Perchè la maggior parte delle matite sono gialle?

I visitatori dell’Esposizione Universale del 1889 a Parigi entrarono nel quartiere fieristico all’ombra della Torre Eiffel di recente costruzione, una scintillante meraviglia di ferro battuto che si estendeva per quasi un metro e mezzo in aria. Una volta dentro, potevano osservare con impazienza una massiccia ricostruzione della Bastiglia o sussultare mentre Annie Oakley dimostrava la sua leggendaria abilità di tiro nello show di Buffalo Bill nel Wild West.

In mezzo a una miriade di spettacoli c’era un’innovazione piuttosto meno spettacolare, ma non meno influente, di un’azienda manifatturiera ceca di nome Hardtmuth Pencil. La sua ultima creazione è stata, come tutte le matite, da un nucleo di grafite alloggiato in una guaina di legno protettiva. Ciò che risaltava era il suo colore: la “matita di lusso” di Hardtmuth era dipinta di giallo.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Prima del 1889, le matite di altissima qualità venivano lasciate “lucidate al naturale”. I produttori di solito dipingevano le matite per cercare di nascondere le imperfezioni del legno. Di conseguenza, i colori tipici della vernice erano scuri: viola, rosso, marrone o nero.
Ma Hardtmuth stava cercando un modo per pubblicizzare il calibro della sua grafite piuttosto che del suo legno. “Per molto tempo la migliore grafite è venuta dall’ovest, in particolare l’Inghilterra”, ha spiegato il professore della Duke University Henry Petroski, autore di The Pencil: A History of Design and Circumstance. (Il primo deposito di grafite fu scoperto a Borrowdale, in Inghilterra, nel 1564, secoli prima dell’arrivo sulla scena delle matite gialle). Sebbene alla fine la fornitura britannica di grafite finì, presto “fu trovata una nuova e superiore fonte in Siberia.”

- Prosegue dopo la pubblicità -

Numerosi produttori di matite, tra cui Hardtmuth, acquistavano la loro grafite dalla Siberia, la vasta provincia russa che condivide il confine con la Cina. Quella vicinanza geografica è stata la chiave per Hardtmuth quando ha ideato il suo schema di marketing.
In Cina, il giallo era stato a lungo legato ai reali. Il leggendario sovrano considerato il capostipite della civiltà cinese era noto come Imperatore Giallo; così, secoli dopo, nella Cina imperiale, solo alla famiglia reale fu permesso di indossare il giallo. Alla fine è arrivato a rappresentare la felicità, la gloria e la saggezza.

Hardtmuth ha optato per il giallo per comunicare le origini geografiche della grafite, collegando al contempo il suo prodotto alle associazioni cinesi di lunga data della regalità, e quindi alla superiorità.
Per enfatizzare ulteriormente il punto, Hardtmuth ha soprannominato la sua nuova linea di matite gialle “Koh-I-Noor” come il diamante di fama mondiale dei gioielli della corona britannica. “I diamanti sono grafite e il nome Koh-I-Noor – essendo il nome di un diamante così squisito – è stato scelto deliberatamente per suggerire la qualità della grafite nella matita”, ha osservato Petroski. La sua matita gialla era così popolare che la società cambiò il proprio nome in Koh-I-Noor Hardtmuth.

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Sebbene Koh-I-Noor Hardtmuth sia stato il primo a produrre matite gialle, Faber e Dixon Ticonderoga l’hanno seguito (Quest’ultimo è ora responsabile dell’onnipresente matita HB 2 richiesta per i test standardizzati). “I produttori di matite in competizione hanno colorato le matite in giallo e hanno dato loro nomi orientali per suggerire che la grafite contenuta fosse ugualmente buona“, ha detto Petroski.

E ha funzionato. Un esperimento condotto da Faber a metà del 20 ° secolo: La società ha distribuito 1.000 matite – metà gialle e metà verdi – a un gruppo di test. Mentre entrambi i set di matite erano identici a parte il loro colore, le matite verdi venivano restituite in massa con lamentele per la loro scarsa qualità.
Certo, non tutte le matite oggi sono dipinte di giallo. Molti sono il colore di un logo aziendale o sono multicolor. Ma la matita come la concepiamo nello stile classico è legata al genio del marketing dei produttori di matite del XIX secolo:gialla.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel).

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo >https://t.me/globochannel<. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina >www.facebook.com/GloboChanneldotcom<. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1, su instagram.com/globo_channe_ita/ e su linkedin.com/company/globochannel.