non particolarmente sorprendente, ha detto Erin Marie Williams-Hatala , paleoantropologa della Chatham University di Pittsburgh. Ma l’uso di utensili in pietra è considerato un “punto di riferimento” dagli scienziati perché “conserva le pietre“, ha detto. “La maggior parte di ciò che sappiamo sui primi esseri umani e il loro comportamento è attraverso il disco di pietra, quindi c’è un forte pregiudizio nei suoi confronti“. È interessata alla varietà di comportamenti animali che non si possono vedere nei reperti fossili – e, in effetti, potrebbe non essersi mai verificata negli umani antichi. Gli oranghi  costruiscono nidi elaborati  usando il know-how ingegneristico che impressionerebbe qualsiasi architetto. Alcuni scimpanzé femmine affilano i bastoni con i loro denti e li usano per  impalare i bambini del bush per il cibo . Ancora più scimpanzé usano foglie di muschio o masticate come spugne per  assorbire acqua difficile da raggiungere .

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Morirei di disidratazione prima che ci pensassi,” disse ridendo. Se non altro, ha continuato Williams-Hatala, il numero crescente di specie conosciute per l’utilizzo di tutti i tipi di strumenti “mostra che, nelle giuste circostanze, un’ampia varietà di animali troverà un modo per sopravvivere”. Ma la sopravvivenza, anche in un luogo disabitato e inaccessibile come il Coiba National Park, non è sempre facile per gli animali su un pianeta sempre più alterato dagli umani. Barrett ha osservato che i sondaggi dei ricercatori hanno anche scoperto mucchi di rifiuti lavati dall’oceano. Le foto delle trappole fotografiche dei cappuccini con gli strumenti mostrano un ambiente pieno di bottiglie di plastica vuote e contenitori di schiuma. “Anche in questi luoghi selvaggi incontaminati dove c’è così tanto da scoprire“, ha detto Barrett, “abbiamo ancora un’impronta digitale umana piuttosto deprimente“.  Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel).

- Prosegue dopo la pubblicità -