Frutto del melograno, potenziale arma contro i tumori

Un gruppo di ricerca dell’Università di Albany ha trovato prove che suggeriscono che lo stesso antiossidante che conferisce al frutto del melograno il loro vivace colore rosso può alterare le caratteristiche delle cellule staminali del cancro al seno, mostrando il potenziale del superfood per aiutare molto più del diabete o delle malattie cardiache. L’estratto di melograno, derivato principalmente dalla pelle del frutto, è noto per avere alti livelli di potenti antiossidanti chiamati polifenoli.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il professor Ramune Reliene, professore associato di scienze di salute ambientale presso la Scuola di sanità pubblica, e assistente laureato Sameera Nallanthighal, sia lavorando con Cancer Research Center di UAlbany, chiese se questi antiossidanti potuto dimostrare  -fighting effetti. Poiché non tutte  sono uguali e i tumori sono costituiti da molti tipi di cellule, hanno deciso di prendere di mira quello a lungo ritenuto il più pericoloso in ogni dato tumore: le cellule staminali del cancro.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il frutto dell’albero Punica granatum, coltivato principalmente nella regione mediterranea, ha dimostrato di possedere molte proprietà medicinali come l’antiossidante e l’antinfiammatorio (  ). L’attività antiossidante dei flavonoidi ottenuti dal succo di melograno (PJ) è stata osservata vicino a quella dell’idrossianisolo butilato, del tè verde e significativamente maggiore rispetto al vino rosso (  ,  ). I succhi di melograno commercialmente disponibili testati per la loro attività antiossidante con il saggio di Trolox Equivalent Antioxidant Capacity (TEAC) hanno mostrato un’attività antiossidante di ~ 18-20 TEAC che era tre volte superiore a quella del vino rosso e del tè verde (  – TEAC). È interessante notare che l’attività antiossidante era più elevata nei succhi commerciali che venivano estratti da melograni interi rispetto ai succhi sperimentali ottenuti solo dagli arilli (  ). Le attività antiossidanti delle preparazioni liofilizzate di melograno e dei suoi 3 principali antocianidine (delfinidina, cianidina e pelargonidina) sono state valutate da Noda et al. (  ) con il metodo della tecnica di risonanza dello spin dell’elettrone e spin trapping. L’estratto di melograno mostrava attività di scavenging contro OH eO2. Si è scoperto che le antocianidine inibiscono un reagente di Fenton – un sistema di generazione OH possibilmente chelante con ioni ferrosi. Inoltre, le antocianidine sono state spazzate viaO2in un modo dose-dipendente e i valori ID 50di delfinidina, cianidina e pelargonidina erano rispettivamente 2,4, 22 e 456 μM. Le antocianidine hanno inibito la perossidazione lipidica indotta da H 2 O 2 negli omogenati del cervello del ratto ei valori ID 50 di delfinidina, cianidina e pelargonidina erano rispettivamente di 0,7, 3,5 e 85 μM (  ). I melograni sono stati studiati solo di recente per i loro effetti antitumorali ( Tabella 1 ). Le sezioni seguenti riassumono gli studi sugli effetti del melograno contro vari tumori.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Le cellule staminali sono diverse dagli altri tipi di cellule in quanto hanno una notevole capacità di auto-dividersi e riprodursi, dando origine anche ad altri tipi di cellule. Questa natura che si divide da sola non è pericolosa; infatti, le cellule staminali normali del tessuto possono sostituire le cellule morenti e persino riparare i tessuti danneggiati.

Il pericolo sorge se le cellule staminali diventano cellule staminali cancerose, perché la loro divisione e capacità di rinnovamento porta alla progressione del cancro favorendo l’inizio del tumore, la crescita e persino il riavvio dei tumori cancerosi molto tempo dopo che una persona è stata dichiarata libera dal cancro. Ad aggravare questi problemi è il fatto che le cellule staminali tumorali sono ritenute più resistenti alla terapia rispetto ad altri tipi di cellule tumorali. Come tali, le cellule staminali tumorali sono diventate un bersaglio importante nella terapia e nella prevenzione del cancro più delle altre cellule tumorali, a causa dell’idea che se le cellule staminali possono essere rallentate o rese “meno staminali”, il cancro stesso potrebbe essere rallentato.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Insieme a una ricercatrice universitaria, Kristine Elmaliki, Reliene e Nallanthighal hanno condotto esperimenti utilizzando linee di cellule tumorali che sono i prototipi delle cellule staminali del cancro al seno. Queste cellule, che mostrano le proprietà esatte delle cellule staminali tumorali, sono state trattate con estratto di  diluito e incubate per periodi che vanno da uno a sei giorni. Durante questo periodo, il team ha misurato diversi marcatori di cellule staminali del cancro al seno in entrambe le cellule trattate con estratto di melograno e  . Hanno poi confrontato i risultati tra i gruppi e osservato differenze significative tra i prototipi di  che sono stati trattati con l’estratto di melograno. Inoltre, le cellule che sono state trattate con estratto di melograno sono state trattate con quantità relativamente piccole – pensate quanto potrebbero essere gestibili da una persona per consuma semplicemente questo frutto acquistando il prodotto in un negozio di alimentari e incorporandolo nella loro dieta.

“Una cosa che abbiamo trovato sorprendente è che concentrazioni relativamente basse dell’estratto sono in grado di modificare la capacità delle cellule staminali tumorali di riprodursi”, ha detto Reliene.

Le scoperte

- Prosegue dopo la pubblicità -
  • Reliene, Nallanthighal ed Elmaliki hanno fatto diversi risultati notevoli, tra cui:
  • L’estratto di melograno inibisce  capacità delle  di auto-rinnovarsi
  • L’effetto inibitorio è mantenuto per diverse generazioni di cellule di cellule appena formate (l’equivalente di bambini e nipoti di cellule madri esposte all’estratto di melograno) che non sono mai state esposte all’estratto di melograno ma hanno ancora difficoltà nel rinnovamento di sé
  • Estratto di melograno converte le cellule staminali del cancro alle cellule che assomigliano più tradizionali cancro  e che possono essere eliminati con successo da farmaci contro il cancro.

“Le nostre prove da sole non suggeriscono che il melograno sia la cura del cancro al seno alla fine, ma l’  mostra un potenziale promettente per avere un effetto positivo sia nella prevenzione primaria del cancro che nell’inibizione della progressione della malattia”, ha detto Reliene. “Garantisce ulteriori indagini sulle sue possibilità complessive“, ha continuato.

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel).

Fonti: https://medicalxpress.com/news/2017-11-pomegranate-breast-cancer-stem-cell.html

- Prosegue dopo la pubblicità -

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2989797/

- Prosegue dopo la pubblicità -