Abiti fatti con bucce d’arancia, ananas e alghe. La collezione ecosostenibile di H&M

Molta gente ricorda il vestito di Lady Gaga , quindi quando senti parlare di un abito fatto di frutta, la tua mente non è propensa a pensare ai pezzi alla moda che H&M pubblicherà la prossima settimana. L’11 aprile 2019, il gigante della moda H & M pubblicherà la sua nona linea Conscious Exclusive, ma quest’anno ha collaborato con aziende tessili eco per rendere la tecnologia di abbigliamento per rifiuti alimentari all’avanguardia un successo globale.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Questa nuovissima tecnologia nella moda sostenibile include pellami vegani fatti con foglie di ananas di Piñatex , un’alternativa di seta a base di bucce d’arancia di Orange Fiber e suole di scarpe a base di alghe di  BLOOM Foam . Tutti questi materiali organici sono facilmente disponibili e altrimenti considerati sottoprodotti di scarto dalla raccolta di ananas, spremitura di arance e la sovrappopolazione dannosa di alghe nei corsi d’acqua. I materiali altrimenti marcirebbero in discarica ma saranno lavorati nelle fabbriche in modo che non si biodegradino mentre li indossi.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Come altri tessuti, questi tessuti ecologici sono finiti con sostanze chimiche nocive che impediscono ai tessuti di biodegradarsi. Ciò significa anche che non possono essere riciclati e non si rompono in discarica, per non parlare del fatto che il processo chimico dannoso inquina i corsi d’acqua. Alla fine, questi tessuti hanno un impatto ambientale tristemente simile alle loro controparti convenzionali. Sul lato positivo, la maggior parte dei materiali tessili convenzionali proviene da foreste pluviali in via di estinzione  . Anche se non sono perfetti, i tessuti ecologici riescono in un approvvigionamento più sostenibile.

- Prosegue dopo la pubblicità -

H & M è uno dei più grandi marchi della moda, con oltre  4.433 punti vendita in tutto il mondo e quasi 50 mercati online. La sua linea Exclusive Conscious è un modo per sperimentare e ampliare le tecnologie sostenibili che altrimenti ottengono poca trazione dai mercati di boutique limitati. Nonostante la nona linea consecutiva sostenuta da H & M, i critici sostengono ancora che gli esperimenti con gli sprechi alimentari non affrontano i principali problemi ambientali con la moda veloce e che questi trucchi distruttivi di ananas sono proprio questo – espedienti.

Secondo la Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici , l’industria della moda veloce contribuisce per circa il 10 percento a tutte le emissioni di gas serra e consuma più energia di quella combinata delle industrie aeronautica e marittima. Il rapporto afferma che l’industria della moda produce il 20 percento di tutte le acque reflue e che l’85 percento dei tessuti finisce nelle discariche.  Più che l’approvvigionamento nocivo e la lavorazione tossica dei tessuti, la cultura della moda veloce è molto problematica in termini di quantità di materiali prodotti, acquistati e smaltiti. Secondo il World Resource Institute , il consumatore medio ha acquistato il 60 per cento in più di capi di abbigliamento tra il 2000 e il 2014 rispetto agli anni precedenti e ogni articolo ha avuto la metà del tempo. La Rivista Rilevante ha aggiunto che l’articolo di abbigliamento medio viene indossato solo cinque volte prima di essere scartato. Entrambi responsabili e rispondenti a queste tendenze, le aziende della moda veloce come H & M non stanno facendo vestiti per durare, ma piuttosto sono alla moda, abbastanza economici da essere usa e getta e in quantità che sembrano infinite.

- Prosegue dopo la pubblicità -

C’è molto da criticare sulla moda veloce e sui deboli tentativi delle aziende di sostenibilità; tuttavia, le dimensioni e le dimensioni di H & M ne fanno un importante alleato e un precursore nel cambiare il mercato verso la moda sostenibile. L’azienda svedese ha assunto seri impegni verso obiettivi di sostenibilità che potrebbero equivalere a cambiamenti sostanziali a causa delle sue dimensioni. Ad esempio, H & M ha affermato che il 57 percento di tutto il suo abbigliamento proviene da fonti riciclate o sostenibili e ha fissato un obiettivo di riferimento per raggiungere il 100 percento entro il 2030. Inoltre, molti negozi H & M hanno programmi di riciclaggio in cui i clienti possono portare abbigliamento da riciclare, riutilizzare o smaltire correttamente. Cittadino globale ha anche riferito che H & M promette di eliminare le materie plastiche problematiche dalla sua catena di fornitura entro il 2025.

- Prosegue dopo la pubblicità -

I tessuti a base di ananas e arance sono divertenti ed eleganti, e fanno parlare la gente. Come spiegò Vogue , se i tuoi vestiti sono stato fatti con l’ananas, non è la prima cosa che diresti ai tuoi amici quando si complimentano con il tuo vestito? Nonostante l’approvvigionamento sostenibile, tuttavia, i critici sostengono che semplicemente non ci sono abbastanza lasciate dai raccolti di ananas per rendere questa una soluzione scalabile persino per affrontare la moda insostenibile all’interno dei mercati di H & M. È solo una piccola benda e un punto di conversazione carino. Linda Greer , esperta di sostenibilità della moda ed ex scienziato del Consiglio per la difesa delle risorse naturali  , ha affermato : “Devono concentrarsi sulle cose che contano di più e interrompere il tempo trascorso con queste iniziative amatoriali che non saranno mai scalate. Stanno solo cercando di stuzzicare la nostra fantasia. “

C’è ancora molto lavoro per trasformare gli acquirenti e le aziende in consumatori e produttori consapevoli. Prima che il grande pubblico considererà o darà la priorità all’etica del loro abbigliamento, deve essere il giusto punto di vista estetico e di prezzo per attirare la loro attenzione. Anche se i tessuti ecologici non sono sostenibili su scala globale o hanno un impatto enorme, un gigante della moda come H & M che mostra impegno pubblico e fa parlare la gente invia un messaggio ai consumatori di tutto il mondo e amplifica la conversazione. Invia anche un messaggio ai designer e alle start-up sperimentali della moda sostenibile che i grandi produttori prestano attenzione, impegnandosi a raggiungere gli obiettivi di sostenibilità e guardando alle loro invenzioni per la prossima grande cosa. Quella motivazione da sola potrebbe essere sufficiente per spostare il futuro del settore.