Quando la pioggia può causare i terremoti, lo studio scientifico tedesco

Hochstaufen, montagna tedesca oggetto di studio dei geologi esperti

Nonostante la prevedibilità dei terremoti circa un potenziale basato sulle condizioni climatiche sia stata da tempo bollata come una vera e propria “bufala“, uno studio scientifico tedesco ha comunque rilevato una possibile correlazione tra una specifica condizione climatica e il verificarsi di sismi:

Già dal 2006, alcuni ricercatori tedeschi hanno sospettato che l’acqua piovana potesse svolgere un ruolo importante nella generazione di terremoti. Stando all’ipotesi scientifica, il fluido cambia la pressione dei pori nella roccia, che a sua volta può causare un terremoto se la crosta terrestre fosse abbastanza vicina al punto critico dell’instabilità sismica. Il geofisico dr. Toni Kraft e i suoi colleghi della Ludwig-Maximilians-Universität (LMU) di Monaco attraverso una collaborazione con il Dr. med. Sebastian Hainzl dell’Università di Potsdam mostra che anche piccoli cambiamenti nella pressione nella roccia sono sufficienti a innescare terremoti di diversi chilometri di profondità. Come riportato nelle “Geophysical Research Letters“, le indagini sono state condotte presso l’Hochstaufen, una montagna nei pressi di Bad Reichenhall nel sud-est della Germania. In una seconda pubblicazione, che è apparsa di recente nella “Tectonophysics“, gli scienziati della LMU erano già in grado di presentare le prime indicazioni sul ruolo delle precipitazioni nell’attività sismica:

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Tutto sommato, siamo stati in grado di dimostrare per la prima volta una correlazione diretta tra pioggia e terremoti su questo pianeta“, afferma il professor Heiner Igel. “Non avremmo mai pensato che avrebbero potuto esserci terremoti così interessanti in Baviera!” La pressione dell’acqua è stata più volte attribuita a un ruolo in varie attività geologiche negli ultimi anni, compresi i terremoti. Questo fenomeno si verifica al confine tra placche tettoniche quando queste non possono più “levigarsi” l’un l’altra. Una volta che le piastre si sono impigliate, si accumula una grande tensione che può essere scaricata, ad esempio, tramite un terremoto. È stato suggerito che appena prima di questo punto, l’acqua può fornire l’innesco cruciale – come una goccia che trabocca il barile. Le indagini su questo studio sono state effettuate nella località di Hochstaufen, in cui sono presenti numerosi terremoti, soprattutto in estate. Questi mesi sono anche il periodo con il maggior numero di precipitazioni dell’anno. Già dal 2001 i geofisici della LMU controllano l’attività di Hochstaufen con l’aiuto di sei stazioni di misurazione permanenti e tre mobili. Solo nel 2002 sono stati registrati oltre 1100 terremoti. Era evidente che i terremoti si sono verificati frequentemente a marzo e agosto, dopo una pioggia superiore alla media. Nel complesso, gli scienziati sono stati in grado di dimostrare:

- Prosegue dopo la pubblicità -

una chiara correlazione tra la quantità di precipitazioni e il numero e l’entità dei terremoti. I dati mostrano anche che la precipitazione modifica la pressione nelle spore di roccia e quindi influenza l’attività sismica. Era sorprendente quanto piccoli fossero questi cambiamenti per innescare un terremoto. “I nostri risultati mostrano anche che la crosta terrestre può reagire in modo molto sensibile anche ai più piccoli cambiamenti”, afferma Hegel. “Inoltre, ci sono grosse lacune nella roccia dove è possibile immagazzinare più acqua e si può generare più pressione“. È probabile che il liquido o le variazioni di tensione da esso provocate possano anche coprire ulteriori distanze per diffusione e in definitiva mostrare i loro effetti soprattutto nella regione da uno a quattro chilometri di profondità. Lì, la maggior parte dei terremoti ha luogo. “Siamo stati sempre derisi dai nostri colleghi californiani“, afferma Hegel. “Tuttavia, dimostra che possiamo imparare molto da questi piccoli terremoti.” Pubblicazioni di riferimento:

„Evidence for rainfall-triggered earthquake activity“, S. Hainzl, T. Kraft, J. Wassermann, H. Igel, and E. Schmedes, Geophysical Research Letters, Vol. 33, Oktober 2006

- Prosegue dopo la pubblicità -

„Meteorological triggering of earthquake swarms at Mt. Hochstaufen, SE-Germany”, T. Kraft, J. Wassermann, E. Schmedes, H. Igel, Tectonophysics, Juni 2006

- Prosegue dopo la pubblicità -

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel). Fonti:

https://www.uni-muenchen.de/informationen_fuer/presse/presseinformationen/2006/f-22-061.html

- Prosegue dopo la pubblicità -

Starkregen: Leichtes Erdbeben am Hochstaufen

https://www.cipra.org/it/notizie/2328

- Prosegue dopo la pubblicità -

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel).

 

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.