Inversione dei poli confermata dalla Scienza: rischio tumori di massa nella popolazione

Astronomia Scienza

L’inversione dei poli (un fenomeno periodico) la recente e imprevista revisione del World Magnetic Model, che fra le altre cose è alla base del corretto funzionamento dei sistemi di navigazione di smartphone, aerei e navi – sono argomenti di estrema attualità basati su osservazioni scientifiche. I cosiddetti “scossoni geomagnetici” (geomagnetic jerks) che determinano il comportamento del campo magnetico terrestre sono dovuti a specifici movimenti dei materiali nel nucleo della Terra, individuati proprio attraverso la simulazione:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Come ricorda FanPage.it, la preziosa simulazione è stata messa a punto da due ricercatori, il professor Julien Aubert dell’Istituto di Fisica del Pianeta di Parigi (CNRS / IPGP / IGN / Université de Paris) e il dottor Christopher C. Finlay della Divisione di Geomagnetismo presso l’Istituto Nazionale dello Spazio dell’Università Tecnica della Danimarca (DTU) di Lyngby. I due scienziati, che si sono avvalsi dei supercomputer del Grand équipement national de calcul intensif (GENCI) francese, hanno creato una simulazione in grado di replicare in modo certosino le condizioni fisiche del nucleo della Terra. Esso è composto da un nucleo interno viscoso fatto quasi completamente di ferro e da un nucleo esterno fluido, fatto di ferro e nichel; proprio i movimenti del materiale nel nucleo esterno danno origine al campo magnetico terrestre. Per elaborare questa super simulazione del nucleo i due ricercatori hanno impiegato l’equivalente di 4 milioni di ore di calcolo, concentrate grazie all’utilizzo di supercomputer. Aubert e Finlay sapevano bene che le variazioni del campo magnetico della Terra si basano su due movimenti distinti, legati al passaggio del calore dall’interno verso l’esterno: sono i lentissimi (secolari) moti convettivi e le rapide onde idrodinamiche che si sviluppano nel giro di anni. Grazie al modello matematico hanno scoperto che le brusche accelerazioni del campo magnetico sarebbero dovute all’interazione delle onde rapide con i moti di convenzione, che spinge il fluido più caldo del nucleo esterno a salire verso la superficie molto più rapidamente del previsto. Questo sussulto influenza il comportamento “imprevedibile” del campo magnetico e può scatenare accelerazioni improvvise, come quella che sta determinando lo spostamento del polo nord magnetico dal Canada verso la Siberia, a una velocità di ben 48 chilometri all’anno. Sul lungo termine ciò potrebbe provocare anche l’inversione dei poli, un evento avvenuto l’ultima volta 780mila anni fa e che potrebbe esporci per un certo periodo di tempo alle pericolose radiazioni cosmiche e solari (lo scudo rappresentato dalla magnetosfera potrebbe infatti indebolirsi sensibilmente durante il processo). L’aspetto più interessante della scoperta risiede nel fatto che, attraverso questa simulazione, Aubert e Finaly sono riusciti a replicare esattamente i movimenti imprevedibili del campo magnetico terrestre avvenuti nel recente passato; ciò suggerisce che in futuro potrebbe essere utilizzata proprio per monitorarne il comportamento e soprattutto a prevederlo. I dettagli della ricerca sono stati pubblicati sull’autorevole rivista scientifica Nature Geoscience. Ma cosa accadrebbe al mondo moderno se dovesse ripetersi un’inversione dei poli come già accaduta nei tempi antichi? L’ipotesi:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Le conseguenze di un’inversione dei poli sarebbero devastanti per molte forme di vita sul nostro pianeta. Come spiega il video, il primo effetto sarebbe un indebolimento del campo magnetico terrestre, che ci protegge da radiazioni dannose, in grado di causare i tumori e distruggere circuiti elettronici e reti elettriche. I danni di una sola grande tempesta solare costerebbero agli Stati Uniti ben 41,5 miliardi di dollari al giorno. Un assaggio di quello che accadrebbe con un’inversione dei poli si può averlo facendo riferimento alla cosiddetta anomalia del Sud Atlantico, dove qualcosa di molto simile è già accaduto, oltretutto in una zona in rapida espansione.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Tuttavia gli scienziati, spiega la giornalista scientifica Alanna Mitchell, non sono così sicuri di ciò che avverrà in futuro: l’ultima inversione dei poli risale a 780mila anni fa e nei 65 milioni di anni dall’ultima estinzione di massa vi è stato in media un rovesciamento ogni 300mila anni.

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel). Fonti: https://scienze.fanpage.it/inversione-dei-poli-forse-scoperto-perche-il-polo-nord-magnetico-si-sta-spostando-di-48km-allanno/https://it.businessinsider.com/cosa-accadrebbe-alla-terra-con-uninversione-dei-poli-magnetici/

- Prosegue dopo la pubblicità -