Pena di morte per chi uccide illegalmente gli elefanti: è Legge in Kenya

L’anno scorso, il governo keniota ha annunciato una proposta discutibile ma coraggiosa per proteggere la sua fauna vulnerabile: usando la pena di morte contro i bracconieri illegali. Ora, secondo News 360 , i legislatori mirano a velocizzare il passaggio di questa legislazione. L’attuale legge in Kenya rende illegale uccidere animali in via di estinzione nel paese. Inoltre, la Legge sulla conservazione della fauna selvatica del 2013 comporta anche un’ergastolo o una sanzione di 200.000 dollari contro i bracconieri illegali. Ma questi sforzi legislativi non sono stati sufficienti. “Questa [condanna a morte e condanna a vita] non è stata sufficientemente deterrente per frenare il bracconaggio“, ha detto Najib Balala, segretario di gabinetto del Kenya per il Ministero del turismo e della fauna selvatica.

- Prosegue dopo la pubblicità -

La decisione di impostare la pena di morte come punizione per il bracconaggio illegale è controversa e ha invitato sia lodi sia critiche nei confronti del governo keniota. La mossa ha anche attirato l’ira delle Nazioni Unite, che si oppone alla pena di morte per tutti i crimini e sta spingendo per l’eliminazione graduale della pena capitale in tutto il mondo. Il Kenya ha una popolazione estremamente diversificata di animali selvatici ed è sede di un certo numero di animali amati ma spesso uccisi, come giraffe, ghepardi, rinoceronti ed elefanti, con gli ultimi due animali i più minacciati a causa delle loro corna e zanne desiderate tra i bracconieri.

- Prosegue dopo la pubblicità -

La buona notizia è che il bracconaggio ha visto un grande declino in Kenya, in gran parte a causa di maggiori sforzi di conservazione e iniziative di contrasto. Secondo il Ministero del turismo e della fauna selvatica, il bracconaggio dei rinoceronti in Kenya è diminuito dell’85 percento rispetto al 2013, mentre il bracconaggio degli elefanti si è ridotto del 78 percento.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Tuttavia, l’amata fauna del Kenya rimane in pericolo. Così com’è, ci sono solo 1.000 rinoceronti neri rimasti in Kenya e la popolazione di elefanti rimane circa 34.000. Il gruppo di difesa degli animali Save the Rhino ha riferito che ci sono stati almeno 23 rinoceronti e 156 elefanti uccisi dai bracconieri nel paese tra il 2016 e il 2017 da soli. Queste stime non tengono conto del bracconaggio annuale che continua anche a verificarsi in altri paesi africani, come la Repubblica Democratica del Congo e il Sudafrica. Secondo un rapporto dell’Africa Wildlife Foundation (AWF), quasi il 70 percento dell’avorio illegale venduto ed esportato finisce in Cina, dove può venderlo fino a $ 1.000 al chilo.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Sanzionare la pena capitale come condanna per atti illegali di bracconaggio potrebbe sembrare estrema, ma alcuni in Kenya ritengono che sia una risposta adeguata a un problema così allarmante. Oltre alla minaccia di estinzione , stiamo già assistendo ad altre conseguenze per le popolazioni animali a causa del bracconaggio indebitato, comprese rapide evoluzioni biologiche tra elefanti africani femminili che nascono sempre più senza zanne. Finora, il Kenya è l’unico paese africano ad applicare ufficialmente la pena di morte come punizione per il bracconaggio illegale.

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel)