HIV, interrompere la remissione “a lungo termine” è possibile. Ecco come

Nella storia della pandemia dell’HIV, solo un paziente aveva dimostrato con successo che il ceppo più comune del virus, l’HIV-1, poteva essere messo in remissione. Fino ad ora. Dopo oltre un decennio – e con oltre mezzo trilione di dollari USA spesi per la ricerca sull’HIV / AIDS in questo secolo – sappiamo finalmente che questo incredibile risultato può essere replicato:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Solo per la seconda volta in assoluto, un paziente ha subito una remissione prolungata dall’infezione da HIV-1 dopo essere stato trattato con trapianti di cellule staminali, gli scienziati riportano in un nuovo documento che dovrebbe essere pubblicato su Nature . Potrebbero essere passati 12 anni da quando il famoso “paziente di Berlino” ha fatto la storia diventando la prima persona a sostenere la remissione dell’HIV-1 senza ricevere farmaci anti-retrovirali (ARV), ma il caso appena annunciato di un paziente britannico anonimo dimostra il primo il risultato non era unico.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Ottenendo la remissione in un secondo paziente con un approccio simile, abbiamo dimostrato che il paziente di Berlino non era un’anomalia e che erano proprio gli approcci terapeutici che hanno eliminato l’HIV in queste due persone”, afferma il virologo Ravindra Gupta dell’University College di Londra . Il paziente di Berlino era in realtà un americano (vero nome: Timothy Ray Brown) con diagnosi di HIV mentre viveva in Germania. Nel 2007, ha ricevuto una rara forma di trapianto di midollo osseo che coinvolge cellule staminali ematopoietiche per curare la sua leucemia. Per questo motivo, viene spesso descritto come il primo paziente “guarito” dell’HIV, anche se tecnicamente non è corretto, poiché la remissione e le cure non sono la stessa cosa (poiché a volte le remissioni non sono complete, se la carica virale provoca una rinascita).

- Prosegue dopo la pubblicità -

Nel nuovo caso, ora soprannominato “paziente di Londra”, anche il maschio anonimo ha ricevuto un trattamento con cellule staminali da un donatore con la stessa mutazione del gene CCR5, questa volta mentre veniva trattato per il linfoma di Hodgkin. Sedici mesi dopo la procedura (che in particolare non includeva la radioterapia, a differenza del paziente di Berlino), il paziente di Londra ha sospeso i farmaci ARV (alias terapia ART), ed è attualmente in remissione da HIV da oltre 18 mesi.

È troppo presto per dire che è stato completamente guarito, gli scienziati avvertono, ma è comunque un passo estremamente promettente che ci insegna di più su come i pazienti di Berlino e Londra stanno tenendo a bada l’HIV. “Questo è un lungo periodo di remissione dalla ART, quindi è emozionante“, spiega Sharon Lewin, esperto di malattie infettive dell’Università di Melbourne, che non è stata coinvolta nello studio. Inaspettatamente, il trattamento con cellule staminali – da un donatore con una mutazione del gene CCR5, che è un co-recettore per l’infezione da HIV-1 – ha finito con l’HIV di Brown in corso di remissione, dove è rimasto da allora.

- Prosegue dopo la pubblicità -
 “Arrivato a 10 anni dalla relazione di successo del paziente di Berlino, questo nuovo caso conferma che il trapianto di midollo osseo da un donatore CCR5-negativo può eliminare il virus residuo e impedire qualsiasi traccia di virus a rimbalzo”. I medici dicono che dovranno continuare a monitorare il paziente di Londra per vedere come si evolverà la sua condizione da qui, e far notare che questo trattamento non necessariamente funzionerà con tutti i pazienti – per non parlare del fatto che le cellule staminali donate usate in questo caso sono molto rare , a causa della specifica mutazione CCR5 coinvolta. Ciononostante, la ricerca futura su come funziona questo recettore dell’HIV potrebbe portarci molto più vicino a un’eventuale cura per l’HIV, che attualmente infetta circa 37 milioni di persone in tutto il mondo . “Questo secondo caso documentato rafforza il messaggio che le cure per l’HIV sono possibili”, afferma il ricercatore di infezione e immunità Anthony Kelleher dell’UNSW in Australia, che non è stato coinvolto nello studio.“Questo ci dice che la fattibilità e, soprattutto, la disponibilità di fornire questo approccio potrebbe essere raggiunta dal campo in rapida accelerazione dell’editing genico e delle relative terapie geniche, ma ci sono ancora ostacoli significativi in ​​questo campo”. I risultati sono riportati in Nature (link non ancora in tempo reale al momento della scrittura).

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel).