Ricercatori: “le macchie di sangue sulla Sindone di Torino sembrano totalmente false”

Un’analisi del sangue della Sindone di Torino ha rivelato che non è assolutamente possibile che le macchie siano state create da un corpo appiattito sul tessuto. Una coppia di ricercatori ha scoperto che le chiazze di sangue sul tessuto di lino sono incoerenti tra loro – alcuni possono solo essersi verificati da una persona in piedi, mentre un’altra, secondo gli studi, risulterebbe completamente irrealistica.

- Prosegue dopo la pubblicità -

La famosa lunghezza del tessuto, che porta l’immagine di un uomo, è stata a lungo considerata la stoffa che un tempo avvolgeva il corpo della polena cristiana Gesù di Nazareth. Si dice che l’impronta sia stata trasferita durante i tre giorni in cui il suo corpo fu sepolto. L’analisi scientifica non ha ancora dato una risposta su come l’immagine possa essere stata creata sul tessuto, ma diverse macchie rossastre coerenti con le ferite riportate nella crocifissione di Gesù di Nazareth contengono ossido di ferro – che potrebbe essere dal pigmento , o potrebbe essere dal sangue.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Tuttavia, le tecniche di radiocarbonio hanno datato il sudario tra 1260 e 1390 d.C. La tessitura, la trama del tessuto e il tessuto sono entrambi coerenti con l’arco temporale di Gesù di Nazareth, così come con il Medioevo; l’analisi del tessuto mostra prove inconcludenti per il pigmento; e la ricerca che determina una provenienza mediorientale per il polline trovato sulla tela è stata successivamente sconfessata da uno dei suoi autori. Nonostante la datazione al radiocarbonio, sarebbe affascinante sapere esattamente come è stata fatta la Sindone; e, se è reale, potrebbe rivelare nuove informazioni sulle tecniche di crocifissione. Poiché le prove per l’autenticità della Sindone sono state così inconcludenti, c’è stato un recente interesse scientifico nell’uso di tecniche forensi per indagare su di essa.

- Prosegue dopo la pubblicità -

È qui che entra in scena l’antropologo forense Matteo Borrini della Liverpool John Moores University nel Regno Unito e il chimico organico Luigi Garlaschelli del Comitato italiano per l’indagine sui crediti delle pseudoscienze. Anziché testare la sostanza stessa, i ricercatori hanno utilizzato un soggetto vivo ed un manichino per analizzare il flusso di sangue sulle ferite sulla mano sinistra, gli avambracci, la “ferita alla lancia” nel torso e le macchie di sangue intorno alla vita della figura. La tecnica si chiama Bloodstain Pattern Analysis ; per questo, hanno usato due tipi di sangue: sangue umano donato per la ricerca e sangue sintetico con le stesse proprietà fluide.

- Prosegue dopo la pubblicità -

I ricercatori hanno studiato il flusso per diverse posizioni: sul dorso della mano in contatto con il legno, per osservare il modello lasciato sulla mano; sull’avambraccio sinistro, con il sangue che cola dalla mano, in posizione eretta, e di nuovo in posizione supina (sdraiata sulla schiena) con la mano che copre l’inguine, come si vede sul sudario. Hanno anche studiato i brevi rivoli sul dorso della mano sinistra; e il sangue sopra la ferita della lancia, così come la regione lombare, si pensava che fosse il sangue scorrere da quella ferita.

Il test del legno è stato inconcludente, ma i test del flusso sanguigno mostrano che la Sindone è un “disastro”. Per i principianti, i gocciolamenti sul dorso della mano e il flusso lungo il braccio si sono verificati in due angoli completamente diversi. I gocciolamenti della mano osservati sul sudario si sono verificati nelle prove con le braccia ad un angolo di 45 gradi, ma ciò non funziona per la presunta posizione del corpo. “L’angolo tra il braccio ed il corpo deve essere superiore a 80 ° e minore di 100 ° in modo che i rivoli di fluire dal polso verso il gomito sulla parte esterna dell’avambraccio, come appare sulla Sindone,” hanno riferito i ricercatori nel loro articolo .

La ferita della lancia sanguinava in una direzione coerente con l’immagine della Sindone quando il soggetto del test era in posizione verticale, come accadrebbe se la vittima fosse trafitta mentre pendeva crocifissa, ma con una differenza fondamentale: formava i rivoli piuttosto che una macchia piena. Per quanto riguarda la macchia bassa della schiena, gli scienziati non sono riusciti a replicarla affatto. Lo hanno tentato con entrambe le emorragie da una posizione supina, così come un soggetto di prova che era stato in piedi e poi posato sul dorso, e nulla è riuscito a produrre una “cintura del sangue” nella parte bassa della schiena. “Partendo dal presupposto che le macchie rosse sul lino di Torino sono in realtà sangue dalle ferite della crocifissione, i risultati degli esperimenti dimostrano che i presunti modelli di flusso provenienti da diverse aree del corpo non sono coerenti tra loro“Anche supponendo possibili diversi episodi di sanguinamento (ad esempio, movimenti del corpo, emorragie postmortem), questi non solo non risultano documentati, ma anche, come per le macchie lombari, sembrano non realistici”hanno scritto i ricercatori .

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Le incoerenze identificate dagli autori sembrano non solo puntare contro la loro realtà, ma contro l’autenticità della Sindone stessa, suggerendo che il lino di Torino era una rappresentazione artistica o ‘didattica’ del XIV secolo”. Ciò non significa che lo show sia ancora tutto finito: fino a quando gli scienziati non saranno in grado di capire esattamente come l’immagine è stata formata sul tessuto, rimarrà un allarmante mistero scientifico. Le loro scoperte sono state pubblicate sul Journal of Forensic Sciences. Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel).