Scoperto cavallo mummificato di 40.000 anni “specie estinta risalente al Paleolitico”

Gli scienziati in Siberia hanno fatto una scoperta straordinaria: i resti fossilizzati di un cavallo appartenente ad una specie estinta risalente all’epoca del Paleolitico, in condizioni quasi perfette. Scavato dal permafrost nel cratere della Batagaika in Siberia – AKA il “Doorway to the Underworld” – il piccolo puledro è così ben conservato, che sembra stia ancora dormendo. Ma l’equino è morto molto tempo fa,in un periodo compreso tra i 30.000 ed i 40.000 anni, durante il Paleolitico superiore. Scoperto dai residenti locali, il puledro è stato scavato da scienziati provenienti dal Giappone e dalla Russia e portato al Museo Mammoth dell’Università Federale Nord-Orientale di Yakutsk. I resti dell’animale nella loro interezza:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Questa è la prima scoperta al mondo di un cavallo preistorico di così giovane età e con un livello così incredibile di conservazione”, ha detto il capo del laboratorio del museo, Semyon Grigoryev . Il puledro è stato invecchiato solo 2 o 3 mesi quando è morto, appena 98 centimetri (38 pollici) alle spalle, e il suo mantello marrone scuro, la criniera, la coda e gli zoccoli sono tutti intatti. Anche i suoi organi interni sono stati preservati dal permafrost, uno strato di terreno che è permanentemente al di sotto della temperatura di congelamento. La specie, hanno detto i ricercatori, è geneticamente diversa da quelle che ora vivono nella regione di Yakutia. Si tratta di un Equus lenensis  (noto anche come cavallo Lena), che vagava per la regione nel tardo Pleistocene, ora estinto e conosciuto dai resti mummificati trovati nel permafrost. Dettaglio:

- Prosegue dopo la pubblicità -

I ricercatori hanno prelevato campioni di capelli, liquidi, fluidi biologici e campioni di terreno da dove è stato trovato il puledro, per condurre una batteria più ampia di test, compresa un’autopsia completa per determinare come è morta. È interessante notare che non c’erano ferite visibili sul suo corpo.  Un altro dettaglio:

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Gli esperti che hanno preso parte alla spedizione si sono inventati una versione che il puledro avrebbe potuto annegare dopo essere entrato in una specie di trappola naturale”, ha spiegato Grigory Savvinov della Northeast Eastern University . Oltre a determinare questa causa di morte, l’autopsia dirà agli scienziati di più su come viveva il puledro. Progettano, ad esempio, di analizzare il contenuto del suo stomaco per scoprire cosa ha mangiato.

Il permafrost è un’incredibile risorsa per imparare di più sulla vita nell’era glaciale, come un congelatore che memorizza un’istantanea del passato. All’inizio di quest’anno, gli scienziati della Siberia hanno scoperto un cucciolo di leone preistorico in condizioni incredibili , così giovane che non aveva ancora i denti. Oltre al puledro, la spedizione di ricerca ha recuperato il raro scheletro di un mammut, completo di tessuti molli, in buone condizioni. Finora, non si è mai parlato di clonazione né del cavallo né del mammut, come nel caso del cucciolo di leonessa. Entrambi gli animali, tuttavia, saranno oggetto di ricerca scientifica, con documenti che verranno in futuro. Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel).

- Prosegue dopo la pubblicità -