Studio trova microplastiche nelle tartarughe marine in tutto il mondo

Il problema delle microplastiche negli oceani si è fatto strada verso le tartarughe marine in grande stile. Un nuovo studio condotto da ricercatori dell’Università di Exeter e Plymouth Marine Laboratory insieme agli attivisti del Greenpeace Research Laboratories ha trovato microplastiche nell’intestino di ogni singola tartaruga testata: un totale di 102 tartarughe marine.

- Prosegue dopo la pubblicità -
 I ricercatori hanno testato più di 100 tartarughe di tutte le sette specie e tre diversi oceani , nel tentativo di ricerca di particelle sintetiche di lunghezza inferiore a 5 mm. La cosa più comune che la squadra ha trovato erano le fibre, che molto probabilmente provenivano da vestiti, pneumatici, filtri per sigarette e attrezzature da pesca.

“L’effetto di queste particelle sulle tartarughe è sconosciuto”, ha detto l’autrice principale Emily Duncan del Centro di Ecologia e Conservazione dell’Università di Exeter. “Le loro piccole dimensioni significano che possono passare attraverso l’intestino senza causare un blocco, come spesso viene segnalato con frammenti di plastica più grandi.”

- Prosegue dopo la pubblicità -

Duncan ha aggiunto che il lavoro futuro dovrebbe concentrarsi sugli effetti delle microplastiche negli organismi acquatici e che i ricercatori dovrebbero cercare possibili contaminanti, batteri o virus, nonché il modo in cui le microplastiche influenzano le tartarughe a livello cellulare. I ricercatori hanno trovato più di 800 particelle sintetiche nelle tartarughe , ma dal momento che hanno testato solo parte dell’intestino, ritengono che il numero totale di particelle possa rivelarsi 20 volte più alto di quanto constatato. Non sanno come le tartarughe ingeriscono le particelle, ma pensano che le fonti siano acque di mare inquinate e la digestione di prede o piante contaminate.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il professor Brendan Godley, l’autore principale dello studio, ha affermato che l’ingestione di microplastiche non è la più grande minaccia per le tartarughe marine al momento, ma è un chiaro segnale che dobbiamo fare un lavoro migliore per governare i rifiuti globali. Penelope Lindeque del Plymouth Marine Laboratory ha detto che durante il loro lavoro nel corso degli anni, i ricercatori hanno trovato microplastiche in tutti gli animali marini che hanno studiato. Questo studio sulle tartarughe è solo una prova ulteriore del fatto che dobbiamo ridurre la quantità di rifiuti di plastica, in modo da poter mantenere oceani puliti e sani per le generazioni future.

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel).

- Prosegue dopo la pubblicità -

 

+ Università di Exeter

Immagine via Jeremy Bishop

- Prosegue dopo la pubblicità -