Plastica anche nella voragine marina: “l’oceano è pieno, occorre bandirla per sempre prima che sia troppo tardi”

Fin da quando il famoso esploratore oceanico Jacques Cousteau ha portato l’attenzione mondiale sullo spettacolare Great Blue Hole del Belize nei primi anni ’70, il fascino e la curiosità sono cresciuti su ciò che il fondo di questa meraviglia naturale color blu scuro. Nel dicembre dello scorso anno, una squadra composta dal miliardario Richard Branson, dal pilota sommergibile Erika Bergman e dal documentarista e conservatore dell’oceano Fabien Cousteau (nipote del celebre Jacques) è stata la prima a scoprirlo – a più di 400 piedi dal fondo della dolina. Mentre Branson descriveva il paesaggio spoglio che li salutava come “estremamente lugubre“, purtroppo non era completamente privo di non elementi molto familiari a noi umani. L’area marina, nonostante l’enorme distanza con i luoghi abitualmente frequentati dagli esseri umani, infatti, si è rivelata piena di plastica.

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Per quanto riguarda i mostri mitici del profondo? Bene, i veri mostri che si affacciano sull’oceano sono il cambiamento climatico – e la plastica”, ha scritto in un post sul blog . “Purtroppo abbiamo visto delle bottiglie di plastica sul fondo del buco, che è una vera piaga dell’oceano, dobbiamo sbarazzarci della plastica monouso”. In un’altra immersione, Bergman ha riferito che il team ha anche recuperato una GoPro persa con una scheda SD intatta. “Un pezzo di plastica in meno …” scrisse sul conto Instagram di Branson . Oltre ad esplorare le sue profondità, la spedizione di un mese ha completato anche una prima scansione 3D interattiva del sito.

- Prosegue dopo la pubblicità -

“È una mappa virtuale, e questi dati verranno forniti al governo Belize a scopo di ricerca, in modo che possano comprendere meglio la Blue Hole e contribuire a contribuire alla sua conservazione”, ha detto a The San Bryan Price, vice presidente di Aquatica SubmarinesPedro Sun . “Stiamo facendo un sondaggio batimetrico con un altro partner, e faremo anche delle ricerche scientifiche, quindi imbarcheremo i funzionari della pesca e altre persone come loro, gli studenti, a scendere e osservare davvero le cose nel (Belize) Blue Hole che conta per loro. ” Questa non è la prima volta che i pionieri delle profondità oceaniche sono stati delusi in questo modo. Nel 2017, i ricercatori che studiano le creature marine catturate nella parte inferiore della Fossa delle Marianne – il punto più profondo dell’oceano a più di 36.000 piedi – furono scioccati nello scoprire che il 100% di loro era stato ingerito della plastica . “I risultati sono stati immediati e sorprendenti”, ha detto il dott. Alan Jamieson, dell’università di Newcastle. “Questo tipo di lavoro richiede una grande quantità di controllo della contaminazione, ma ci sono stati casi in cui le fibre potevano effettivamente essere viste nel contenuto dello stomaco mentre venivano rimosse”.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Nel 2018, gli scienziati che studiano video e le foto catturate dal fondo della Fossa delle Marianne ne hanno trovato uno contenente un sacchetto di plastica . Questo è ora considerato il pezzo più profondo di rifiuti di plastica sulla Terra. Gli scienziati ora credono che i punti più profondi dell’oceano, noti come zona dell’habitat, possano agire come depositi per grandi quantità di inquinamento plastico. Proprio il mese scorso, uno studio pubblicato da ricercatori dell’Accademia cinese delle scienze ha trovato ben 2.000 pezzi di microplastica in un litro d’acqua prelevato dalla fossa delle Marianne. Per una misura efficace contro questi elementi tossici, non basterebbe recuperarli dal mare ma forse bandirli per sempre e sfruttare altri tipi di elementi simili ma biodegradabili.

Le plastiche artificiali hanno contaminato i luoghi più remoti e più profondi del pianeta”, hanno scritto gli scienziati cinesi. “La zona dell’habitat è probabilmente uno dei più grandi pozzi per i detriti microplastici sulla Terra, con impatti sconosciuti ma potenzialmente dannosi su questo fragile ecosistema”.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel).