Celiachia: a causarla è anche un virus intestinale. I risultati di uno studio durato 15 anni

Un gruppo di comuni virus intestinali potrebbe rappresentare un fattore scatenante della celiachia nei bambini che hanno una predisposizione genetica per la malattia, secondo una ricerca pubblicata su The BMJ journal. La ricerca illustra i risultati di uno studio durato 15 anni, condotto da Christian Kahrs dell’Ostfold Hospital Trust, Grålum, in Norvegia, che comprendeva 220 bambini con geni che li rendevano più suscettibili alla condizione. Di questi, 25 hanno continuato a sviluppare la malattia. Gli scienziati hanno scoperto che questi partecipanti erano più propensi dei non-celiaci a risultare positivi per un gruppo di insetti intestinali noti come enterovirus. Le infezioni da enterovirus sono comuni e spesso producono sintomi lievi come il naso che cola, il vomito e le malattie inclusa la mano, l’afta epizootica. “Abbiamo trovato un’associazione significativa tra esposizione a enterovirus e conseguente rischio di celiachia“, scrivono i ricercatori.

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Questo studio suggerisce che le infezioni da enterovirus nelle prime fasi della vita potrebbero essere uno dei numerosi fattori di rischio chiave per lo sviluppo di una malattia con conseguenze per tutta la vita”. Gli autori hanno aggiunto che erano più propensi a trovare enterovirus prima che i bambini sviluppassero la celiachia, suggerendo che potrebbe esserci un collegamento tra i due. Hanno anche testato un altro gruppo di insetti, gli adenovirus, che causano sintomi comuni di raffreddore, ma questi non hanno mostrato lo stesso collegamento. Katie Allen del Murdoch Children’s Research Institute di Melbourne, in Australia, che non è stata coinvolta nello studio, afferma che la celiachia è una delle patologie autoimmuni più comuni nei paesi occidentali, dove colpisce circa un bambino su 100.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Non sappiamo ancora perché si verifica in alcuni bambini che mangiano il glutine ma non altri“, osserva. Dice a Cosmos che lo studio fornisce un interessante contributo nella ricerca della causa della celiachia, che è una condizione permanente. Kahrs e colleghi affermano che il legame tra enterovirus e la condizione è coerente con l’idea che i virus possano disturbare la barriera mucosa nell’intestino, consentendo l’ingresso di più glutine e innescando una perdita di tolleranza.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Jason Tye-Din del Walter and Eliza Hall Institute, sempre a Melbourne, afferma che i ricercatori norvegesi sono molto apprezzati e la loro scienza è solida. Tuttavia, egli sottolinea il piccolo numero di bambini nello studio che hanno effettivamente sviluppato la celiachia, affermando che ciò potrebbe portare a associazioni errate. È improbabile che anche gli enterovirus siano la risposta completa. Solo il 20% dei bambini che hanno sviluppato la malattia celiaca nello studio hanno mostrato in anticipo l’evidenza di un’infezione da enterovirus, rispetto al gruppo di controllo in cui il tasso di infezione era del 15%. “Enterovirus non era presente nella maggior parte dei bambini che hanno sviluppato la celiachia”, dice. “Altri fattori sono importanti nello sviluppo della malattia”.

Tye-Din aggiunge che la ricerca ha supportato un numero crescente di prove che suggeriscono che i microrganismi possono essere importanti fattori scatenanti per una serie di malattie autoimmuni. Se l’enterovirus viene confermato come fattore scatenante, Kahrs e colleghi affermano che potrebbe essere sviluppato un vaccino che potrebbe ridurre il numero elevato di soggetti con malattia celiaca. Questa storia è stata originariamente preparata dall’Australia Science Media Center ( AusSMC ) e viene utilizzata con il permesso.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel). (Fonte news).