Cancro intestinale: il ruolo dei batteri durante la malattia

Ai pazienti affetti da cancro intestinale verrà somministrata una rivoluzionaria forma di trattamento volta ad alterare la composizione dei loro batteri intestinali, in una sperimentazione dovuta al lancio di quest’anno. Lo studio di fase 1, sostenuto da una sovvenzione di 20 milioni di euro dal Cancer Research UK, è guidato da un team internazionale che sta studiando se i batteri intestinali svolgono un ruolo nell’innescare il cancro e rendere la malattia più resistente al trattamento in alcuni pazienti.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il professor Wendy Garrett, della Harvard TH Chan School of Public Health e co-leader del progetto, ha affermato che nei trattamenti futuri per resettare il microbioma o alterarlo leggermente potrebbe essere usato insieme ai farmaci antitumorali convenzionali. “Tutti coloro che sono coinvolti in questo progetto vogliono migliorare i risultati per i pazienti con cancro intestinale e, in definitiva, vogliamo prevenirlo“, ha detto.

- Prosegue dopo la pubblicità -

L’intestino contiene trilioni di batteri, che svolgono un ruolo cruciale nella digestione degli alimenti e nel rafforzamento del sistema immunitario. Ma ci sono prove emergenti che alcuni ceppi di batteri possono essere coinvolti nell’innescare il cancro, nel permettergli di svilupparsi senza controllo, o nel rendere i tumori resistenti alla chemioterapia e ad altri trattamenti. Lo studio iniziale, che dovrebbe coinvolgere una dozzina di pazienti, esaminerà il potenziale per l’utilizzo di trapianti fecali per ripristinare l’intestino dei pazienti riducendo la presenza di microbi associati al cancro.

- Prosegue dopo la pubblicità -

La procedura prevede il trapianto di un campione di feci, insieme ai microbi che contiene, da un donatore sano. Il processo si concentrerà sulla sicurezza e sugli effetti collaterali. Il precedente lavoro di Garrett e l’altro co-leader del progetto, il prof. Matthew Meyerson, anch’egli di Harvard, ha rivelato che i batteri dell’intestino hanno un aspetto diverso nei pazienti con cancro intestinale. Uno studio ha scoperto che un microbo chiamato Fusobacterium nucleatumera più comune nei tessuti cancerosi e nei pazienti oncologici che nelle persone sane. Quando i topi che erano predisposti a sviluppare il cancro erano esposti a questo batterio, i tumori si manifestavano più rapidamente. “Forse questo batterio ha un ruolo nel favorire il cancro dell’intestino o nello sventare lo sviluppo del cancro intestinale”, ha detto Garrett. Una teoria sotto esame è che il batterio si attacca alle cellule precancerose e le protegge dall’essere individuate dal sistema immunitario. Questo potrebbe potenzialmente lasciarli a spirale in uno stato canceroso e formare un tumore. Alcuni studi hanno anche dimostrato che alcuni cosiddetti batteri buoni sono più comuni nei pazienti che rispondono sia alla chemioterapia sia a nuovi trattamenti antitumorali.

Il cancro all’intestino è il quarto cancro più comune nel Regno Unito, che rappresenta il 12% di tutti i nuovi casi di cancro nel 2015. È stato dimostrato che una serie di fattori dello stile di vita influenza il rischio di sviluppare la malattia, compresa la dieta e l’obesità. Meyerson ha detto che il progetto, che coinvolge collaboratori in Canada, Regno Unito, Spagna e Paesi Bassi, esaminerebbe se i cambiamenti nei batteri intestinali hanno collegato questi fattori dello stile di vita. Il team cercherà anche di rispondere se i batteri “cattivi” stanno causando il cancro dell’intestino o semplicemente prosperano in un ambiente canceroso. “Forse questo sarà incredibilmente importante per la comprensione, il trattamento e la prevenzione del cancro intestinale”, ha detto Meyerson. “Forse sarà solo un fenomeno che c’è. Fino a quando non risponderemo a molte domande, non lo sapremo. “

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il progetto esaminerà altri potenziali trattamenti futuri, inclusi antibiotici e vaccini che potrebbero innescare una reazione immunitaria contro le comunità microbiche mirate nell’intestino. Allo stato attuale, ha detto Meyerson, lo screening è rimasto il modo più conosciuto per migliorare i risultati per i pazienti con cancro intestinale, perché il trattamento è più efficace durante le prime fasi della malattia. “Se c’è una lezione che la persona media deve sapere sul cancro intestinale, probabilmente lo è“, ha detto. Il progetto è stato finanziato nell’ambito dell’iniziativa Grand Challenge del Cancer Research UK, in base al quale l’ente benefico darà per la prima volta importanti assegni alle istituzioni statunitensi. Michelle Mitchell, l’amministratore delegato dell’associazione, ha dichiarato: “Per raggiungere la nostra ambizione di tre su quattro di sopravvivere al cancro entro il 2034, dobbiamo collaborare non solo con ricercatori di tutto il mondo ma con finanziatori di altri paesi che condividono i nostri obiettivi”. (Fonte).