Marte aveva fiumi più grandi di quelli della Terra, lo studio scientifico

Alcuni ricercatori dell’Università di Chicago sono riusciti a catalogare i fiumi che scorrevano sul pianeta Marte e sono giunti alla conclusione che la loro presenza è da datare in tempi più recenti rispetto a quanto si pensasse. Dalle analisi effettuate, è emerso che sul Pianeta Rosso c’erano fiumi e corsi d’acqua più ampi rispetto a quelli che attualmente bagnano il nostro Pianeta. Le conclusioni arrivano al termine dell’analisi di oltre 200 antichi letti di fiumi marziani su circa un miliardo di anni di storia.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il sottosuolo di Marte è ricco d’ acqua: dopo la scoperta del lago sotterraneo vicino al polo Sud, spie di un sistema di falde acquifere a 750 metri di profondità sono state individuate vicino all’equatore e potrebbero periodicamente emergere in superficie dando origine a ruscelli temporanei. Lo indica lo studio pubblicato sulla rivista Nature Geoscience da Essam Heggy e Abotalib Z. Abotalib, dell’Università della California del Sud. Una delle immagini diffuse dallo studio scientifico:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

“È già difficile spiegare fiumi o laghi sulla base delle informazioni che abbiamo – ha dichiarato Edwin Kite, autore dello studio – Questo rende un problema difficile ancora più difficile”. Il link originale dello studio:

https://www.nature.com/articles/s41561-019-0327-5

- Prosegue dopo la pubblicità -

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel).