Scoperta una nuova specie di piccoli squali che si illuminano al buio

Animali

- Prosegue dopo la pubblicità -

Solitamente gli squali sono noti per inseguire e fiutare le prede prima di attaccare. Ma questo è differente per questo nuovo tipo di squalo scoperto da poco, tutto ciò che deve fare per attirare la preda è brillare nel buio e la preda arriverà da lui.

- Prosegue dopo la pubblicità -

L’American Pocket Shark di circa 14cm di lunghezza è il primo del suo genere ad essere scoperto nel Golfo del Messico, secondo un nuovo studio dell’Università di Tulane. È meno temibile di quanto sia meraviglioso.
Nel 2010 gli scienziati si sono imbattuti in un piccolo squalo kitefin maschio mentre studiavano capodogli nel Golfo. Non è stato avvistato di nuovo fino al 2013, quando Mark Grace, ricercatore della National Oceanic and Atmospher Administration (NOAA), lo ha trovato in gruppo di esemplari meno luminosi.

- Prosegue dopo la pubblicità -

È solo il secondo squalo tascabile mai catturato o registrato, ha detto Grace in una nota. L’altro è stato trovato nel 1979 nell’Oceano Pacifico orientale.
Entrambi sono specie separate, ognuna da oceani diversi”, ha detto. “Entrambi sono estremamente rari.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Secondo il documento, lo squalo secerne un fluido splendente da una piccola ghiandola tascabile vicino alle sue pinne anteriori. Si pensa che aiuti ad attirare le prede, che sono attratte dal bagliore mentre il piccolo predatore, praticamente invisibile dal basso, attacca furtivamente.
La bioluminescenza è comune nel mare, Il NOAA stima che circa il 90% degli animali che vivono in acque libere e profonde siano bioluminescenti, sebbene la ricerca sulle creature di acque profonde sia scarsa.

Il bagliore di un animale è innescato da una reazione chimica che emette energia luminosa, secondo lo Smithsonian National Museum of Natural History. Gli organismi si illuminano per attirare un compagno, avvertire un aggressore di stare lontano o, nella maggior parte dei casi, fare attirare una preda.

Un esempio può essere un abitante del mare profondo, il seadevil nero attira la preda con un’appendice bioluminescente. Ricorda il pesce zanne con l’antenna luminosa che terrorizzava Marlin e Dory in “Alla ricerca di Nemo?” è molto reale e terrificante. Fedele al suo nome, attira la preda verso le mascelle facendo penzolare una spina bioluminescente dalla cima della sua testa, afferma l’Istituto di ricerca dell’acquario di Monterey Bay.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Ancora più affascinante, orde di plancton bioluminescente trasformano gli oceani in blu neon di notte, una risposta che fa sussultare i predatori pronti a sgranocchiarli. I risultati sono meno sorprendenti durante il giorno: le dinoflagellate (alghe) scoloriscono l’acqua in un fenomeno noto come marea rossa, secondo Scripps Institution of Oceanography.

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel).

- Prosegue dopo la pubblicità -