Simulazione impatto asteroide sulla Terra – NASA “rischio minimo, ma occorre vigilare” – video

Chiunque abbia seguito l’account Twitter dell’Agenzia spaziale europea nell’ultima settimana potrebbe aver avuto un piccolo spavento quando l’organizzazione ha iniziato a twittare su un “enorme asteroide” che è sulla buona strada per colpire il nostro pianeta nel 2027. La buona notizia è che in realtà l’apocalisse non avverrà:

- Prosegue dopo la pubblicità -

ESA è solo una delle tante agenzie spaziali e le organizzazioni partecipanti in uno scenario simulato di ciò che sarebbe accaduto se gli esseri umani hanno fatto scoprire un asteroide massiccio voce la nostra strada. È un esercizio che la NASA, la Federal Emergency Management Agency e altri enti spaziali fanno ogni anno per capire come il mondo dovrebbe rispondere a un evento così terrificante. È coordinato dal Center for Near-Earth Object Studies della NASA , che questa settimana ospita una conferenza dedicata agli asteroidi e alla difesa planetaria. Un video diffuso dal Tg1 italiano:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Stiamo cercando di chiederci cosa faremmo”, dice a The Verge Paul Chodas, direttore del Center for Near-Earth Object Studies presso il Jet Propulsion Laboratory della NASA . “Stiamo cercando di renderlo una simulazione realistica, poniamo le domande: cosa sapremmo quando? Dal momento in cui viene scoperto, fino a qualsiasi cosa succeda più tardi. “

Quest’anno la situazione simulata è terribile . La storia inizia a marzo quando gli scienziati scoprono un asteroide vicino alla Terra che si stima abbia una larghezza compresa tra 330 e 1.000 piedi. L’asteroide, soprannominato 2019 PDC, dovrebbe sfiorare la Terra il 13 maggio a una distanza di sicurezza di 12 milioni di miglia. Ma dopo aver seguito la traiettoria del PDC del 2019 per un paio di settimane, gli scienziati immaginari inizialmente determinano che l’asteroide tornerà di nuovo indietro dalla Terra nel 2027. E quando lo farà, la roccia avrà una probabilità dell’1% di finire contro il pianeta.

- Prosegue dopo la pubblicità -

L’uno per cento potrebbe non sembrare molto alto, ma per la comunità delle scienze planetarie è sufficiente che gli esperti se ne rendano conto. In genere, gli asteroidi vicini alla Terra di queste dimensioni non raggiungono una percentuale così alta di colpire il pianeta. “L’uno per cento è una soglia alla quale prendiamo molto sul serio e consideriamo le opzioni che abbiamo”, afferma Chodas.

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel).